FGM-172 SRAW

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
FGM-172 SRAW
Predator SRAW
Descrizione
Tipo lancia-missile anticarro
Costruttore Lockheed Martin e Israel Military Industries
Impostazione 2002[1]
In servizio 2003[1]–presente
Peso e dimensioni
Peso 9,7 kg
Lunghezza 70,5 cm
Larghezza 15 cm
Prestazioni
Gittata 17 a 600 m
Velocità massima 900 km/h
Esplosivo EFP - Explosively Formed Penetrator (penetratore creato dall'esplosione)(versione originale, ora cambiato con la testata esplosiva multifunzione)

[senza fonte]

voci di missili presenti su Wikipedia

Il FGM-172 SRAW (Short-Range Assault Weapon; arma da assalto ravvicinato), conosciuto anche come il Predator SRAW, è un sistema missilistico leggero da corta distanza, prodotta dalla Lockheed Martin, sviluppata dalla Lockheed Martin e Israel Military Industries[2] è stato progettato come complemento per il missile anticarro Javelin. Lo SRAW ha gittata e potenza maggiori del suo predecessore, l'AT4, ma ha una gittata inferiore al Javelin.

Il missile ricevette il nome FGM-172 dall'United States Department of Defense nel 2006. Prima era chiamato il SRAW MK 40 MOD 0.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il Predator è un'arma fire and forget, che usa un sistema pre-lancio dove l'operatore segue il bersaglio per tre secondi prima del lancio, ed il meccanismo interno misura la velocità e la direzione dell'obiettivo, insieme alla effettiva prestazione in volo, così da calcolare dove sarà l'obiettivo al momento della intercettazione. Il missile usa un sistema di navigazione inerziale per tenere conto dei venti perpendicolari e il movimento del lanciatore (può essere montato su di un veicolo). Per l'attacco diretto il missile segue una traiettoria tesa e non guidata.

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Missile[modifica | modifica wikitesto]

Il missile è prodotto in due varianti, ognuno con una testata diversa.

La FGM-172A ha una testata per l'attacco verso il basso, per colpire il lato superiore del carro, attivato da una spoletta a doppio sensore, ed è usato come arma anticarro.

La FGM-172B presenta una testata a frammentazione, per uso come arma da assalto, contreo fanteria e posizioni fortificate. È chiamato anche FGM-172B SRAW-MPV

Arma[modifica | modifica wikitesto]

Il Kestrel è una variante del predator per le armi anticarro leggere della British Army (le "Next-generation Light Anti-tank Weapon"; NLAW)[3]

Vantaggi[modifica | modifica wikitesto]

Il predator è un'arma utile da affiancare al Javelin, in quanto ha una gittata minima molto inferiore, specialmente in modalità da attacco diretto, dove può essere sparata da finestra a finestra attraverso una strada normale. È anche significativamente più leggero del Javelin, il che permette di portare più colpi. infine avendo un sistema di guida diverso, è difficile che un bersaglio possa proteggersi sia dal javelin che dallo SRAW.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Predator MPV[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 l'United States Army decise di non prendere una versione del Predator per il suo MPIM/SRAW (Multipurpose Individual Munition - Short Range Assault Weapon; munizione individuale multiuso - arma da assalto a corto raggio), ed ulteriori ordinazioni furono cancellate.[4] Ormai dal 2005 tutti i missili FGM-172A forniti alla USMC sono stati dotati della testata multiuso esplosiva, per cambiare la testata per l'attacco verso il basso.[5]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Predator Light Anti-Armour Missile, USA, SPG Media. URL consultato il 28 ottobre 2008.
  2. ^ Lockheed Martin to Develop Follow-on to Shoulder-Launched Multi-Purpose Assault Weapon for U.S. Marine Corps.
  3. ^ Lockheed Martin FGM-172 SRAW, 27 settembre 2006. URL consultato il 28 ottobre 2008.
  4. ^ John Antal "Packing a Punch: America's Man-Portable Antitank Weapons" page 88 Military Technology 3/2010, Monch Publishing
  5. ^ Jennifer Allen, Lockheed Martin, Responding to U.S. Marine Corps Needs, Converts Anti-Tank Missile for Urban Assault (pubblicazione giornalistica), Lockheed Martin, 26 maggio 2005.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra