Motomondiale 1961

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Motomondiale 1961
Edizione n. 13 del Motomondiale
Dati generali
Inizio23 aprile
Termine15 ottobre
Prove11 (250 e 125), 10 (500), 7 (350), 6 (sidecar)
Le 500 e 350 iniziano il 14 maggio,i sidecar terminano il 2 luglio, la 350 termina il 17 settembre
Titoli in palio
Classe 500Rhodesia Gary Hocking
su MV Agusta
Classe 350Rhodesia Gary Hocking
su MV Agusta
Classe 250Regno Unito Mike Hailwood
su Honda
Classe 125Australia Tom Phillis
su Honda
SidecarGermania Max Deubel / Emil Hörner
su BMW
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso

La stagione 1961 è stata la tredicesima del Motomondiale; molte le novità rispetto all'anno precedente, a partire dal fatto che da questa stagione il campionato può davvero dirsi "mondiale": per la prima volta dall'inizio della serie iridata questa esce dall'Europa, per correre in Argentina la gara conclusiva della stagione. Entra in calendario anche il Gran Premio della Germania Orientale, prima prova disputata al di là della cortina di ferro; tornano infine il Gran Premio motociclistico di Svezia e quello di Spagna dopo uno o più anni di assenza, facendo sì che la stagione conti un totale di 11 gran premi, 4 in più rispetto al 1960.

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda il regolamento non vennero inserite delle modifiche in merito ai punteggi e ai conteggi delle classifiche; la FIM iniziò invece ad interessarsi alle minime cilindrate da 50 cm3 organizzando una serie di gare che avrebbero fatto da apripista per l'entrata in calendario della nuova classe 50.

Perdurando l'assenza delle squadre ufficiali di molte case motociclistiche che avevano fatto la storia dei primi anni del motomondiale, anche la MV Agusta annunciò il suo ritiro dal mondiale per poi trovare un escamotage (le moto furono iscritte con la denominazione MV Privat) ed appoggiare il pilota rhodesiano Gary Hocking nelle classi maggiori. Contemporaneamente aumentò sempre più la partecipazione della Honda e, nelle classi di minore cilindrata, si vedeva un acceso confronto anche tra filosofie motoristiche diverse: la Honda schierava infatti motociclette con motore a quattro tempi, sfidata dai motore a due tempi in cui erano invece specializzate le case ceche (Jawa) e tedesco orientali (MZ).

Anche tra i piloti, dopo il ritiro di Carlo Ubbiali e di John Surtees che avevano conquistato tutti i titoli iridati nelle classi sciolte nei due anni precedenti, si attendeva di conoscere i loro eredi: al termine della stagione risultarono vincitori Gary Hocking sia in 350 che in 500, Mike Hailwood in 250 e l'australiano Tom Phillis in 125. Nei sidecar, ennesima vittoria BMW, con Max Deubel: il tedesco approfittò di un incidente occorso al Nürburgring al campione uscente Helmut Fath, dal quale il campione del mondo in carica uscì gravemente ferito, mentre il suo passeggero, Alfred Wohlgemuth, perse la vita.

Il calendario[modifica | modifica wikitesto]

