Gran Premio del Sudafrica 1978

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sudafrica Gran Premio del Sudafrica 1978
300º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 3 di 16 del Campionato 1978
Kyalami 1968layout.svg
Data 4 marzo 1978
Nome ufficiale XII The Citizen and Asseng Grand Prix of South Africa
Circuito Kyalami
Percorso 4,104 km
Distanza 78 giri, 320,112 km
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Austria Niki Lauda Stati Uniti Mario Andretti
Brabham-Alfa Romeo in 1'14"45 Lotus-Ford Cosworth in 1'17"09
(nel giro 2)
Podio
1. Svezia Ronnie Peterson
Lotus-Ford Cosworth
2. Francia Patrick Depailler
Tyrrell-Ford Cosworth
3. Regno Unito John Watson
Brabham-Alfa Romeo

Il Gran Premio del Sudafrica 1978 è stata la terza prova della stagione 1978 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa sabato 4 marzo 1978 sul Circuito di Kyalami. La gara è stata vinta dallo svedese Ronnie Peterson, su Lotus-Ford Cosworth; per il vincitore si trattò del nono successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo il francese Patrick Depailler su Tyrrell-Ford Cosworth e il britannico John Watson su Brabham-Alfa Romeo. La gara fu il trecentesimo gran premio valido come prova del campionato mondiale di Formula 1.

Vigilia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppi futuri[modifica | modifica sorgente]

La Scuderia Ferrari minacciò l'abbandono della FOCA, l'associazione che riuniva i costruttori. La Ferrari si lamentava del fatto che le decisioni assunte nel dicembre del 1977, in una riunione svolta a Modena, che prevedevano che a Enzo Ferrari fosse lasciata la gestione sportiva dell'associazione, fossero poi state modificate in una successiva riunione tenuta a Londra il 1º febbraio 1978. In questa riunione la carica di Bernie Ecclestone, patron della Brabham, e presidente amministrativo della FOCA, era stata ampliata anche a presidente esecutivo.[1]

Venne messa in dubbio la tenuta del Gran Premio di Long Beach in quanto gli organizzatori non avevano ancora saldato l'ingaggio per le scuderie dell'anno precedente.[2]

Aspetti tecnici[modifica | modifica sorgente]

La Ferrari presentò il modello 312 T3, mentre la Brabham fece esordire la BT46A. L'esordiente francese Martini portò il modello Mk23. Tico Martini, patron della scuderia, aveva già ottenuto grossi risultati nelle serie minori, come la Formula 2 e la Formula 3, tanto che suoi telai avevano già vinto la F2 europea nel 1975 e 1977. La rientrante Renault si affidò ancora agli pneumatici Michelin.

Aspetti sportivi[modifica | modifica sorgente]

Lo svolgimento del gran premio fu in dubbio fino al 24 gennaio poi, grazie all'arrivo di nuovi sponsor, la gara venne confermata.[3]

All'Arrows, oltre Patrese, viene iscritto anche Rolf Stommelen, che mancava dal Gran Premio d'Italia 1976, corso con la Brabham. Stommelen, di fatto, sostituì Gunnar Nilsson, gravemente malato.[4] Al posto di Nilsson venne prospettato anche l'ingaggio di Ian Scheckter, pilota sudafricano.[5]

La Theodore iscrisse un esordiente, il finlandese Keke Rosberg, al posto di Eddie Cheever che sostituì invece Divina Galica alla Hesketh. Rosberg aveva chiuso al sesto posto il Campionato europeo di Formula 2 1977.

