Ferrari 575M Maranello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferrari 575M Maranello
Ferrari 575M Maranello.jpg
Ferrari 575M Maranello
Descrizione generale
Costruttore Italia  Ferrari
Tipo principale Coupé
Altre versioni Convertibile
Produzione dal 2002 al 2006
Sostituisce la Ferrari 550 Maranello
Sostituita da Ferrari 599
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.555 mm
Larghezza 1.935 mm
Altezza 1.277 mm
Passo 2.500 mm
Massa 1.730 kg
Altro
Stile Pininfarina
Stessa famiglia Ferrari 612 Scaglietti
Auto simili Lamborghini Murciélago
Mercedes-Benz SL 55 AMG
Aston Martin Vanquish
Porsche 911 GT2
Superamerica.jpg
Posteriore della versione Superamerica

La Ferrari 575M Maranello è un'autovettura coupé presentata nel 2002 dalla casa di Maranello la cui sigla deriva dalla cilindrata e dalla lettera "M" dal significato di "modificata".

Questa supercar Ferrari monta un motore da 5.75 litri con dodici cilindri a V da 515 CV (379 kw) a 7250 giri, e 60 kgm a 5250 giri (588,6 Nm) di coppia motrice massima, con un incremento medio di 1,5 kgm tra 1000 e 4000 giri rispetto al propulsore precedentemente installato sulla Ferrari 550 Maranello. Lo stesso propulsore è stato montato anche sulla Ferrari 612 Scaglietti. Supera i 300 km/h e raggiunge i 100 km/h in soli 4,1 secondi. È stata la prima Ferrari a 12 cilindri a montare il cambio tipo Formula 1. Il prezzo al lancio del modello era di 196.000 per la versione col cambio manuale e di 204.000€ col cambio elettroattuato F1 (entrambi a 6 marce). Nel 2006 è stata presentata la sua erede, la Ferrari 599 GTB Fiorano.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

  • Cilindrata: 5748 cm³
  • Alesaggio x corsa: 89x77 mm
  • Distribuzione: bialbero a camme in testa
  • Numero valvole: 4 per cilindro
  • Rapporto compressione: 11:1
  • Alimentazione: iniezione elettronica Bosch Motronic M 7.1
  • Raffreddamento: ad acqua
  • Lubrificazione: a carter secco
  • Potenza max: 515 cv a 7250 giri/min.

Telaio[modifica | modifica sorgente]

  • Telaio: tubolare in acciaio
  • Sospensioni: ruote indipendenti, molle elicoidali, ammortizzatori telescopici, barra antirollio, bracci triangolari sovrapposti (all'anteriore), quadrilateri deformabili (al posteriore)
  • Freni: a disco autoventilanti
  • Sterzo: a cremagliera

Trasmissione[modifica | modifica sorgente]

  • Trazione: posteriore
  • Frizione: monodisco a secco
  • Cambio: in blocco col differenziale (6 rapporti + retromarcia)

Prestazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Velocità max: 325 km/h
  • 0/100 km/h: 4.2sec.

Versioni speciali[modifica | modifica sorgente]

575 GTC[modifica | modifica sorgente]

Dalla 575M Maranello derivò una vettura da corsa, la 575 GTC. Rispetto al modello da cui traeva origine, possedeva una carreggiata più larga ed altre caratteristiche che la rendevano adatta a competizioni su pista[1].

575 GTZ[modifica | modifica sorgente]

Il collezionista giapponese Yoshiyuki Hayashi voleva celebrare il cinquantesimo anniversario della gamma del modello 250 e per farlo commissionò a Zagato una one-off: doveva avere come base una 575M ed ispirarsi alla 250 GTZ (o 250 GT Zagato). Anche grazie all’appoggio della Ferrari la carrozzeria realizzò il progetto includendo il suo caratteristico tetto a doppia bolla e presentandolo al Salone dell'automobile di Ginevra nel 2006.

575 Superamerica[modifica | modifica sorgente]

Ferrari 575 Superamerica

Nel 2005 venne presentata la versione chiamata 575 Superamerica in produzione limitata a 559 esemplari, che presentava un potenziamento del motore a 540 CV. Si trattava di una targa con tetto rigido, realizzato dallo stilista Leonardo Fioravanti, che, a richiesta, poteva essere in vetro termico ad oscuramento autoadattativo (a seconda dell'intesità della luce solare) e dotato di pannelli fotovoltaici in grado di mantenere, nell'abitacolo, la temperatura preimpostata dal proprietario.

La 575M Maranello nei media[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La "575 GTC sul sito ufficiale della Ferrari
  2. ^ http://www.imcdb.org/vehicle_2099-Ferrari-575M-Maranello.html IMCDB: Ferrari 575M Maranello
  3. ^ Portfolio: Ferrari the race experience. URL consultato il 05 marzo 2013.