Campionato del mondo di hockey su pista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campionato Mondiale di hockey pista maschile
Sport Roller hockey pictogram.svg Hockey su pista
Organizzatore FIRS
Cadenza biennale
Apertura autunno
Sito Internet http://www.rollersports.org/
Storia
Fondazione 1936
Numero edizioni 41
Detentore Spagna Spagna
Maggiori titoli Spagna Spagna (16)
Ultima edizione Angola 2013
Prossima edizione La Roche-sur-Yon 2015

Il Campionato del Mondo di hockey su pista è una competizione tra le migliori squadre nazionali maschili del mondo, chiamata anche Campionato del Mondo - A. Si tiene ogni due anni, ed è organizzata dalla Fédération Internationale de Roller Sports.

Campionato A e Campionato B[modifica | modifica sorgente]

L'hockey su pista ha due Campionati del Mondo: un Campionato A e un Campionato B. Il Gruppo A consiste delle sedici migliori rappresentative mondiali, mentre il Gruppo B raduna le sedici rappresentative di livello inferiore. Ogni Campionato si svolge ogni due anni ad anni alterni: il Campionato A negli anni dispari e il Campionato B negli anni pari. Le nazioni che conquistano le prime tre posizioni nel Campionato B guadagnano l'accesso al Campionato A dell'anno successivo, mentre le tre peggiori nazioni del Campionato A sono retrocesse a quello B.

Albo d'oro[modifica | modifica sorgente]

Campionato A[modifica | modifica sorgente]

Campionato europeo e mondiale
Anno Sede Vincitore 2º posto 3º posto 4º posto
1936 (dettagli) Germania Stoccarda Inghilterra Inghilterra Italia Italia Portogallo Portogallo Svizzera Svizzera
1939 (dettagli) Svizzera Montreux Inghilterra Inghilterra Italia Italia Portogallo Portogallo Belgio Belgio
1947 (dettagli) Portogallo Lisbona Portogallo Portogallo Belgio Belgio Spagna Spagna Italia Italia
1948 (dettagli) Svizzera Montreux Portogallo Portogallo Inghilterra Inghilterra Italia Italia Spagna Spagna
1949 (dettagli) Portogallo Lisbona Portogallo Portogallo Spagna Spagna Italia Italia Belgio Belgio
1950 (dettagli) Italia Milano Portogallo Portogallo Italia Italia Svizzera Svizzera Spagna Spagna
1951 (dettagli) Spagna Barcellona Spagna Spagna Portogallo Portogallo Italia Italia Belgio Belgio
1952 (dettagli) Portogallo Oporto Portogallo Portogallo Italia Italia Spagna Spagna Belgio Belgio
1953 (dettagli) Svizzera Ginevra Italia Italia Portogallo Portogallo Spagna Spagna Svizzera Svizzera
1954 (dettagli) Spagna Barcellona Spagna Spagna Portogallo Portogallo Italia Italia Belgio Belgio
1955 (dettagli) Italia Milano Spagna Spagna Italia Italia Portogallo Portogallo Svizzera Svizzera
1956 (dettagli) Portogallo Oporto Portogallo Portogallo Spagna Spagna Italia Italia Germania Ovest Germania Ovest
Campionato del Mondo
Anno Sede Vincitore 2º posto 3º posto 4º posto
1958 (dettagli) Portogallo Oporto Portogallo Portogallo Spagna Spagna Italia Italia Paesi Bassi Paesi Bassi
1960 (dettagli) Spagna Madrid Portogallo Portogallo Spagna Spagna Argentina Argentina Italia Italia
1962 (dettagli) Cile Santiago del Cile Portogallo Portogallo Italia Italia Spagna Spagna Svizzera Svizzera
1964 (dettagli) Spagna Barcellona Spagna Spagna Portogallo Portogallo Italia Italia Argentina Argentina
1966 (dettagli) Brasile San Paolo del Brasile Spagna Spagna Portogallo Portogallo Argentina Argentina Italia Italia
1968 (dettagli) Portogallo Oporto Portogallo Portogallo Spagna Spagna Argentina Argentina Italia Italia
1970 (dettagli) Argentina San Juan Spagna Spagna Portogallo Portogallo Italia Italia Argentina Argentina
1972 (dettagli) Spagna La Coruña Spagna Spagna Portogallo Portogallo Argentina Argentina Germania Ovest Germania Ovest
1974 (dettagli) Portogallo Lisbona Portogallo Portogallo Spagna Spagna Argentina Argentina Germania Ovest Germania Ovest
1976 (dettagli) Spagna Oviedo Spagna Spagna Argentina Argentina Portogallo Portogallo Germania Ovest Germania Ovest
1978 (dettagli) Argentina San Juan Argentina Argentina Spagna Spagna Portogallo Portogallo Germania Ovest Germania Ovest
1980 (dettagli) Cile Talcahuano e Santiago del Cile Spagna Spagna Argentina Argentina Portogallo Portogallo Cile Cile
1982 (dettagli) Portogallo Barcelos Portogallo Portogallo Spagna Spagna Argentina Argentina Cile Cile
1984 (dettagli) Italia Novara Argentina Argentina Italia Italia Portogallo Portogallo Spagna Spagna
1986 (dettagli) Brasile Sertãozinho Italia Italia Spagna Spagna Portogallo Portogallo Argentina Argentina
1988 (dettagli) Spagna La Coruña Italia Italia Spagna Spagna Portogallo Portogallo Argentina Argentina
1989 (dettagli) Argentina San Juan Spagna Spagna Portogallo Portogallo Italia Italia Cile Cile
1991 (dettagli) Portogallo Oporto e Braga Portogallo Portogallo Paesi Bassi Paesi Bassi Argentina Argentina Brasile Brasile
1993 (dettagli) Italia Bassano del Grappa, Lodi e Sesto S.G.[1] Portogallo Portogallo Italia Italia Argentina Argentina Spagna Spagna
1995 (dettagli) Brasile Recife Argentina Argentina Portogallo Portogallo Spagna Spagna Brasile Brasile
1997 (dettagli) Germania Wuppertal Italia Italia Argentina Argentina Spagna Spagna Portogallo Portogallo
1999 (dettagli) Spagna Reus Argentina Argentina Spagna Spagna Portogallo Portogallo Italia Italia
2001 (dettagli) Argentina San Juan Spagna Spagna Argentina Argentina Italia Italia Portogallo Portogallo
2003 (dettagli) Portogallo Oliveira de Azeméis Portogallo Portogallo Italia Italia Spagna Spagna Argentina Argentina
2005 (dettagli) Stati Uniti San Jose Spagna Spagna Argentina Argentina Portogallo Portogallo Italia Italia
2007 (dettagli) Svizzera Montreux Spagna Spagna Svizzera Svizzera Argentina Argentina Italia Italia
2009 (dettagli) Spagna Vigo Spagna Spagna Argentina Argentina Portogallo Portogallo Brasile Brasile
2011 (dettagli) Argentina San Juan Spagna Spagna Argentina Argentina Portogallo Portogallo Mozambico Mozambico
2013 (dettagli) Angola Luanda e Namibe Spagna Spagna Argentina Argentina Portogallo Portogallo Cile Cile
2015 (dettagli) Francia La Roche-sur-Yon
2017 (dettagli) Mozambico Maputo (non confermata)

