LGM-118 Peacekeeper

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
LGM-118A Peacekeeper
Peacekeeper missile.jpg
Descrizione
Tipo ICBM
Sistema di guida inerziale (AIRS), 120 m CEP
Costruttore Boeing, Martin Marietta, TRW and Denver Aerospace
In servizio 1986
Costo 70.000.000$
Peso e dimensioni
Peso 96,75 t
Lunghezza 21,8 m
Diametro 2,3 m
Prestazioni
Gittata 9.700 km
Motore primo stadio: razzo a combustibile solido Thiokol SR118;

secondo stadio: razzo a combustibile solido Aerojet General SR119; terzo stadio: razzo a combustibile solido Hercules SR120;

veicolo di rientro: razzo a combustibile liquido Rocketdyne;
Esplosivo fino a 10 veicoli di rientro Avco Mk-21, ciascuno dotato di testata nucleare W87 da 300 kT

[senza fonte]

voci di missili presenti su Wikipedia

Il missile LGM-118 Peacekeeper, noto come MX, è stato il nuovo missile ICBM americano degli anni '80, dopo anni di totale inattività mentre lo standard era costituito dai Minuteman, assai piccoli, e dagli obsoleti Titan.

L'MX era la risposta americana agli SS-18 sovietici, e come loro era capace di trasportare almeno 10 MIRV (testate nucleari con obiettivo indipendente) e piazzarle con grande precisione. Era a 4 stadi, 3 a propellente solido e l'ultimo a propellente liquido, armato con 10 testate MIRV da 500kT. Il carico utile era del resto di 3600 kg, non di 7000, a differenza del missile sovietico. Ma mentre l'SS-18 venne schierato dalla fine degli anni '70, in sostituzione dell'SS-9, l'MX attese fino alla fine degli anni '80, e anziché 308 ne vennero ordinati 100, poi ridotti a 50. Negli anni '80 si è deciso di limitare l'operatività e di procedere, gradualmente, alla sua totale radiazione.

Attualmente gli ICBM americani dovrebbero essere solo Minuteman III.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]