Campagna Terrestre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campagna Terrestre
Ulysses S. Grant e Robert E. Lee i due avversari nella Campagna Terrestre
Ulysses S. Grant e Robert E. Lee i due avversari nella Campagna Terrestre
Data 4 maggio-24 giugno 1864
Luogo Virginia
Esito Vittoria dell’Unione
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
182.000 [1] 110.000[2]
Perdite
55.000[3] 32.000[4]
Voci di guerre presenti su Wikipedia
Ulysses S. Grant
Robert E. Lee

La campagna terrestre (Overland Campaign) - così chiamata per distinguerla dalla Campagna Peninsulare, sempre condotta in Virginia - fu costituita da una serie di battaglie combattute in Virginia fra maggio e giugno 1864 nella guerra di secessione americana. Il tenente generale Ulysses S. Grant, generale in capo di tutte le forze armate dell'Unione, diresse le azioni dell'Armata del Potomac, comandata dal maggior generale George G. Meade, e di altre forze contro l'Armata della Virginia Settentrionale del generale Robert E. Lee. Sebbene Grant patì terribili perdite e numerose sconfitte tattiche nel corso della Campagna, è considerata una vittoria strategica dell'Unione, poiché costrinse Lee in una posizione indifendibile a Petersburg (Virginia).

Teatro[modifica | modifica sorgente]

Nel marzo 1864 Grant fu richiamato dal teatro di operazioni occidentale, promosso tenente generale, e posto al comando supremo dell'esercito dell'Unione. Scelse di insediare il proprio Quartier Generale presso l'Armata del Potomac, nonostante Meade conservasse il comando di quella grande unità. Lasciò quindi il maggior generale William Tecumseh Sherman al comando della gran parte delle armate occidentali. Grant concepì una strategia coordinata allo scopo di colpire al cuore la Confederazione da molteplici direzioni: Grant, Meade, e Benjamin Franklin Butler contro Lee vicino Richmond; Franz Sigel nella Valle dello Shenandoah; Sherman avrebbe invaso la Georgia, sconfitto Joseph E. Johnston e catturato Atlanta; George Crook e William W. Averell avrebbero condotto operazioni contro le linee ferroviarie di rifornimento nella Virginia Occidentale; Nathaniel Banks avrebbe conquistato Mobile, in Alabama. Per la prima volta le armate dell'Unione avrebbero svolto una strategia offensiva unitaria su più teatri di operazione.

Sebbene le precedenti campagne dell'Unione in Virginia avessero avuto come obiettivo primario la capitale confederata di Richmond, questa volta l'obiettivo era la distruzione dell'esercito di Lee. Grant ordinò a Meade «Dovunque andrà Lee, ci andrai anche tu».

All'inizio della campagna, le forze coinvolte erano di 182.000 uomini per l'Unione, 110.000 per i Confederati. Grant era intenzionato a combattere una guerra di attrito, ingaggiando battaglie in cui le numericamente superiori forze dell'Unione avrebbero dissanguato l'esercito di Lee. Le perdite da ambo le parti potevano essere elevate, ma l'Unione aveva maggiori risorse per rimpiazzare soldati ed equipaggiamenti.

Grant, a dispetto dei numeri a suo favore, doveva affrontare problemi di organico. Operando in assetto offensivo sul territorio nemico, doveva difendere le proprie basi di rifornimento e le linee di collegamento con l'esercito dispiegato sul campo. Inoltre, poiché stava per scadere la ferma triennale di una parte dei soldati, questi erano ovviamente riluttanti a prendere parte ad azioni pericolose. Per affrontare queste questioni, Grant rimpinguò le proprie forze, riassegnando una parte degli uomini che gestivano l'artiglieria pesante intorno a Washington, D.C. a reggimenti di fanteria.

La Campagna Terrestre ebbe inizio quanto le forze di Grant (l'Armata del Potomac sotto Meade e il IX Corpo sotto Ambrose Burnside) attraversarono il fiume Rapidan il 4 maggio 1864. L'obiettivo di Grant era quello di costringere Lee allo scontro, fuori dalle sue fortificazioni di Mine Run, attirando le sue forze in campo aperto o aggirandole ai fianchi. Lee, sempre audace e pronto ad affrontare i rischi, si mosse come Grant si attendeva, ma più rapidamente di quanto questi avesse previsto; le forze dell'Unione non ebbero tempo per lasciare la zona nota come «la foresta di Spotsylvania» (Wilderness of Spotsylvania), un intrico di cespugli e boscaglia in cui l'anno precedente si era combattuta una parte della battaglia di Chancellorsville. Costringendo il nemico ad uno scontro in quel luogo, Lee annullò il vantaggio dell'Unione in termini di artiglieria.

Battaglie[modifica | modifica sorgente]

Teatro di operazioni orientale nel 1864

Le battaglie combattute durante la Campagna Terrestre furono:

Battaglia del Wilderness (5–7 maggio 1864)[modifica | modifica sorgente]

Il combattimento ebbe inizio la mattina del 5 maggio, quando i corpi confederati di Richard S. Ewell, muovendo rapidamente dall'Orange Turnpike, cozzarono col V Corpo del Maggior Generale Gouverneur K. Warren. Col progredire della giornata, la lotta si accese più a sud lungo la Orange Plank Road dove i Confederati di A.P. Hill si scontrarono con il II Corpo dell'Unione di Winfield Scott Hancock. Il giorno successivo il corpo confederato guidato da James Longstreet giunse sul campo di battaglia. Esso dapprima arrestò un'avanzata da parte dei nemici, quindi, con un attacco ai fianchi, li costrinse alla ritirata su posizioni difensive vicino alla Brock Road. In tutta quella confusione, Longstreet venne ferito da fuoco amico perdite sudiste 7.750 perdite nordiste 17.667]. Il 7 maggio, anziché seguire l'abitudine dei suoi predecessori, che dopo una battaglia contro Lee si erano sempre ritirati verso nord, Grant diresse i suoi uomini ad est e a sud, alla città crocevia di Spotsylvania Court House.

Battaglia di Spotsylvania Court House (8–21 maggio 1864)[modifica | modifica sorgente]

Lee impedì a Grant di raggiungere il proprio obiettivo, e si trincerò. In una serie di attacchi durati oltre due settimane, Grant martellò le linee confederate, in gran parte centrate su un saliente noto come «Ferro di mulo». Un assalto in massa da parte del II Corpo di Winfield S. Hancock alla porzione di linea detta «L'angolo insanguinato», il 12 maggio, avrebbe anticipato le tattiche di assalto impiegate nella prima guerra mondiale. Perdite sudiste 11.000 uomini perdite nordiste 18.000. Grant ancora una volta si sganciò e sgusciò verso sudest.

Battaglia di Yellow Tavern (11 maggio 1864)[modifica | modifica sorgente]

I corpi di cavalleria nell'esercito di Meade, agli ordini di Philip H. Sheridan, erano stati utilizzati sino ad allora unicamente come forze di schermatura e ricognizione. Sheridan scavalcò Meade e ricevette il permesso da Grant di operare come una forza separata che avrebbe dovuto inseguire ed ingaggiare la cavalleria di J.E.B. Stuart. I due contendenti si scontrarono a Yellow Tavern e Stuart venne mortalmente ferito.

Battaglia di Meadow Bridge (12 maggio 1864)[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver sconfitto la cavalleria confederata a Yellow Tavern, i corpi di cavalleria di Sheridan si trovarono a sole 2 miglia da Richmond. Tuttavia le mine poste sul cammino dalle forze sudiste, la stanchezza accresciuta da un violento nubifragio, l'accerchiamento dell'esercito confederato, convinsero Sheridan a ritornare indietro per riunirsi alle forze nordiste. Nella ritirata gli ingegneri di Sheridan costruirono rapidamente un ponte per attraversare il Chickahominy e poi, completato l'attraversamento delle truppe, lo fecero saltare.

