Digimon World

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Digimon World
Digimon-world.jpg
Logo del gioco, tratto dalla schermata iniziale.
Sviluppo Bandai
Pubblicazione Bandai (Giappone)

Infogrames (Europa)

Serie Digimon World
Data di pubblicazione Giappone 28 gennaio 1999
Flags of Canada and the United States.svg 23 maggio 2000
Flag of Europe.svg 6 luglio 2001
Genere Avventura, Simulatore di vita
Modalità di gioco 1 o 2 Giocatori
Piattaforma PlayStation
Supporto 1 CD-ROM
Fascia di età ELSPA: 3+
ESRB: Teen
Periferiche di input Controller
Seguito da Digimon World: Digital Card Battle

Digimon World (デジモンワールド, Dejimon Wārudo?, Digimon World) è un videogioco realizzato dalla Bandai per la piattaforma PlayStation. Questo gioco ha avuto sei seguiti: Digimon World: Digital Card Battle, Digimon World 2, Digimon World: Digital Card Arena, Digimon World 2003, Digimon World 4 e Digimon World Re:Digitize.

Poiché il gioco è stato pubblicato poco prima della messa in onda in Giappone della prima serie dei Digimon, Digimon Adventure, esso si basa totalmente sul Digimon virtual pet. Una diretta conseguenza di ciò è la completa mancanza del livello mega in questo gioco, giacché tale concetto è stato introdotto soltanto a partire dalla versione Pendulum.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia si incentra su un ragazzo, il protagonista[1], condotto sull'Isola di File allo scopo di riportarla agli antichi splendori. Ciò per volere di Jijimon, capo dell'ormai desolata File City, che gli racconta di come tutti i Digimon avessero perso inesorabilmente la propria memoria, divenendo di natura aggressiva e abbandonando la città. Il ragazzo è invitato, dunque, a riportare quanti più Digimon può in città, in modo tale da riportarla come un tempo. Lungo il cammino, egli è accompagnato da un Digimon partner (all'inizio un Agumon o un Gabumon, a seconda delle risposte date a certe domande) che deve accudire e allenare per poter affrontare tutti i possibili pericoli. Al progredire della storia, il protagonista scopre il piano malvagio di Analogman, un autentico genio del computer che, ritenendo i Digimon come possibili schiavi da porre al servigio degli esseri umani, ha in mente di ottenere il completo controllo dell'isola e di tutti i suoi abitanti. Al protagonista, dunque, non resta che sconfiggerlo, per poter riportare la pace a Digiworld.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco si incentra su due caratteristiche principali: l'allevamento del proprio Digimon ed il combattimento. Il primo elemento consiste nel nutrire il proprio compagno, permettergli di riposare quando ha sonno e di portarlo al bagno prima che sia troppo tardi. Crescendo e allenandosi, il proprio Digimon può assumere nuove forme più potenti, passando per i 5 livelli di digievoluzione presenti. Accudire il proprio Digimon nel migliore dei modi, contribuisce ad avere migliori progressi nel gioco, mentre un trattamento improprio può portare a pessime conseguenze, la prima delle quali ottenere un Sukamon non consentendogli di andare in bagno. Tuttavia, il Digimon può morire per eccessive sconfitte o, più semplicemente, per vecchiaia. Nel secondo caso, si può scegliere un nuovo Digiuovo e allevare il nuovo Digimon che ne uscirà.

Il secondo elemento del gioco, il combattimento, si fonda su alcuni comandi che il giocatore può imporre al proprio Digimon, come “Ritirata” o “Auto”. Col progredire della partita, si aggiungono altri nuovi comandi, tra cui “Attacca”. Solitamente un combattimento ha inizio quando le strade del protagonista e del Digimon selvatico si incrociano e, pertanto, talvolta è inevitabile affrontare uno scontro. Tuttavia, gli scontri sono necessari sia per permettere al proprio Digimon di acquisire nuove e più potenti tecniche, sia per ottenere denaro e, soprattutto, riportare le creature digitali a File City.

Accrescere la città, infatti, è altresì essenziale per rendere più facile l'allenamento del proprio Digimon e simili.

Il gioco, comunque, aggiunge a tutto questo un elevato numero di minigiochi, tra cui la pesca, l'arena per i tornei e il curling. Sono anche disponibili missioni minori, essenzialmente per reclutare nuovi Digimon o per altre sorprese nascoste. Infine, sono offerte al giocatore numerose imprese premiate con medaglie, consentendo così una prolungata partita anche dopo il completamento della storia principale.

Digimon presenti nel gioco[modifica | modifica wikitesto]

Digimon controllabili[modifica | modifica wikitesto]

Il Digimon del giocatore può digievolvere in uno dei sessantacinque Digimon riportati di seguito. Tutti i Digimon di livello intermedio, campione ed evoluto che possono essere ottenuti senza l'utilizzo di trucchi sono anche presenti come Digimon da riportare nella Città di File, ad eccezione di MegaSeadramon, HerculesKabuterimon e Phoenixmon.

Digimon non controllabili[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Le versioni importate presentano numerosi errori di programmazione, che minano l'esperienza di gioco e, nel caso specifico della versione PAL, rendono impossibile il completamento del gioco al 100%.[6]
  • La copertina della versione PAL raffigura i Digimon principali della prima serie animata, Digimon Adventure, nonostante alcuni di essi non siano proprio presenti (Gomamon) od ottenibili (Tentomon).
  • Per le carte dei Digimon e le insegne dei luoghi, è stata mantenuta la lingua giapponese anche nelle versioni importate.
  • La traduzione di Digimon World in inglese risulta molto frettolosa, presentando parecchi errori grammaticali e di spelling. Questi errori possono essere paragonati a quelli trovati in Dark Cloud, o altri videogiochi tradotti negli ultimi anni.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sebbene sia possibile personalizzarne il nome, egli è conosciuto col nome di Hiro, nome onomatopeico derivato dalla parola inglese "Hero" (Eroe). Questa, è una convenzione di denominazione comune per i personaggi di rpg di stampo nipponico.
  2. ^ a b c d e f Digimon ottenibili solo attraverso strumenti per la digievoluzione, acquisibili utilizzando trucchi.
  3. ^ a b c d e f Poiché il concetto di livello mega era stato appena introdotto ai tempi della creazione di questo gioco, non era ancora presente al suo interno e, di conseguenza, anche questi Digimon sono riportati come se fossero di Livello Evoluto.
  4. ^ Machinedramon è utilizzabile solamente nella modalità a due giocatori.
  5. ^ WereGarurumon è presente nel gioco solamente sotto forma di dati primari; di conseguenza, è del tutto privo di sprite e non si ha alcuna possibilità di interagire con esso. Nonostante ciò, lo si può ottenere comunque tramite codici, col rischio di far bloccare il gioco.
  6. ^ (Inglese) Digimon World Glitches, GamesFAQs. URL consultato il 20 dicembre 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]