Agni (missile)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Agni II
Missile Agni II (India)
Missile Agni II (India)
Descrizione
Tipo MRBM-(tattico/strategico)
Impiego terrestre, da rampa mobile stradale
Sistema di guida Ring Laser Gyro-INS
radar terminale
Costruttore DRDO,
Bharat Dynamics Ltd. India India
In servizio 1999
Utilizzatore principale India India
Costo Rs 250-350 million (INR) or $ 5,6-7,9 million (USD)[1]
Peso e dimensioni
Peso 16.000 kg
Lunghezza 20,0 m[2]
Diametro 1.000 mm
Prestazioni
Vettori Autoarticolato: Tatra Mod. TELAR (8 × 8);
silos lanciamissile; vagone ferroviario
Gittata 2.500-3.000 km
CEP
errore massimo
metri
Velocità 18.000 km/h[3]
Motore due stadi e 1/2, propellente solido
Testata Convenzionale e nucleare
Spoletta Impatto, prossimità, altimetro radar
Esplosivo 1.000 kg HE; penetrazione: submunizioni;
bomba termo-barica
Non convenzionale: Testata nucleare: 15 a 400 kT

Web Archive.org[4]

voci di missili presenti su Wikipedia

Agni è una famiglia di missili balistici con gittata a medio raggio e/o raggio intermedio sviluppati dall'India per lanciare le sue testate nucleari ed altre "testate speciali".

Il nome Agni è il nome del dio indù del fuoco: il primo lancio del missile Agni è avvenuto nel maggio 1989, nella versione oggi denominata Agni-I. Attualmente il programma Agni ha dato origine ad una evoluzione del missile iniziale denominata Agni-II, ed è in sviluppo una terza versione, l'Agni-III.

Agni-I[modifica | modifica wikitesto]

Lungo 18 metri e pesante 7.500 kg, l'Agni-I è un missile a due stadi ed ha una gittata presunta compresa fra 550 e 1500 km; è stato sviluppato a partire dall'SLV-3, il veicolo di lancio satelitare del programma spaziale civile indiano, che ha costituito il primo stadio a propellente solido, e dal Prithvi-II che in versione ridotta costituisce il secondo stadio. Il sistema di guida terminale è probabilmente inerziale, sviluppato con l'aiuto della Germania.

Lanci di prova dell'Agni-I:

  • maggio 1989 (primo volo)
  • maggio 1992 (secondo test, riuscito solo parzialmente)
  • febbraio 1994 (simulata una traiettoria di 2500 km, gittata reale raggiunta 1450 km)

Agni-II[modifica | modifica wikitesto]

Missile Agni-II alla parata del Giorno della Repubblica del 2004 (foto: Antônio Milena/ABr)

Questa seconda versione del missile Agni ha una gittata sicuramente di 2200 km, e teorica di 3000 km, con una testata convenzionale di 1000 kg o una nucleare di 200 kilotoni. Questa versione ha un secondo stadio a propellente solido riprogettato ex novo, che sostituisce quello del Prithvi: l'Agni-II può essere lanciato con un preavviso di soli 15 minuti, un grosso miglioramento rispetto alla mezza giornata di preparativi necessaria per approntare al lancio l'Agni-I. Il sistema di navigazione è stato migliorato ed è circa tre volte più preciso della prima versione. Per l'Agni-II è stata sviluppata una piattaforma mobile in grado di trasportare (e lanciare) il missile sia su strada che per ferrovia.

L'Agni-II ha volato per la prima volta l'11 aprile 1999, su una rotta balistica studiata per simulare una gittata di 3000 km, percorrendo però solo 2100 km: quindi sebbene sia in grado di raggiungere tutto il Pakistan e buona parte della Cina, non arriva a minacciare le maggiori città di quest'ultima.

Agni-III[modifica | modifica wikitesto]

Questa nuova evoluzione dell'Agni avrà tre stadi invece dei due dei suoi predecessori, ed è in fase finale di sviluppo. Delle sue capacità si conoscono soltanto alcune notizie di massima: la gittata prevista è fra 4000 e 6000 km, e il secondo stadio dovrebbe essere a propellente solido come quello dell'Agni-II. Con questo missile l'India è in grado di colpire Pechino e le altre grandi città cinesi. Il 15 maggio 2005 venne annunciato che l'Agni III era tecnicamente pronto per il lancio [1]. Ma vista la pericolosità del missile l'India ha deciso di rimandare per il momento il lancio per ragioni diplomatiche relative alla non proliferazione [2]. Il primo lancio di collaudo è avvenuto il 9 luglio 2006.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Technical tune to Agni test before talks, The Telegraph. URL consultato il 13 dicembre 2007.
  2. ^ India close to developing Agni-IV missile, Rediff News. URL consultato il 13 dicembre 2007.
  3. ^ Arun Vishwakarma, Indian Long Range Strategic Missiles (PDF), Lancer Publishers and Distributors, 1º luglio 2007. URL consultato il 13 dicembre 2007.
  4. ^ Indian Long Range Strategic Missiles. URL consultato il 28 gennaio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]