Battaglia di Wilson's Wharf (24 maggio 1864)[modifica | modifica sorgente]

La Divisione di cavalleria di Fitzhugh Lee attaccò un deposito rifornimenti dell'Unione a Wilson's Wharf e fu respinta da due reggimenti afro-americani comandati dal brigadier generale Edward Wild. Una piccola vittoria dell'Unione ma di grande impatto propagandistico.

Battaglia di North Anna (23–26 maggio 1864)[modifica | modifica sorgente]

Intercettando i movimenti di Grant, Lee posizionò le proprie forze dietro il fiume North Anna in un saliente che avrebbe costretto Grant a dividere le proprie forze per attaccare. Il 23 maggio una delle Divisioni di A.P. Hill attaccò il V Corpo, che aveva attraversato il fiume, dando luogo ad uno scontro tanto sanguinoso quanto inutile. Il 24 maggio, la fanteria dell'Unione venne respinta a Ox Ford, ma avanzò sulla destra confederata. La trappola di Lee era scattata, ma egli perse l'opportunità di sconfiggere duramente Grant, non riuscendo a scagliare un attacco tale da chiudere la partita, a causa della diarrea che lo debilitava impedendogli di condurre direttamente le operazioni. Grant continuò a dirigersi a sudest, nella direzione di Old Cold Harbor.

Battaglia di Haw's Shop (28 maggio 1864)[modifica | modifica sorgente]

La divisione di cavalleria dell'Unione, comandata da David McM. Gregg, appoggiata dalla divisione di Alfred Torbert, avanzò a coprire l'Armata del Potomac durante l'attraversamento del fiume Pamunkey ed il movimento verso il torrente Totopotomoy. Le divisioni di cavalleria di Fitzhugh Lee e Wade Hampton incontrarono i Federali ad Enon Church. Dopo sette ore di combattimento, in gran parte condotto a piedi, con molte perdite su entrambi i fronti, l'avanzata dei Federali venne arrestata, Hampton ritirò le sue truppe ma con un chiaro successo di intelligence per aver raccolto dai prigionieri tutti i dettagli sulle manovre di Grant.

Battaglia di Totopotomoy Creek (28–30 maggio 1864)[modifica | modifica sorgente]

Le forze di Lee si erano trincerate dietro il torrente Totopotomoy, coprendo tutte le direttrici di avanzata su Richmond. Il II Corpo forzò il passaggio del torrente in due punti, catturando la prima linea delle trincee confederate, ma l'avanzata venne fermata sulla linea di resistenza principale. Nel frattempo il V Corpo, in movimento vicino a Bethesda Church sull'estremo fianco sinistro dell'esercito dell'Unione, venne attaccato dal corpo comandato da Jubal A. Early. I Federali vennero respinti alla Shady Grove Road dopo aspri combattimenti.

Battaglia di Old Church (30 maggio 1864)[modifica | modifica sorgente]

Con le armate in fase di stallo lungo la linea del Totopotomoy, la cavalleria federale iniziò ad effettuare delle incursioni verso est e verso sud. La Divisione nordista di cavalleria del Brig. Gen. Alfred Torbert attaccò e sconfisse la brigata di Matthew C. Butler vicino Old Church. Gli uomini di Butler vennero respinti fino alla strada per Old Cold Harbor, aprendo le porte per la cattura da parte di Sheridan dell'importante crocevia, il giorno successivo.

Battaglia di Cold Harbor (31 maggio–12 giugno 1864)[modifica | modifica sorgente]

