Cristina Deutekom

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cristina Deutekom

Cristina Deutekom (Amsterdam, 28 agosto 1931Amsterdam, 7 agosto 2014) è stata un soprano olandese.

Biografia e carriera[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver compiuto gli studi al Conservatorio della città, iniziò un lungo tirocinio come comprimaria all’Opera di Amsterdam. Il debutto risale al 1963, quando interpretò con strepitoso successo la Regina della Notte nel Flauto magico di Mozart, ruolo che sosterrà nei principali teatri europei e al Metropolitan Opera di New York (1967). Al Wiener Staatsoper è la Regina della Notte in Die Zauberflöte con Lisa Della Casa e Christa Ludwig nel 1967, Amelia in Un ballo in maschera con Piero Cappuccilli nel 1972 e Norma (opera) nel 1977.

Al Teatro La Fenice di Venezia è Fiordiligi nella ripresa di "Così fan tutte ossia La scuola degli amanti" diWolfgang Amadeus Mozart nel 1968 con Tatiana Troyanos, la Regina della Notte nella ripresa eseguita in linqua italiana di "Il flauto magico" di W. A. Mozart nel 1969, Elvira Valton nella ripresa di "I puritani" di Vincenzo Bellini nel 1969 e nel 1976, Lucia nella ripresa di "Lucia di Lammermoor" di Gaetano Donizetti nel 1969, Armida nella prima rappresentazione di Armida (Rossini) con Ottavio Garaventa nel 1970, canta in un concerto diretta da Riccardo Muti nel 1970, Costanza ne Il ratto dal serraglio nel 1971 e Norma (opera) nel 1972. Il 21 ottobre del 1968 è la Regina della Notte in una rappresentazione del Die Zauberflöte al Covent Garden di Londra eseguita nella nuova versione inglese dell'opera di Adrian Mitchell con Stuart Burrows e Margaret Price.[1] Al San Francisco Opera è nuovamente la Regina della Notte in Die Zauberflöte nel 1969(ancora una volta in una versione cantata in lingua inglese, su libretto di Ruth e Thomas Martin.[2] e Norma con Tatiana Troyanos nel 1975. [3] All'Opera di Chicago nel 1970 è Lucia di Lammermoor con Richard Tucker. Nel 1971 è Norma nella ripresa nel Teatro Regio di Parma di Norma (opera) di Vincenzo Bellini. Al Teatro Verdi (Trieste) è Elvira Valton nella ripresa di "I puritani" con Renato Bruson nel 1972 e Norma nel 1973. Nel 1974 inaugurò la stagione lirica del Met con Placido Domingo e Sherrill Milnes nel ruolo di Elena ne I vespri siciliani di Giuseppe Verdi diretta da James Levine.

Nel frattempo ampliava il suo repertorio ad altre opere mozartiane (Donna Anna in Don Giovanni al Met nel 1974, Così fan tutte e La clemenza di Tito) e al repertorio belcantistico italiano dell’Ottocento (Rossini, Bellini, Donizetti), fino a comprendere i ruoli drammatici di Verdi (Abigaille, Lady Macbeth) e Puccini (Turandot). Nel 1975 è Amelia in Un ballo in maschera ad Edimburgo. All'Arena di Verona nel 1976 è Lucia di Lammermoor con Luciano Pavarotti e Bruson.

A Bilbao canta ne I Lombardi alla prima crociata ed I masnadieri (Verdi) nel 1976, Rigoletto nel 1977 e Amaya di Jesús Guridi nel 1986. Nel 1977 è Abigaille nella ripresa nel Teatro Comunale di Firenze di "Nabucco" di Giuseppe Verdi diretta da Riccardo Muti. Al Grand Théâtre di Ginevra è Medea (Cherubini) nel 1978 e Vitellia in La clemenza di Tito nel 1980. Al San Diego Opera canta ne I Lombardi alla prima crociata con Carlo Bergonzi nel 1979, il Requiem (Verdi) ed in Nabucco nel 1981, Turandot nel 1982, Enrico VIII di Camille Saint-Saëns nel 1983 e Norma nel 1986.

Ha cantato con i maggiori tenori del tempo: Franco Corelli, Luciano Pavarotti, Placido Domingo, José Carreras, Alfredo Kraus, Carlo Bergonzi e Nicolai Gedda. Si ritirò dalle scene nel 1987 dopo un attacco cardiaco, dedicandosi all’insegnamento in vari conservatori, dove tenne dei corsi di perfezionamento ("master classes"). Nel 2004, in seguito ad un ictus, si è ritirata anche dalla vita pubblica.

Vocalità e personalità interpretativa[modifica | modifica sorgente]

Voce ricca e piena, limpida, estesa e sonora, molto duttile e agile, è stata una grande interprete del repertorio soprano drammatico d'agilità del dopo-Callas, con una maggiore incisività nel settore della coloratura estrema, insuperata Regina della notte grazie all'impeccabile tecnica di coloratura; hanno invece suscitato perplessità certe sue interpretazioni di personaggi drammatici a causa di una mancanza d'incisività nel fraseggio. Come attrice possedeva vivacità, grazia, fascino e senso della misura.

Morte[modifica | modifica sorgente]

Muore la notte del 7 agosto del 2014, dopo le conseguenze di una caduta, all'ospedale VU di Amsterdam, sua città natale. Il suo ex manager ha affermato che è stata attiva e in forma fino alla morte. [4]

CD parziale[modifica | modifica sorgente]

Anno Titolo
Ruolo
Cast Direttore Casa
1969 Die Zaüberflote
Königin der Nacht
Stuart Burrows, Pilar Lorengar, Hermann Prey Georg Solti Decca
1971 I Lombardi alla prima crociata
Giselda
Placido Domingo, Ruggero Raimondi Lamberto Gardelli Philips
1972 Attila
Odabella
Ruggero Raimondi, Carlo Bergonzi, Sherrill Milnes Lamberto Gardelli Philips

Repertorio[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 115932112 LCCN: n81082522

  1. ^ {{Cita web|url=http://www.rohcollections.org.uk/performance.aspx?performance=14399&row=5
  2. ^ {{Cita web|url= http://archive.sfopera.com/reports/rptOpera-id941.pdf
  3. ^ {{Cita web|url= http://archive.sfopera.com/reports/rptOpera-id660.pdf
  4. ^ [1]