LIM-49A Spartan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
LIM-49A Spartan
Uno Spartan al lancio
Uno Spartan al lancio
Descrizione
Tipo missile terra-aria
Impiego missile anti-balistico
Sistema di guida radio
Costruttore Stati Uniti Western Electric
Stati Uniti McDonnell Douglas
In servizio 1975
Utilizzatore principale Stati Uniti US Army
Sviluppato dal Nike Zeus B
Peso e dimensioni
Peso 13 100 kg (29 000 lb)
Lunghezza 16,8 m (55 ft 2 in)
Diametro 1,08 m (3 ft 7 in)
Prestazioni
Gittata 740 km (460 mi)
Tangenza 350 mi (560 km)
Velocità oltre Mach 4
Motore endoreattore a combustibile solido a tre stadi
Testata W-71
Esplosivo bomba all'idrogeno

Designation-System.net

voci di missili presenti su Wikipedia

Il LIM-49A Spartan era un missile anti-balistico sviluppato dalle aziende statunitensi Western Electric Company e McDonnell Douglas negli anni settanta ed adottato dal United States Army nell'ambito del Safeguard Program.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1955 la US Army iniziò gli studi per realizzare un missile terra-aria sviluppato dal MIM-14 Nike Hercules da utilizzare nel ruolo di intercettore di velivoli supersonici e missili balistici. Il progetto, che inizialmente era conosciuto con il nome provvisorio di Nike II, il 15 novembre 1956 assunse la designazione ufficiale Nike Zeus.[1]

Il Nike Zeus era molto simile al suo predecessore, dotato di propulsione a razzo a due stadi allo stato solido e di un simile sistema di guida, e se ne distingueva essenzialmente per la testata adottata, una bomba all'idrogeno della potenza pari a 20 kt. Le limitazioni imposte dallo US Department of Defense (DOD) in una direttiva del dicembre 1956 imponevano che gli armamenti in dotazione alla US Army non potessero superare la gittata di 320 km (200 mi) ma il lancio del satellite artificiale sovietico Sputnik 1, effettuato il 4 ottobre 1957, mise in allarme l'apparato difensivo statunitense rendendo palese la capacità sovietica di operare con missili di grande gittata. Come conseguenza la precedente direttiva venne revocata in favore di una meno restrittiva, permettendo di sviluppare ulteriormente il sistema d'arma che poteva ora raggiungere quote suborbitali e consentendo una difesa da possibili attacchi balistici sovietici.[1]

La nuova arma, inizialmente designata Zeus B per distinguerla con la precedente Zeus (indicata anche come Zeus A), iniziò lo sviluppo nei primi anni sessanta assumendo nel 1963 la designazione DOD XLIM-49A[1]; X era genericamente riferito ad un prototipi realizzato a scopo di ricerca, o comunque provvisorio, L identificava il vettore, in questo caso un silo terrestre, I lo definiva come intercettore ed M era identificativo di missile.[2].

Il missile aveva acquisito un terzo stadio, sempre a combustibile solido, ed una più potente testata all'idrogeno W-71 della potenza di 5 Mt. All'atto dell'intercettazione dell'obiettivo gli effetti della testata erano indirizzati più all'emissione di raggi X atti a colpire gli apparati elettronici del missile balistico più che alla sua distruzione fisica, soluzione che aggirava la necessità di una accurata precisione alla ricerca dell'impatto.

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Lo Spartan rimase operativo solo per pochi mesi, dall'ottobre 1975 ai primi mesi del 1976.[3]

Venne disattivato, assieme allo Sprint, a causa di una combinazione tra gli alti costi di gestione ed i trattati SALT I atti a limitare la proliferazione degli armamenti strategici. Inoltre c'era il rischio che l'esplosione della sua testata nucleare in alta quota disabilitasse buona parte degli apparecchi elettronici degli USA.

Descrizione tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Il LIM-49A Spartan era un razzo multistadio a combustibile solido da installazione fissa (silo) equipaggiato con una testata termonucleare da 5 Mt.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti Stati Uniti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c McDonnell Douglas LIM-49 Spartan in Directory of U.S. Military Rockets and Missiles.
  2. ^ (EN) Andreas Parsch, Current Designations of U.S. Unmanned Military Aerospace Vehicles in US Military Aviation Designation Systems, http://www.designation-systems.net/usmilav/, 24 giu 2009. URL consultato il 7 feb 2010.
  3. ^ LIM-49 Spartan in GlobalSecurity.org.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Video[modifica | modifica wikitesto]