La Martini affidò la sua vettura all'esordiente René Arnoux, pilota che con un telaio della casa francese aveva vinto la Formula 2 nel 1977. L'altra scuderia francese che fece l'esordio, anche se solo stagionale, la Renault, portò Jean-Pierre Jabouille, come l'anno precedente. L'Ensign confermò, rispetto ai due gran premi sudamericani, il solo Lamberto Leoni. Venne messa in dubbio la prosecuzione del rapporto tra la Surtees e Vittorio Brambilla, ma il pilota monzese alla fine partecipò al gran premio.[6]

Qualifiche[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

Nella prima sessione di prove il miglior crono fu fatto da Niki Lauda su Brabham. L'austriaco chiuse in 1'14"65, precedendo Mario Andretti e James Hunt. Inizialmente il miglior tempo era stato attribuito proprio al britannico (in 1'14"34) ma, successivamente, non avendo nessun altro cronometristra segnalato tale tempo, non venne confermato. Lauda fu anche protagonista di un incidente con Jean-Pierre Jarier: la sua vettura colpì quella del francese che decollò parzialmente. Non vi furono conseguenze fisiche per i piloti.[7]

Il venerdì la pista peggiorò, e nessuno fu capace di battere il tempo fatto segnare da Lauda il giorno precedente. Per l'austriaco fu la prima pole ottenuta con la Brabham, la ventiquattresima, e ultima, nel mondiale. All'epoca Lauda era il terzo pilota per numero di pole, dopo Jim Clark e Juan-Manuel Fangio. La prima fila venne confermata per Mario Andretti (che usò il muletto dopo i problemi all'accensione della vettura titolare nelle libere), mentre Hunt e Patrick Tambay conquistarono la seconda fila. Finirono dietro le Ferrari, penalizzate da l'assenza di vere gomme Michelin da qualifica.[8]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Nella sessione di qualifica[9] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Griglia
1 1 Austria Niki Lauda Regno Unito Brabham-Alfa Romeo 1'14"65 1
2 5 Stati Uniti Mario Andretti Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1'14"90 2
3 7 Regno Unito James Hunt Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'15"14 3
4 8 Francia Patrick Tambay Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'15"30 4
5 20 Sudafrica Jody Scheckter Canada Wolf-Ford Cosworth 1'15"32 5
6 15 Francia Jean-Pierre Jabouille Francia Renault 1'15"36 6
7 35 Italia Riccardo Patrese Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 1'15"48 7
8 12 Canada Gilles Villeneuve Italia Ferrari 1'15"50 8
9 11 Argentina Carlos Reutemann Italia Ferrari 1'15"52 9
10 2 Regno Unito John Watson Regno Unito Brabham-Alfa Romeo 1'15"62 10
11 6 Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1'15"94 11
12 4 Francia Patrick Depailler Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 1'15"97 12
13 3 Francia Didier Pironi Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 1'16"38 13
14 26 Francia Jacques Laffite Francia Ligier-Matra 1'16"40 14
15 14 Brasile Emerson Fittipaldi Brasile Fittipaldi-Ford Cosworth 1'16"47 15
16 9 Germania Jochen Mass Germania ATS-Ford Cosworth 1'16"60 16
17 10 Francia Jean-Pierre Jarier Germania ATS-Ford Cosworth 1'17"12 17
18 27 Australia Alan Jones Regno Unito Williams-Ford Cosworth 1'17"16 18
19 30 Stati Uniti Brett Lunger Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 1'17"30 19
20 19 Italia Vittorio Brambilla Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 1'17"32 20
21 36 Germania Rolf Stommelen Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 1'17"49 21
22 25 Messico Hector Rebaque Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 1'17"50 22
23 18 Regno Unito Rupert Keegan Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 1'17"57 23
24 32 Finlandia Keke Rosberg Hong Kong Theodore-Ford Cosworth 1'17"62 24
25 24 Stati Uniti Eddie Cheever Regno Unito Hesketh-Ford Cosworth 1'17"83 25
26 37 Italia Arturo Merzario Italia Merzario-Ford Cosworth 1'18"15 26
NQ 31 Francia René Arnoux Francia Martini-Ford Cosworth 1'18"21 NQ
NQ 17 Svizzera Clay Regazzoni Regno Unito Shadow-Ford Cosworth 1'18"30 NQ
NQ 22 Italia Lamberto Leoni Regno Unito Ensign-Ford Cosworth 1'18"38 NQ
NQ 16 Germania Hans-Joachim Stuck Regno Unito Shadow-Ford Cosworth 1'18"45 NQ

Gara[modifica | modifica sorgente]

Resoconto[modifica | modifica sorgente]

La pioggia del mattino lasciò spazio al sole per la gara. Mario Andretti e Jody Scheckter scattarono meglio di Niki Lauda che si ritrovò così terzo, seguito da James Hunt, Jean-Pierre Jabouille e Riccardo Patrese, scattato dalla settima piazza. Chi partì male fu Patrick Tambay, quarto in griglia, che bruciò la frizione e si trovò ultimo, al termine del primo giro.

