Formula Ford

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Formula Ford
Categoria Monoposto
Nazione Internazionale
Prima edizione 1967
Motori *1600 cm³ Ford Kent
*1800 cm³, 16-v Zetec
*1600 cm³, 16-v DOHC Duratec

Formula Ford è un campionato monomarca per vetture a ruote scoperte, attualmente dotate di motori di serie Ford Duratec 1600 GT.

Nata in Inghilterra alla fine degli anni sessanta, La Formula Ford si è diffusa in molti paesi del mondo già dal 1972: sono nati campionati nazionali di Formula Ford in Europa (Austria, Belgio, Danimarca, Italia, Olanda, Portogallo, Svezia), in America (Brasile, Canada, U.S.A.), in Australia e in Nuova Zelanda.

In Italia attualmente esiste la Formula Ford Challenge (dal 2008 il nome è divenuto Trofeo Formula Libera), un campionato organizzato e gestito dalla Scuola Piloti di Henry Morrogh[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Formula Ford nacque, e tutt'oggi esiste, con lo scopo di formare giovani piloti di talento da lanciare successivamente nel mondo dell’automobilismo professionistico.

L'invenzione della Formula Ford è attribuita a John Webb e Geoff Clarke: il primo era direttore responsabile del Circuito di Brands Hatch in Inghilterra, il secondo era il capo della scuola per piloti "Motor Racing Stables", attiva nello stesso circuito. Clarke adoperava nella sua scuola le vetture di Formula 3, la cui costruzione e manutenzione era però troppo onerosa: in particolare i motori non reggevano a lungo e le gomme da gara erano molto costose. Ebbe pertanto l'idea di sostituire il motore con un OHV 1600 cm³ Ford Kent, quello standard della Ford Cortina, di adoperare pneumatici stradali e di montare un telaio in acciaio appositamente realizzato dalla Lotus. Ne derivò una vettura veloce, affidabile e molto poco costosa.

La prima gara di Formula Ford venne disputata presso il Circuito di Brands Hatch il 12 luglio 1967: la vittoria andò a Ray Allen, alla guida di una Lotus 51; le vetture alla partenza erano tredici. Nei mesi immediatamente successivi l'interesse verso questo campionato crebbe improvvisamente, e negli anni settanta ci fu un vero e proprio boom, che proseguì anche nel decennio successivo. Dal 1972 furono creati campionati nazionali di Formula Ford in Europa (Austria, Belgio, Danimarca, Italia, Olanda, Portogallo, Svezia), in America (Brasile, Canada, U.S.A.), in Australia e in Nuova Zelanda.

Si calcola che tra gli anni settanta e gli anni ottanta siano state oltre 150 le marche produttrici di autovetture per Formula Ford, per un totale di oltre 8 000 veicoli e 30 000 piloti in tutto il mondo.

Ogni anno si svolge il Formula Ford Festival, un appuntamento di gare cui partecipano piloti dei più disparati paesi del mondo, è una specie di campionato del mondo di Formula Ford.

Vetture[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'iniziale OHV 1600 cm³ Ford Kent della Ford Cortina, nel 1994 la Ford sostituì il vecchio motore 1600 Ford Kent cm³ con un 1800 cm³, 16-valvole Zetec. Nel 2006 fu adottato ancora un nuovo motore: 1600 cm³, 16-valvole DOHC Duratec.

Le più popolari marche costruttrici di telai sono attualmente: Van Diemen, Mygale e Spectrum. Nel corso degli anni alcune delle marche storiche del mondo automobilistico hanno preso parte alla Formula Ford; tra di esse: Titan, Lotus, Merlyn, Hawke, Citation, Swift, Euroswift, Elden, Reynard, Crosslé, Lola, Zink Bowin, Royale, Cooper, Toleman.

Piloti[modifica | modifica wikitesto]

I piloti che hanno gareggiato in Formula Ford e che successivamente sono approdati in Formula 1 sono numerosissimi. Tra coloro che poi si sono laureati campioni in Formula 1 vi sono: Emerson Fittipaldi, Jody Scheckter, James Hunt, Mika Hakkinen, Damon Hill, Nigel Mansell, Ayrton Senna e Michael Schumacher.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Trofeo Formula Libera. URL consultato il 24-02-2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

automobilismo Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo