Ferrari 288 GTO

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferrari 288 GTO
Ferrari 288GTO.JPG
Ferrari 288 GTO
Descrizione generale
Costruttore Italia  Ferrari
Tipo principale berlinetta
Produzione dal 1984 al 1985
Sostituisce la Ferrari 250 GTO
Sostituita da Ferrari F40
Esemplari prodotti 272
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.290 mm
Larghezza 1.910 mm
Altezza 1.120 mm
Passo 2.450 mm
Massa 1.160 kg
Altro
Stile Pininfarina
Stessa famiglia Ferrari 308 GTB

La Ferrari GTO, anche conosciuta come Ferrari 288 GTO, è un'autovettura prodotta dalla Ferrari tra il 1984 ed il 1985 in soli 272 esemplari.

La storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo della 288 GTO venne avviato, partendo dalla meccanica della 308 GTB per partecipare alle gare del Gruppo B. Mauro Forghieri, capo progettista Ferrari, coinvolse nella progettazione del nuovo modello anche la Michelotto Automobili (scuderia che correva con delle 308 GTB[1] dotate di carrozzeria in vetroresina).

A sottolineare la derivazione dalla 308 GTB della 288 GTO, presentata al salone dell'automobile di Ginevra del 1984, contribuiva anche la linea di Pininfarina. Esteticamente la nuova supercar di Maranello sembrava una 308 GTB gonfiata con gli steroidi, essendo una ulteriore esasperazione di quanto proposto a livello stilistico con lo studio 308 GTB Millechiodi: i parafanghi sono allargati per ospitare pneumatici da 225/55VR16 davanti e 265/50VR16 dietro, lo spoiler posteriore è maggiorato, le feritoie laterali ricordano la 250 GTO, sotto la calandra un generoso spoiler ospitava i gruppi ottici, la carrozzeria completamente nuova era in Kevlar. Il motore V8, la cui cilindrata era stata ridotta a 2855 cm³ (e dal quale derivò il motore delle sport-prototipo Lancia LC2), veniva sovralimentato da due turbocompressori IHI con due intercooler ed era montato longitudinalmente, a differenza della 308 GTB dotata di gruppo motore-cambio trasversale. Il cambio, dotato di radiatore dell'olio, era, inoltre, montato a sbalzo dietro al propulsore. Fu la prima Ferrari dotata di iniezione elettronica derivata dalla Formula 1 la Weber-Marelli IAW che ne addolciva leggermente il pur rude carattere.

Con una pressione di sovralimentazione di 0,9 bar e 400cv di potenza massima, per la 288 GTO erano dichiarati i 305 km/h di velocità massima e il tempo di 12,7 secondi per coprire i 400 metri con partenza da fermo. Nonostante i "numeri" da primato la vettura, priva di dispositivi elettronici di controllo, era assai nervosa a causa anche dell'erogazione della potenza poco lineare, dovuta al famoso ritardo di risposta dei motori turbo di quegli anni.

Il programma di partecipazione alle competizioni non venne mai portato a termine, ma i 272 esemplari di GTO, tutti prodotti nel classico colore Rosso Corsa, furono venduti rapidamente su prenotazione, ancora prima che la vettura entrasse in produzione. La sua erede fu la F40 del 1987, dotata di un'evoluzione dello stesso propulsore.

Versioni speciali[modifica | modifica wikitesto]

Ferrari 288 GTO Prototipo[modifica | modifica wikitesto]

Prima dell'avvio di produzione della vettura, la Ferrari costruì 4 prototipi della 288 GTO. Due di queste auto sono andate distrutte nel corso dei crash test. Un'altra è stata smontata e i componenti sono stati venduti come ricambi ad un cliente Ferrari la cui auto aveva subito un incidente. Solo una di queste vetture (con telaio 47649) resta quindi l'unica vettura sperimentale esistente ed essendo un prototipo non risulta tra i 272 esemplari di serie. L'auto è rimasta di proprietà della Ferrari fino al 1987 quando un cliente speciale Ferrari è riuscito ad acquistarla. Oggi l'auto si trova in condizioni originali eccellenti ed è stata scrupolosamente sottoposta a degli interventi di manutenzione presso il reparto Ferrari Classiche.

Ferrari 288 GTO Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

La 288 GTO Evoluzione

Nel corso del 1985 vennero costruiti 5 esemplari di 288 GTO Evoluzione allo scopo di schierarli nelle competizioni aperte al Gruppo B. La messa al bando per motivi di sicurezza, a partire dal 1987, di tale categoria convinse la Ferrari a trasformarle in vetture-laboratorio.