Il 31 maggio, con l'occupazione nordista del crocevia di Old Cold Harbor ha inizio una delle più cruente e controverse battaglie di tutta la guerra di secessione, con oltre 17.000 perdite, il larga parte di soldati nordisti lanciati in inutili e disperate cariche frontali contro le fortificazioni confederate. Lo stesso Grant si rammaricò dello svolgimento dello scontro per il resto della sua vita.
La cavalleria di Sheridan occupò il villaggio di Old Cold Harbor, e il 1º giugno respinse un attacco della fanteria confederata. Rinforzi confederati giunsero da Richmond e dalle linee sul Totopotomoy. Più tardi, nella stessa giornata del 1º giugno, il VI e il XVIII Corpo dell'Unione raggiunsero Cold Harbor e presero d'assalto le difese confederate ma subirono 2.200 perdite.
Il 2 giugno, entrambi gli eserciti erano sul campo, a formare un fronte di sette miglia che si estendeva da Bethesda Church al fiume Chickahominy e che vedeva davanti 108.000 uomini per l'Unione contro 62.000 confederati. Per la prima volta nel corso della guerra, due armate così numerose si fronteggiavano sulla stessa sponda di un fiume. Convinti di non aver lasciato tempo a Lee di organizzare una sufficiente linea difensiva, Grant e Meade ordinarono l'attacco al fianco destro del nemico da parte del II, del VI e del XVIII Corpo, che insieme assommavano 31.000 uomini. Tuttavia la stanchezza delle truppe e la mancanza di coordinazione, spinsero Grant a rinviare l'assalto e di questo ritardo si avvantaggiò Lee per riposizionare i suoi uomini.
All'alba del 3 giugno, i 3 Corpi dell'Unione andarono all'assalto lungo la linea Bethesda Church-Cold Harbor. In un primo momento, il II Corpo riuscì a rompere il fronte confederato arrivando ad uno scontro corpo a corpo con la divisione del Mag. Gen. Breckinridge, ma fu respinto dalla controffensiva della divisione del Brig. Gen. Barlow. Nel corso dei ripetuti assalti, i nordisti vennero decimati in ogni punto dal massiccio fuoco confederato proveniente dalle trincee. I 16.000 uomini del XVIII Corpo vennero attirati in due burroni e lì falciati dal fuoco di artiglieria. A Nord, il IX Corpo, che si era aggiunto alla battaglia, dopo un'iniziale successo preferì mantenere le posizioni, mentre gli altri Corpi rifiutarono l'ordine di Meade di tentare nuovi assalti. Si stima che nelle primissime ore della mattina l'esercito nordista abbia perso fino a 7.000 uomini contro i 1.500 dei sudisti.
Gli eserciti si affrontarono su queste linee in un'estenuante guerra di trincea, con numerose perdite. Grant, non volendo ammettere la sconfitta, attese a lungo nel richiedere una tregua e quando lo fece era ormai troppo tardi per la maggior parte dei feriti. Nella notte del 12 giugno, Grant disimpegnò le truppe, attraversano il James River e puntando verso Petersburg.
Cold Harbor fu l'ultima grande vittoria di Lee; trascorse il resto della guerra a difendere Richmond dietro una linea di trincea fortificata. Sebbene avesse compreso la situazione disperata, sperava che una resistenza estrema avrebbe avuto ripercussioni politiche provocando la sconfitta di Lincoln nelle elezioni presidenziali a favore di un candidato favorevole alla pace.

Battaglia di Trevilian Station (11–12 giugno 1864)[modifica | modifica sorgente]

Per far uscire allo scoperto la cavalleria confederata ed aprire la porta ad un movimento generale verso il fiume James, Sheridan allestì un'incursione di cavalleria su larga scala nella contea di Louisa, cercando di interrompere la Ferrovia Centrale della Virginia. È considerata la più grande battaglia di cavalleria della guerra.
L'11 giugno, Sheridan con le divisioni di Gregg e Torbert attaccò le divisioni di cavalleria di Hampton e Fitzhugh Lee a Trevilian Station. Sheridan inserì un cuneo fra le divisioni confederate, mandandole in disordine. Il 12, le sorti si ribaltarono. Hampton e Lee fecero smontare i loro uomini e tracciarono una linea difensiva attraverso la ferrovia e la strada per Gordonsville. Da questa posizione di vantaggio respinsero diversi risoluti assalti a piedi. Sheridan si ritirò dopo aver distrutto circa sei miglia di strada ferrata. La vittoria confederata di Trevilian impedì a Sheridan di raggiungere Charlottesville e cooperare con l'esercito di Hunter nella Valle dello Shenandoah.