Patrese passò Jabouille già al quarto giro e scalò di un'ulteriore posizione quando, due giri dopo, James Hunt si ritirò col motore rotto. Dalle retrovie stava rinvenendo Patrick Depailler che passò John Watson e Jean-Pierre Jabouille, mentre Patrese riusciva ad accodarsi alla coppia Scheckter-Lauda. Al giro 19 il padovano dell'Arrows prese una posizione anche a Lauda e entrò sul podio virtuale della gara.

Mario Andretti condusse la gara fino a quando gli pneumatici non si surriscaldarono: fu poi passato da Scheckter e Patrese. Patrese conquistò la vetta della gara al ventisettesimo giro, con un sorpasso alla prima staccata. Continuava anche la rincorsa di Depailler: passò Andretti al giro 24 e Lauda al giro 26. La classifica vedeva perciò in testa Riccardo Patrese, seguito da Jody Scheckter, Patrick Depailler, Niki Lauda, Mario Andretti, John Watson e Jean-Pierre Jabouille. Due giri dopo il francese della Tyrrell sorpassò anche il pilota locale Scheckter, e si pose al secondo posto. Scheckter peggiorò il suo ritmo e venne presto passato anche da Lauda e Andretti.

Al giro 52 si ritirò Lauda per un guasto all'impianto dell'olio del motore, e l'altro pilota della Brabham, Watson, rovinò la sua gara con un testacoda, che gli costò una posizione. Ora dietro a Patrese e Depailler, c'era Mario Andretti, seguito da Ronnie Peterson. Intanto, al giro 53, Rupert Keegan perse dell'olio dalla sua monoposto, prima della parte mista del tracciato. Tre giri dopo Carlos Reutemann non si avvide del pericolo e finì fuori pista, ritirandosi.

La gara di Riccardo Patrese terminò a 15 giri dal termine, per un guasto al propulsore. Prese il comando Patrick Depailler, seguito da Andretti, Peterson, Watson, Jones e Laffite.

Mario Andretti era però penalizzato dalla poca benzina rimastagli, così venne passato da Ronnie Peterson, a tre giri dal termine. L'italoamericano sarà poi costretto a una sosta ai box per aggiungere del carburante e poter finire la gara, anche se fuori dalla zona dei punti.

All'inizio dell'ultimo giro Patrick Depailler godeva ancora di buon vantaggio su Peterson. Alla prima staccata, quella della Crowthorne, Depailler doppiò Rebaque ma, dalla sua vettura, uscivano dei fumi azzurognoli che indicavano che anche la Tyrrell del francese era rimasta senza benzina. Peterson raggiunse la vettura del francese: le due macchine viaggiarono ruota contro ruota nel tratto centrale del circuito. Depailler riuscì a mettere il suo musetto avanti all'altezza della Sunset ma, all'uscita della curva a sinistra Clubhouse, Peterson affiancò la Tyrrell ormai all'asciutto e alle Esses passò in testa e condusse fino all'arrivo. Per lo svedese fu la nona vittoria nel mondiale, la prima dal Gran Premio d'Italia 1976. Dietro fu comunque secondo Depailler; terzo Watson, poi Alan Jones, Jacques Laffite e Didier Pironi, che chiuse la zona punti.[10]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

I risultati del gran premio[11] furono i seguenti:

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Pos. Griglia Punti
1 6 Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 78 1h42'15"767 12 9
2 4 Francia Patrick Depailler Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 78 + 0"466 11 6
3 2 Regno Unito John Watson Regno Unito Brabham-Alfa Romeo 78 + 4"442 10 4
4 27 Australia Alan Jones Regno Unito Williams-Ford Cosworth 78 + 30"986 18 3
5 26 Francia Jacques Laffite Francia Ligier-Matra 78 + 1'09"218 13 2
6 3 Francia Didier Pironi Regno Unito Tyrrell-Ford Cosworth 77 + 1 giro 14 1
7 5 Stati Uniti Mario Andretti Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 77 + 1 giro 2
8 10 Francia Jean-Pierre Jarier Germania ATS-Ford Cosworth 77 + 1 giro 17
9 36 Germania Rolf Stommelen Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 77 + 1 giro 22
10 25 Messico Hector Rebaque Regno Unito Lotus-Ford Cosworth 77 + 1 giro 21
11 30 Stati Uniti Brett Lunger Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 76 + 2 giri 20
12 19 Italia Vittorio Brambilla Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 76 + 2 giri 19
Rit 35 Italia Riccardo Patrese Regno Unito Arrows-Ford Cosworth 63 Motore 7
Rit 20 Sudafrica Jody Scheckter Canada Wolf-Ford Cosworth 59 Testacoda 5
Rit 8 Francia Patrick Tambay Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 56 Incidente 4
Rit 12 Canada Gilles Villeneuve Italia Ferrari 55 Perdita d'olio 8
Rit 11 Argentina Carlos Reutemann Italia Ferrari 55 Testacoda 9
Rit 1 Austria Niki Lauda Regno Unito Brabham-Alfa Romeo 52 Motore 1
Rit 18 Regno Unito Rupert Keegan Regno Unito Surtees-Ford Cosworth 52 Motore 23
Rit 9 Germania Jochen Mass Germania ATS-Ford Cosworth 43 Motore 15
Rit 37 Italia Arturo Merzario Italia Merzario-Ford Cosworth 39 Sospensione 26
Rit 15 Francia Jean-Pierre Jabouille Francia Renault 38 Motore 6
Rit 32 Finlandia Keke Rosberg Hong Kong Theodore-Ford Cosworth 15 Frizione 24
Rit 14 Brasile Emerson Fittipaldi Brasile Fittipaldi-Ford Cosworth 9 Trasmissione 16
Rit 24 Stati Uniti Eddie Cheever Regno Unito Hesketh-Ford Cosworth 8 Perdita d'olio 25
Rit 7 Regno Unito James Hunt Regno Unito McLaren-Ford Cosworth 5 Motore 3
NQ 31 Francia René Arnoux Francia Martini-Ford Cosworth
NQ 17 Svizzera Clay Regazzoni Regno Unito Shadow-Ford Cosworth
NQ 23 Italia Lamberto Leoni Regno Unito Ensign-Ford Cosworth
NQ 16 Germania Hans Joachim Stuck Regno Unito Shadow-Ford Cosworth

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ferrari si prepara a lasciare i costruttori della Formula 1 in La Stampa, 8-2-1978, p. 15.
  2. ^ Forse a Long Beach niente gran premio in La Stampa, 4-3-1978, p. 19.
  3. ^ Kyalami, la gara si farà in Stampa Sera, 24-1-1978, p. 16.
  4. ^ Nilsson incurabile? in Stampa Sera, 7-2-1978, p. 32.
  5. ^ (ES) Xavier Ventura, Gunnar Nilsson no volvera a pilotar un F-1 in El Mundo Deportivo, 1-3-1978, p. 25. URL consultato il 3-7-2012.
  6. ^ Brambilla e Surtees, divorzio quasi sicuro in La Stampa, 1-2-1978, p. 19.
  7. ^ Ercole Colombo, Lauda in Sud Africa, safari e miglior tempo in Stampa Sera, 2-3-1978, p. 19.
  8. ^ Ercole Colombo, Reutemann male, Villeneuve meglio in Stampa Sera, 3-3-1978, p. 17.
  9. ^ Risultati delle qualifiche
  10. ^ Ercole Colombo, Patrese sogna, Peterson vince in La Stampa, 5-3-1978, p. 19.
  11. ^ Risultati del gran premio
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1978
Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1977
Gran Premio del Sudafrica
Edizione successiva:
1979
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1