PGM-11 Redstone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
PGM-11 Redstone
Razzo Mercury Redstone IV
Razzo Mercury Redstone IV
Descrizione
Tipo missile balistico a medio raggio
Sistema di guida inerziale Sperry Rand
Costruttore Chrysler Redstone
Primo lancio 20 agosto 1953
In servizio luglio 1957
Ritiro dal servizio 1965
Peso e dimensioni
Lunghezza 21,03 m
Diametro 1,78 m
Prestazioni
Gittata in funzione della testata, con un massimo di 401 km
Velocità 5.440 km/h
Motore N.A.Aviation (Rocketdyne) A-6 con turbopompa per ossigeno e alcool, spinta 34.000 kg a quota 0
Testata peso massimo 2.994 kg

[senza fonte]

voci di missili presenti su Wikipedia

Redstone è la denominazione del primo missile balistico americano a medio raggio, basato fondamentalmente sulla tecnologia del razzo di costruzione tedesca del tipo A4 (V2). Lo sviluppo di questo tipo di missile venne principalmente eseguito presso il Redstone Arsenal di Huntsville in Alabama con la stretta collaborazione di tecnici tedeschi diretti da Walter Dornberger e Wernher von Braun, portati dagli statunitensi negli USA dopo la fine della II guerra mondiale.

razzo Juno-1 vicino alla caratteristica rampa di lancio ad 'A' mobile

Il missile era in grado di trasportare una bomba od un congegno esplosivo nucleare di circa 3.000 kg (corrispondente ad una forza esplosiva di 3750 kT) ad una distanza massima di 1100 km. Questi missili vennero posizionati in Germania ed in Turchia (da dove furono ritirati dopo la crisi di Cuba). Il primo lancio del missile venne eseguito il 20 agosto 1953. Fino al suo ultimo lancio, eseguito il 30 novembre 1965, vennero eseguiti un totale di 56 lanci di cui 28 non riuscirono.

A causa della tecnologia relativamente ben testata del missile, entro un breve arco di tempo dallo shock dello Sputnik i tecnici americani furono in grado di costruire un razzo vettore in grado di portare diversi satelliti artificiali in orbita intorno alla Terra. Dal Redstone derivarono i razzi vettore utilizzati per il lancio del primo satellite artificiale americano Explorer 1 e per il primo volo suborbitale di capsule spaziali nell'ambito del programma Mercury.

Varianti[modifica | modifica sorgente]

  • La variante Redstone per test di rientro in atmosfera di missili intercontinentali venne denominata Jupiter-C. Era composta dal razzo Redstone assemblato con due ulteriori stadi (derivati dal razzo Sergeant) alimentati da combustibile solido e montati in cima del razzo Redstone. Tra il 1956 ed il 1957 vennero lanciati tre di questi razzi.
  • La variante Redstone per il lancio del primo satellite artificiale americano in orbita intorno alla Terra venne denominata Juno I. Era composta dal razzo Redstone assemblato con tre ulteriori stadi alimentati da combustibile solido montati in cima del razzo Redstone. Nel 1958 vennero lanciati sei di questi razzi di cui non riuscirono tre lanci.
  • Il razzo vettore Redstone Mercury era dotato solamente di uno stadio di propulsione; fu usato durante il programma Mercury per il lancio in volo suborbitale delle prime due capsule con equipaggio umano.
  • Inoltre esisté pure la Redstone Sparta. Venne utilizzata nel 1966 per pochi voli di collaudo suborbitali lanciati da Woomera e per il lancio del primo satellite artificiale australiano in orbita intorno alla Terra: il Wresat.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]