Unione di Centro (1993)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Unione di Centro
LeaderRaffaele Costa
StatoItalia Italia
AbbreviazioneUdC
Fondazione27 maggio 1993
Dissoluzione30 novembre 1998
Confluito inForza Italia
IdeologiaCentrismo,
Liberalismo conservatore
CollocazioneCentro-destra
CoalizionePolo delle Libertà, Polo del Buon Governo
Seggi massimi Camera
4 / 630
Seggi massimi Senato
2 / 315
Seggi massimi Europarlamento
1 / 87

L'Unione di Centro (UdC) è stato un partito politico del liberalismo anticomunista e moderato italiano fondato il 27 maggio 1993, per iniziativa di Raffaele Costa il quale, negli stessi giorni, dopo le dimissioni di Renato Altissimo veniva eletto segretario del Partito Liberale Italiano.

"Scialuppa" liberale nel naufragio della Prima Repubblica[modifica | modifica wikitesto]

Nei mesi successivi Costa esercitò pienamente le funzioni di segretario del PLI, mantenendo di riserva l'UdC, utilizzandola come possibile sigla di riferimento in caso di importanti rimescolamenti del quadro politico. L'UdC voleva in realtà, da un lato, riorganizzare una presenza liberale in continuità con il PLI e, dall'altro, presentarsi come un soggetto politico più ampio dell'area liberale-moderata-centrista, chiaramente alternativo alla sinistra, nel quale potessero confluire anche altre culture politiche laiche o centriste travolte dagli scandali di Tangentopoli (ex-repubblicani, ex-socialisti-socialdemocratici, anche ex-democristiani), da qui l'accento sul termine "unione" e la caratterizzazione ampia e generica "di centro".

Da alleata a componente interna di Forza Italia[modifica | modifica wikitesto]

Quando Berlusconi entrò in politica e il congresso del PLI decise lo scioglimento (febbraio 1994) Costa non fece aderire l'Unione di Centro alla Federazione dei Liberali Italiani nata contestualmente, ma seguì una strada autonoma che lo portò a schierare l'UdC nell'area di centrodestra e a partecipare alle elezioni politiche del 1994 nell'ambito delle coalizioni del Polo delle Libertà e del Polo del Buon Governo. Gli eletti dell'UdC si iscrissero ai gruppi parlamentari di Forza Italia. Il progetto peraltro proprio dell'UdC - riorganizzare l'elettorato centrista orfano dei partiti tradizionali di governo - risultava ormai assorbito in quello di Forza Italia.

Alle successive elezioni politiche del 1996 l'UdC non partecipò direttamente, ma presentò propri candidati nelle liste di Forza Italia.

Il 30 novembre 1998 l'UdC si trasformò da partito in associazione politica di liberali, cambiando nome in Unione Liberale di Centro, mentre i suoi esponenti confluirono definitivamente in Forza Italia.

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Risultati elettorali
Elezione Parlamento Voti % Seggi
1994


1996
Camera°
Senato°

Camera
Senato
in FI
nel PdL/PBG

in FI
nel Polo
-
-

-
-
4
2

4
2
Risultati elettorali
Elezione Parlamento Voti % Seggi
1994 Parl. Europeo in FI - 1