Dal (gastronomia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dal
Tadka Dal.jpg
Origini
Altri nomidaal, dhal, dhal, dahl, dail
Luoghi d'origineIndia India
Nepal Nepal
Bangladesh Bangladesh
Sri Lanka Sri Lanka
RegioneSubcontinente indiano
DiffusioneDiffuso in vari paesi del subcontinente indiano.
Dettagli
Categoriaprimo piatto
Ingredienti principali
  • lenticchie
  • piselli
  • fagioli
VariantiDal bhat
 

Il termine dal (anche riportato con la grafia daal, dhal o dahl) e talvolta conosciuto come dail, è un termine che indica varie tipologie di legumi secchi, ovvero lenticchie, piselli e fagioli. Il termine viene anche usato in riferimento a varie zuppe ricavate da queste leguminose. Questi legumi sono tra i più importanti alimenti di base nei paesi dell'Asia meridionale e costituiscono una parte importante delle cucine del subcontinente indiano.[1][2]

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

Il modo più comune di preparare il dal è sotto forma di zuppa a cui si aggiungono comunemente cipolle, pomodori e varie spezie.

Quasi tutti i tipi di dal si possono preparare in tre forme: (1) sabut (che significa intero in hindi), ad esempio sabut urad dal o mung sabut con lenticchie non decorticate (2) chilka (che significa pelle in hindi), ad es. Chilka Urad Dal, Mung Dal Chilka lenticchie non decorticate e macinate in purè; (3) dhuli (che significa lavato), ad esempio urad dhuli o mung dhuli in hindi / urdu con legumi decorticati.

I Dal vengono spesso accompagnati con focacce (come naan, roti o chapati) o con il riso. ll modo in cui viene cucinato e presentato varia in base alla regione. Nel sud dell'India, il dal viene principalmente utilizzato per preparare il piatto chiamato sambar.

Inoltre, alcuni tipi di dal vengono fritti e salati e consumati come spuntino secco; una gran varietà di snack salati molto comuni viene prodotta friggendo una pasta a base di dal e diverse combinazioni di spezie, noci, anacardi.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

La parola dāl deriva dal Sanscrito: è la radice verbale dal- che significa dividere[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Alan Davidson, The Oxford Companion to Food, Oxford University, 2014, p. 246.
  2. ^ (EN) La ricetta del dal (aka dhal): le proteine nella cucina indiana, su 2backpack.it. URL consultato l'8 luglio 2019.
  3. ^ John Ayto, The Diner's Dictionary: Word Origins of Food and Drink, 2012, ISBN 978-0-19-964024-9..

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]