Battaglia di Saint Mary's Church (24 giugno 1864)[modifica | modifica sorgente]

La cavalleria di Hampton tentò di tagliare fuori la cavalleria di Sheridan di ritorno dal raid su Trevilian Station. Sheridan combatté un'azione di alleggerimento per proteggere un treno di rifornimenti, quindi si ricongiunse all'esercito dell'Unione a Bermuda Hundred.

Conseguenze[modifica | modifica sorgente]

La campagna Terrestre fu un colpo indispensabile per l'Unione per vincere la guerra e, a dispetto delle battaglie perdute (prima fra tutte quella di Cold Harbor), la campagna fu una grande vittoria strategica per l'Unione. Ingaggiando le forze di Lee senza consentirne la fuga, Grant forzò Lee in una posizione insostenibile. La campagna fu la più sanguinosa della storia americana: approssimativamente 55.000 vittime dalla parte dell'Unione (di cui 7.600 caduti), 32.600 (4.200 morti) per i Confederati.

Le stime variano riguardo alle perdite dell'intera campagna. La seguente tabella riassume le stime ricavate dalle fonti più conosciute:

Vittime stimate per la Campagna Terrestre
Fonte Unione Confederati
Morti Feriti Prigionieri/
Dispersi
Totale Morti Feriti Prigionieri/
Dispersi
Totale
National Park Service       38.691       31.448
Bonekemper, Victor, Not a Butcher 7.621 38.339 8.966 54.926 4.206 18.564 9.861 32.631
Esposito, West Point Atlas       55.000       20–40.000
McPherson, Battle Cry       65.000       35.000
Smith, Grant       circa
65.000
      35.000
Registrazioni ufficiali
Dipartimento di guerra, USA
6.586 26.047 6.626 39.259        

Grant ricevette all'epoca la reputazione di «macellaio» e la storia ha conservato l'opinione che egli abbia senza necessità gettato via le vite dei suoi uomini in infruttuosi attacchi frontali per intimidire Lee. Vale la pena notare che le perdite di Lee, sebbene minori in numero assoluto, furono più alte in percentuale. E che Grant, con le sue 55.000 vittime, riuscì ad ottenere contro Lee più di tutti i generali suoi predecessori, nonostante il loro più alto numero di perdite dei tre anni precedenti. Alle perdite nordiste andrebbero aggiunti i soldati che abbandonano l'armata per fine ferma, lo storico R.Luraghi parla di 36 reggimenti per un totale di 12.000 uomini.

La campagna terrestre si concluse con l'attraversamento del fiume James da parte di Grant, e con l'inizio dell'assedio di Petersburg, noto anche come campagna di Richmond-Petersburg. Questo rappresentò un cambiamento di strategia per Grant. Egli si rese conto che non avrebbe potuto costringere con la manovra Lee ad una battaglia finale e decise di focalizzarsi su obiettivi geografici e politici: le città di Richmond e di Petersburg. Se le linee ferroviarie che rifornivano quelle città dal sud fossero state catturare, Lee sarebbe stato costretto a scendere in campo aperto. Grant sapeva anche che le offensive coordinate che aveva concepito erano fallite: eccetto che per Sherman, che stava avanzando su Atlanta, tutti gli altri generali erano immobilizzati o sconfitti.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Eicher, p. 660
  2. ^ Eicher, p. 660
  3. ^ Rhea, Cold Harbor, p. 393
  4. ^ Rhea, Cold Harbor, p. 393

