Sandesh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sandesh

Il sandesh (Bengali: সন্দেশ Shôndesh; Hindi: संदेश) è un dessert originario del Bangladesh creato con latte e zucchero.[1] Talvolta vengono utilizzati chhena o paneer al posto del latte.[2] Nella regione della Dhaka si usa il termine "pranahara" (letteralmente, "rubacuori") per indicare un tipo di sandesh più morbido, preparato con mawa ed essenza di cagliata.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un dolce chiamato "sandesh" è menzionato nella letteratura medioevale del Bangladesh, in particolare nel Krittivasi Ramayan e nelle liriche di Chaitanya Mahaprabhu. Comunque gli ingredienti di questo antico piatto non sono conosciuti[4] e verosimilmente erano differenti dal moderno sandesh a base di chhena. Tale ricetta originale infatti era forse a base di kheer solidificato.[5][6]

Non è facile determinare con esattezza il momento in cui il termine "sandesh" iniziò ad essere utilizzato in riferimento all'odierno dolce a base di chhena; ciò avvenne sicuramente prima della seconda metà del XIX secolo.[7]

L'introduzione del chhena come ingrediente del sandesh si ebbe probabilmente a causa dell'influenza portoghese nel territorio del Bangladesh durante il XVI secolo.[4]

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

Il sandesh può essere preparato a partire dal chhena.

Il tipo di sandesh più semplice è detto "makha sandesh", che vuol dire sandesh "impastato". Viene preparato mescolando il chhena con lo zucchero su una fiamma bassa.

Il termine "kanchagolla sandesh" si riferisce invece al sandesh a forma di palline (kancha = grezzo; golla = palla).

Un'altra variante è il "nolen gurer sandesh", che viene preparato con jaggery. Lo jaggery gli fornisce un colore bruno o caramellato.

In altre preparazioni più elaborate, il chhena viene essiccato e pressato, aromatizzato con essenze di frutta, talvolta colorato e infine cucinato con differenti consistenze. Può essere inoltre riempito con sciroppo, miscelato con cocco o kheer e modellato in diverse forme, tra cui conchiglie, elefanti e pesci.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Sandesh Mishti
  2. ^ (EN) hindustanlink - Sandesh
  3. ^ (EN) Ken Albala, "Food cultures of the world encyclopedia", Santa Barbara, California, Greenwood. p. 34. ISBN 9780313376276]
  4. ^ a b (EN) Meenakshi Das Gupta, Bunny Gupta and Jaya Chaliha (2000). "Calcutta Cookbook: A Treasury of Recipes From Pavement to Place". Penguin UK. p. 338. ISBN 9789351181491.
  5. ^ Harlan Walker, ed. (2000). Milk - Beyond the Dairy: Proceedings of the Oxford Symposium on Food and Cookery 1999. Oxford Symposium. p. 57. ISBN 9781903018064.
  6. ^ Michael Krondl (2011). Sweet Invention: A History of Dessert. Chicago Review Press. pp. 55–59. ISBN 9781556529542.
  7. ^ Chitrita Banerji (2006). The Hour of the Goddess: Memories of Women, Food, and Ritual in Bengal. Penguin. pp. 117–120. ISBN 9780144001422.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]