Vittorie per Nazione[modifica | modifica sorgente]

Vittorie Nazione
16 Spagna Spagna
15 Portogallo Portogallo
4 Argentina Argentina
4 Italia Italia
2 Inghilterra Inghilterra
41 Totale

Campionato B[modifica | modifica sorgente]

Anno Sede Vincitore 2º posto 3º posto 4º posto
1984 Francia Parigi Francia Francia Belgio Belgio Inghilterra Inghilterra Angola Angola
1986 Messico Città del Messico Germania Germania Paesi Bassi Paesi Bassi Mozambico Mozambico Australia Australia
1988 Colombia Colombia Colombia Colombia Svizzera Svizzera Cile Cile Australia Australia
1990 Macao Macao Brasile Brasile Svizzera Svizzera Australia Australia Inghilterra Inghilterra
1992 Andorra Andorra Andorra Andorra Francia Francia Mozambico Mozambico Angola Angola
1994 Cile Cile Francia Francia Angola Angola Cile Cile Colombia Colombia
1996 Messico Città del Messico Stati Uniti Stati Uniti Paesi Bassi Paesi Bassi Colombia Colombia Andorra Andorra
1998 Macao Macao Cile Cile Stati Uniti Stati Uniti Mozambico Mozambico Andorra Andorra
2000 Inghilterra Chatham Inghilterra Inghilterra Paesi Bassi Paesi Bassi Canada Canada Uruguay Uruguay
2002 Uruguay Montevideo Andorra Andorra Colombia Colombia Inghilterra Inghilterra Uruguay Uruguay
2004 Macao Macao Catalogna Catalogna[2] Inghilterra Inghilterra Andorra Andorra Macao Macao
2006 Uruguay Montevideo Mozambico Mozambico Paesi Bassi Paesi Bassi Colombia Colombia Macao Macao
2008 Sudafrica Vanderbijlpark Stati Uniti Stati Uniti Paesi Bassi Paesi Bassi Colombia Colombia Sudafrica Sudafrica
2010 Austria Dornbirn Stati Uniti Stati Uniti Sudafrica Sudafrica Paesi Bassi Paesi Bassi Austria Austria
2012 Uruguay Canelones Sudafrica Sudafrica Inghilterra Inghilterra Austria Austria Uruguay Uruguay

Vittorie per Nazione[modifica | modifica sorgente]

Vittorie Nazione
3 Stati Uniti Stati Uniti
2 Andorra Andorra, Francia Francia
1 Brasile Brasile, Catalogna Catalogna, Cile Cile, Colombia Colombia, Germania Germania, Inghilterra Inghilterra, Mozambico Mozambico, Sudafrica Sudafrica
15 Totale

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Hockey: mondiali a Lodi e Sesto ospiterà le finali in Corriere della Sera, 09 maggio 1993, p. 45. URL consultato il 28-09-2009.
  2. ^ A no contest la Coppa del Mondo 2005 per effetto della FIRS non approva la sua accettazione finale, partecipando all'edizione 2004 come membro provvisorio.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Paolo Virdi, 50 minuti di gloria. Gli anni moderni dell'hockey pista. Volume 1, Lodi, Lodinotizie, 2012. ISBN 9788890880308
  • Paolo Virdi, 50 minuti di gloria. Gli anni moderni dell'hockey pista. Volume 2, Lodi, Lodinotizie, 2013. ISBN 9788890880315
  • Fernando Castro, Campeonatos do mundo de hóquei em patins: contributos para a sua história, Despertar Memórias, agosto 2011. ISBN 978-989-20-2611-4
  • Gianfranco Capra, Quaderni novaresi. Lino Grassi la storia dell'hockey, Novara, Zen iniziative, 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]