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • National Park Service battle descriptions
  • Bonekemper, Edward H., III. A Victor, Not a Butcher: Ulysses S. Grant's Overlooked Military Genius. Washington, DC: Regnery, 2004. ISBN 0-89526-062-X.
  • Cullen, Joseph P. "Battle of Spotsylvania." In Battle Chronicles of the Civil War: 1864, edited by James M. McPherson. Connecticut: Grey Castle Press, 1989. ISBN 1-55905-027-6. First published in 1989 by McMillan.
  • Davis, William C., and the Editors of Time-Life Books. Death in the Trenches: Grant at Petersburg. Alexandria, VA: Time-Life Books, 1986. ISBN 0-8094-4776-2.
  • Eicher, David J. The Longest Night: A Military History of the Civil War. New York: Simon & Schuster, 2001. ISBN 0-684-84944-5.
  • Esposito, Vincent J. West Point Atlas of American Wars. New York: Frederick A. Praeger, 1959. OCLC 5890637. The collection of maps (without explanatory text) is available online at the West Point website.
  • Foote, Shelby. The Civil War: A Narrative. Vol. 3, Red River to Appomattox. New York: Random House, 1974. ISBN 0-394-74913-8.
  • Furgurson, Ernest B. Not War but Murder: Cold Harbor 1864. New York: Alfred A. Knopf, 2000. ISBN 0-679-45517-5.
  • Grimsley, Mark. And Keep Moving On: The Virginia Campaign, May–June 1864. Lincoln: University of Nebraska Press, 2002. ISBN 0-8032-2162-2.
  • Hattaway, Herman, and Archer Jones. How the North Won: A Military History of the Civil War. Urbana: University of Illinois Press, 1983. ISBN 0-252-00918-5.
  • Jaynes, Gregory, and the Editors of Time-Life Books. The Killing Ground: Wilderness to Cold Harbor. Alexandria, VA: Time-Life Books, 1986. ISBN 0-8094-4768-1.
  • Kennedy, Frances H., ed. The Civil War Battlefield Guide. 2nd ed. Boston: Houghton Mifflin Co., 1998. ISBN 0-395-74012-6.
  • King, Curtis S., William G. Robertson, and Steven E. Clay. Staff Ride Handbook for the Overland Campaign, Virginia, 4 May to 15 June 1864: A Study on Operational-Level Command. Ft. Belvoir, VA: Defense Technical Information Center, 2005. OCLC 640114524.
  • Longacre, Edward G. Lee's Cavalrymen: A History of the Mounted Forces of the Army of Northern Virginia. Mechanicsburg, PA: Stackpole Books, 2002. ISBN 0-8117-0898-5.
  • Longacre, Edward G. Lincoln's Cavalrymen: A History of the Mounted Forces of the Army of the Potomac. Mechanicsburg, PA: Stackpole Books, 2000. ISBN 0-8117-1049-1.
  • McPherson, James M. Battle Cry of Freedom: The Civil War Era. Oxford History of the United States. New York: Oxford University Press, 1988. ISBN 0-19-503863-0.
  • Rhea, Gordon C. The Battle of Cold Harbor. Fort Washington, PA: U.S. National Park Service and Eastern National, 2001. ISBN 1-888213-70-1.
  • Rhea, Gordon C. Cold Harbor: Grant and Lee, May 26 – June 3, 1864. Baton Rouge: Louisiana State University Press, 2002. ISBN 0-8071-2803-1.
  • Rhea, Gordon C. The Battle of the Wilderness May 5–6, 1864. Baton Rouge: Louisiana State University Press, 1994. ISBN 0-8071-1873-7.
  • Rhea, Gordon C. The Battles for Spotsylvania Court House and the Road to Yellow Tavern May 7–12, 1864. Baton Rouge: Louisiana State University Press, 1997. ISBN 0-8071-2136-3.
  • Rhea, Gordon C. In the Footsteps of Grant and Lee: The Wilderness Through Cold Harbor. Baton Rouge: Louisiana State University Press, 2007. ISBN 978-0-8071-3269-2.
  • Rhea, Gordon C. To the North Anna River: Grant and Lee, May 13–25, 1864. Baton Rouge: Louisiana State University Press, 2000. ISBN 0-8071-2535-0.
  • Salmon, John S. The Official Virginia Civil War Battlefield Guide. Mechanicsburg, PA: Stackpole Books, 2001. ISBN 0-8117-2868-4.