Le modifiche apportate comprendevano una nuova veste aerodinamica per la carrozzeria, interventi di rinforzo del telaio e alleggerimento della carrozzeria (con la massa totale ridotta a 940 kg) e l'elaborazione del motore (potenziato a 650cv mediante l'uso di turbocompressori di dimensioni maggiori, pistoni riprogettati e altri adeguamenti): a seguito di questi interventi la velocità massima è stata teorizzata intorno a 360 km/h, molto vicina a quella degli sportprototipi che dominavano la scena in quegli anni e con cui avrebbe dovuto competere nelle gare endurance. A occuparsi dell'allestimento di quelli che, di fatto, sarebbero stati a tutti gli effetti i muletti della successiva F40, fu direttamente la carrozzeria Michelotto di Padova. Le 288 GTO Evoluzione tuttora esistenti sono tre[2].

La 288 GTO nei media[modifica | modifica wikitesto]

  • In ambito televisivo, la 288 GTO compare, assieme ad altre Ferrari, nella seconda puntata della sedicesima stagione del famoso programma della BBC Top Gear.[3]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - Ferrari 288 GTO
Configurazione
Carrozzeria: Berlinetta Posizione motore: centrale Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4.290 × 1.910 × 1.1120 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 2.450 mm Carreggiate: anteriore 1.559 - posteriore 1.562 mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 2 Bagagliaio: Serbatoio: 120
Masse a vuoto: 1.160 kg / in ordine di marcia: 1.320 kg
Meccanica
Tipo motore: 8 cilindri a V da 90°, 2 turbocompressori con intercooler Cilindrata: Alesaggio 80 mm - Corsa 71 mm; totale: 2.855 cm³
Distribuzione: 4 alberi a camme in testa con 4 valvole in testa per cilindro Alimentazione: iniezione elettronica
Prestazioni motore Potenza: 400 CV a 7.000 giri/min
Frizione: bidisco Cambio: a 5 marce
Telaio
Corpo vettura tubolare
Sterzo a cremagliera
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti con barra stabilizzatrice / posteriori: a ruote indipendenti
Freni anteriori: a disco / posteriori: a disco
Pneumatici anteriori: 225/55 VR 16, posteriori: 265/50 VR 16
Prestazioni dichiarate
Velocità: dichiarata 305 - rilevata 292,3 km/h Accelerazione: 0-100 km/h: 4,9 secondi, 1 chilometro con partenza da fermo: 26,6 secondi
Consumi medio 22 litri/100 km
Altro
Rapporto di compressione 7,6:1
Fonte dei dati: Prova di Ruoteclassiche
Caratteristiche tecniche - Ferrari 288 GTO Evoluzione
Configurazione
Carrozzeria: Berlinetta Posizione motore: centrale Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Interasse: 2.450 mm Carreggiate: anteriore ? - posteriore ? mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 2 Bagagliaio: Serbatoio:
Masse a vuoto: 940 kg
Meccanica
Tipo motore: 8 cilindri a V da 90° "Type F114CK 90º V8", 2 turbocompressori IHI con intercooler Cilindrata: Alesaggio 79,9 mm - Corsa 71 mm; totale: 2.855 cm³
Distribuzione: 4 alberi a camme in testa con 4 valvole in testa per cilindro Alimentazione: iniezione elettronica
Prestazioni motore Potenza: 485 kW (650 BHP) a 7.800 giri/min
Frizione: multidisco Cambio: a 5 marce
Telaio
Corpo vettura Tubolare in acciaio
Sterzo a cremagliera
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti con barra stabilizzatrice / posteriori: a ruote indipendenti
Freni anteriori: a disco / posteriori: a disco
Pneumatici anteriori: 21/62 x 16, posteriori: 35/66 x 16
Prestazioni dichiarate
Velocità: dichiarata 370 km/h Accelerazione: 0-100 km/h: 4 secondi
Altro
Rapporto di compressione 7,8:1
Fonte dei dati: Ferrari 288 GTO Evoluzione, Storia di una mancata Gruppo B… “mamma” della F40

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Articolo sulla 308 GTB di Gruppo 4 allestita da Michelotto (su Ultimatecarpage.com). URL consultato il 07-10-2009.
  2. ^ (EN) La GTO Evoluzione
  3. ^ Top Gear - [16x02] - 2011.01.30 - Car Videos on StreetFire
  4. ^ Portfolio: Ferrari the race experience. URL consultato il 04 marzo 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

288 GTO
288 GTO Evoluzione