AGM-114 Hellfire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
AGM-114 Hellfire
AGM-114 Hellfire
AGM-114 Hellfire
Descrizione
Tipo aria-terra e terra-terra
Impiego anticarro, contro veicoli ed edifici
Sistema di guida semi-attiva laser, radar a banda millimetrica
Costruttore HELLFIRE Systems (Joint Venture tra Martin Marietta e Rockwell International)
Impostazione 1972
In servizio 1984
Utilizzatore principale vedi sotto
Esemplari più di 20.000
Costo tra 68.000$ e 122.000$ circa
Peso e dimensioni
Peso 50 kg
Lunghezza 163 cm
Larghezza 33 cm
Diametro 17,8 cm
Prestazioni
Gittata 500 m - 8 km
Velocità massima 1150 km/h
Motore a combustibile solido
Spoletta di prossimità e a contatto
Esplosivo 9 kg HEAT (High Explosive Anti-Tank) in tandem, Metal Augmented Charge (MAC), Blast Fragmentation

Army-technology.com [1]

voci di missili presenti su Wikipedia

L'AGM-114 Hellfire è un missile anticarro, nato per dotare gli elicotteri di capacità d'attacco contro veicoli corazzati. La sigla AGM sta infatti per Air-to-Ground-Missile cioè missile aria-terra mentre l'acronimo HELLFIRE, scelto anche per il suo evocativo significato di "fuoco infernale", sta per HELicopter Launched FIre and foRgEt missile (missile elilanciato spara e dimentica) Le prime versioni non erano effettivamente "spara e dimentica", capacità che è stata raggiunta a partire dalla versione Longbow, con un sistema di guida radar.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

L'Hellfire fu sviluppato a partire dal 1974, su richiesta dell'esercito americano, per dotare gli elicotteri di un'arma anticarro più efficace dei missili TOW. La produzione iniziò nel 1982, mentre i primi test vennero effettuati nel 1984. Le prime versioni furono dotate solamente di guida laser ed erano state progettate per essere lanciate da velivoli ad ala fissa e rotante, da navi e da sistemi basati a terra contro una diversa varietà di bersagli. Nei primi anni '90 venne sviluppato l'Hellfire II, equipaggiato di guida laser semi-attiva. Questo missile fu dato in dotazione anche ai droni RQ-1 Predator e MQ-9 Reaper, nonostante l'utilizzatore più comune fosse l'Apache. In seguito venne sviluppato anche il Longbow Hellfire. pensato come arma spara e dimentica, equipaggiato con un apparato di guida radar a banda millimetrica[2].

Modelli[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso degli anni sono state prodotte svariate versione dell'AGM-114, con vari impieghi specifici[3].

AGM-114A Basic Hellfire

È il primo modello sviluppato e non ha avuto successo presso l'esercito americano che non lo ha comprato in quantità soddisfacenti. Di questo modello sono stati costruiti 31.616 esemplari dalla Martin Marietta e dalla Rockwell International.

  • Bersagli: carri armati, veicoli corazzati.
  • Gittata: 8000 m
  • Guida: laser semi-attivo.
  • Testata: testata HEAT da 8 kg.
  • Lunghezza: 163 cm
  • Peso: 45 kg

AGM-114B

Questo modello è stato disegnato inizialmente per la marina, ma può essere lanciato da velivoli dell'esercito. A causa del suo uso a bordo di navi, questo missile possiede un sistema di armamento elettronico addizionale(SAD).

AGM-114C

In questo modello è stato potenziato il sistema di puntamento laser. Monta un motore M120E1 a ridotta produzione di fumo. Ogni esemplare costa circa 25.000 dollari.

AGM-114F Interim Hellfire

Questo missile monta due testate (una delle quali deve far detonare l'eventuale corazza reattiva). Utilizza un sistema di puntamento e un autopilota simile a quello del modello AGM-114C. L'AGM-114F Interim Hellfire è stato sviluppato nel 1994 e viene ancora prodotto per essere venduto ad altri eserciti (non statunitensi).

AGM-114G Interim Hellfire

Versione dell'AGM-114F con SAD — non costruito.

AGM-114H Interim Hellfire

Potenziamento dell'AGM-114F con autopilota digitale — non costruito.

AGM-114J Hellfire II

Versione dell'AGM-114F più leggero e con un maggior raggio d'azione — non costruito.

AGM-114K Hellfire II

Questo modello è dotato di due testate riprogrammabili per distruggere le corazze reattive, sistema di puntamento laser semiattivo, contromisure elettroniche e ottiche e autopilota programmabile per modifiche di traiettoria.

Operazioni di combattimento[modifica | modifica wikitesto]

L'Hellfire è un'arma molto famosa per le prestazioni durante Desert Storm, quando ne vennero lanciati ben 5000. Si tratta di un'arma a guida laser, supersonica, capace di danneggiare gravemente molti modelli di carro armato soprattutto grazie al fatto di colpire quasi sempre la parte superiore del bersaglio (che nei mezzi corazzati è quasi sempre la meno protetta). Equipaggia essenzialmente gli AH-64 Apache, che possono imbarcarne fino a 16, suddivisi in quattro rastrelliere. Fu utilizzato anche nell'Operazione Just Cause a Panamá, nell'Operazione Allied Force, nell'Operazione Enduring Freedom e nell'Operazione Iraqi Freedom.

Piattaforme[modifica | modifica wikitesto]

Missili Hellfire caricati su un AH-1W Super Cobra in Iraq nel 2005.

Paesi utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AGM-114 Hellfire II Missile - Army Technology
  2. ^ http://www.designation-systems.net/dusrm/m-114.html designation-systems.net: Boeing/Lockheed Martin (Rockwell/Martin Marietta) AGM-114 Hellfire
  3. ^ http://www.globalsecurity.org/military/systems/munitions/agm-114-var.htm Global Security: AGM-114 Hellfire Variants
  4. ^ http://www.es.northropgrumman.com/solutions/longbowmissile/ northropgrumman.com: AGM-114L Longbow Missile

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]