  • Simpson, Brooks D. Ulysses S. Grant: Triumph over Adversity, 1822–1865. New York: Houghton Mifflin, 2000. ISBN 0-395-65994-9.
  • Smith, Jean Edward. Grant. New York: Simon & Schuster, 2001. ISBN 0-684-84927-5.
  • Starr, Stephen Z. The Union Cavalry in the Civil War. Vol. 2, The War in the East from Gettysburg to Appomattox 1863–1865. Baton Rouge: Louisiana State University Press, 1981. ISBN 978-0-8071-3292-0.
  • Trudeau, Noah Andre. Bloody Roads South: The Wilderness to Cold Harbor, May–June 1864. Boston: Little, Brown & Co., 1989. ISBN 978-0-316-85326-2.
  • U.S. War Department. The War of the Rebellion: a Compilation of the Official Records of the Union and Confederate Armies. Washington, DC: U.S. Government Printing Office, 1880–1901.
  • Welcher, Frank J. The Union Army, 1861–1865 Organization and Operations. Vol. 1, The Eastern Theater. Bloomington: Indiana University Press, 1989. ISBN 0-253-36453-1.
  • Wittenberg, Eric J. Glory Enough For All: Sheridan's Second Raid and the Battle of Trevilian Station. Washington, DC: Brassey's, Inc., 2001. ISBN 1-57488-468-9.
  • Alexander, Edward P. Fighting for the Confederacy: The Personal Recollections of General Edward Porter Alexander. Edited by Gary W. Gallagher. Chapel Hill: University of North Carolina Press, 1989. ISBN 0-8078-4722-4.
  • Atkinson, Charles Francis. Grant's Campaigns of 1864 and 1865: The Wilderness and Cold Harbor (May 3 – June 3, 1864). The Pall Mall military series. London: H. Rees, 1908. OCLC 2698769.
  • Bearss, Edwin C. Fields of Honor: Pivotal Battles of the Civil War. Washington, DC: National Geographic Society, 2006. ISBN 0-7922-7568-3.
  • Carmichael, Peter S., ed. Audacity Personified: The Generalship of Robert E. Lee. Baton Rouge: Louisiana State University Press, 2004. ISBN 0-8071-2929-1.
  • Catton, Bruce. Grant Takes Command. Boston: Little, Brown & Co., 1968. ISBN 0-316-13210-1.
  • Catton, Bruce. A Stillness at Appomattox. Garden City, NY: Doubleday and Company, 1953. ISBN 0-385-04451-8.
  • Frassanito, William A. Grant and Lee: The Virginia Campaigns 1864–1865. New York: Scribner, 1983. ISBN 0-684-17873-7.
  • Fuller, Maj. Gen. J. F. C. The Generalship of Ulysses S. Grant. New York: Da Capo Press, 1929. ISBN 0-306-80450-6.
  • Gallagher, Gary W., ed. The Wilderness Campaign. Chapel Hill: University of North Carolina Press, 1997. ISBN 0-8078-2334-1.
  • Glatthaar, Joseph T. General Lee's Army: From Victory to Collapse. New York: Free Press, 2008. ISBN 978-0-684-82787-2.
  • Grant, Ulysses S. Personal Memoirs of U. S. Grant. 2 vols. Charles L. Webster & Company, 1885–86. ISBN 0-914427-67-9.
  • Humphreys, Andrew A. The Virginia Campaign of '64 and '65: The Army of The Potomac and the Army of The James. New York: C. Scribner's Sons, 1883. OCLC 479956.
  • Lyman, Theodore. With Grant and Meade: From the Wilderness to Appomattox. Edited by George R. Agassiz. Lincoln: University of Nebraska Press, 1994. ISBN 0-8032-7935-3.
  • Matter, William D. If It Takes All Summer: The Battle of Spotsylvania. Chapel Hill: University of North Carolina Press, 1988. ISBN 978-0-8078-1781-0.
  • Porter, Horace. Campaigning with Grant. New York: Century Co., 1897. OCLC 913186.
  • Power, J. Tracy. Lee's Miserables: Life in the Army of Northern Virginia from the Wilderness to Appomattox. Chapel Hill: University of North Carolina Press, 1998. ISBN 0-8078-2392-9.
  • Wert, Jeffry D. The Sword of Lincoln: The Army of the Potomac. New York: Simon & Schuster, 2005. ISBN 0-7432-2506-6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]