Data Gran Premio Circuito Vincitore 500 Vincitore 350 Vincitore 250 Vincitore 125 Vincitore sidecar Resoconto
23 aprile Spagna GP di Spagna Montjuïc Rhodesia Gary Hocking Australia Tom Phillis Germania Helmut Fath
Germania Alfred Wohlgemuth
Resoconto
14 maggio Germania GP della Germania Ovest Hockenheim Rhodesia Gary Hocking Cecoslovacchia František Šťastný Giappone Kunimitsu Takahashi Germania Est Ernst Degner Germania Max Deubel
Germania Emil Hörner
Resoconto
21 maggio Francia GP di Francia Clermont-Ferrand Rhodesia Gary Hocking Australia Tom Phillis Australia Tom Phillis Svizzera Fritz Scheidegger
Germania Horst Burkhardt
Resoconto
12 giugno[1] Isola di Man Tourist Trophy Mountain Circuit Regno Unito Mike Hailwood Regno Unito Phil Read Regno Unito Mike Hailwood Regno Unito Mike Hailwood Germania Max Deubel
Germania Emil Hörner
Resoconto
24 giugno Paesi Bassi GP d'Olanda Assen Rhodesia Gary Hocking Rhodesia Gary Hocking Regno Unito Mike Hailwood Australia Tom Phillis Germania Max Deubel
Germania Emil Hörner
Resoconto
2 luglio Belgio GP del Belgio Spa Rhodesia Gary Hocking Rhodesia Jim Redman Svizzera Luigi Taveri Svizzera Fritz Scheidegger
Germania Horst Burkhardt
Resoconto
30 luglio Germania Est GP della Germania Est Sachsenring Rhodesia Gary Hocking Rhodesia Gary Hocking Regno Unito Mike Hailwood Germania Est Ernst Degner Resoconto
12 agosto Irlanda del Nord GP dell'Ulster Dundrod Rhodesia Gary Hocking Rhodesia Gary Hocking Regno Unito Bob McIntyre Giappone Kunimitsu Takahashi Resoconto
3 settembre Italia GP delle Nazioni Monza Regno Unito Mike Hailwood Rhodesia Gary Hocking Rhodesia Jim Redman Germania Est Ernst Degner Resoconto
17 settembre Svezia GP di Svezia Kristianstad Rhodesia Gary Hocking Cecoslovacchia František Šťastný Regno Unito Mike Hailwood Svizzera Luigi Taveri Resoconto
15 ottobre Argentina GP d'Argentina Buenos Aires Argentina Jorge Kissling Australia Tom Phillis Australia Tom Phillis Resoconto

Sistema di punteggio e legenda[modifica | modifica wikitesto]

Pos. 1 2 3 4 5 6 7>
Punti 8 6 4 3 2 1 0

Le classi[modifica | modifica wikitesto]

Classe 500[modifica | modifica wikitesto]

In maniera quasi anomala rispetto alle stagioni precedenti, non fu la classe 500 quella che disputò il maggior numero di gran premi durante l'anno: la classe regina non fu al via nel gran premio inaugurale della stagione, in Spagna.

La stagione fu quasi un monologo da parte di Gary Hocking sulla sua MV Agusta; il pilota rhodesiano si aggiudicò 7 prove, lasciando due vittorie a Mike Hailwood che su una Norton si aggiudicò il Tourist Trophy e su una MV Agusta il GP delle Nazioni. L'ultimo successo fu invece appannaggio di Jorge Kissling, pilota argentino che si aggiudicò il gran premio di casa in sella ad una Matchless (quest'ultimo fu peraltro orfano di quasi tutte le squadre ufficiali e vide solo 6 piloti classificati con solo 2 che avevano tagliato la linea del traguardo).

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Risultati del motomondiale 1961.
Classifica piloti (prime 5 posizioni)
Pos. Pilota Moto Flag of Spain (1945-1977).svg Flag of Germany.svg Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of East Germany.svg Flag of Northern Ireland.svg Flag of Italy.svg Flag of Sweden.svg Flag of Argentina.svg P.ti
1 Rhodesia Gary Hocking MV Agusta NE 1 1 Rit 1 1 1 1 Rit 1 48 (56)[2]
2 Regno Unito Mike Hailwood Norton e MV Agusta NE 4 2 1 2 2 2 2 1 2 40 (55)[2]
3 Regno Unito Frank Perris Norton NE 2 5 Rit Rit 3 3 16
4 Regno Unito Bob McIntyre Norton NE 2 3 3 14
5 Regno Unito Alistair King Norton NE 4 3 2 Rit 13
Pos. Pilota Moto Flag of Spain (1945-1977).svg Flag of Germany.svg Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of East Germany.svg Flag of Northern Ireland.svg Flag of Italy.svg Flag of Sweden.svg Flag of Argentina.svg P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qualificato Ritirato Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Classe 350[modifica | modifica wikitesto]

Anche la classe 350, come la 500, vide un netto dominio del rhodesiano Hocking su MV Agusta; in questo caso si aggiudicò 4 delle 7 prove in programma, lasciando le ulteriori vittorie a František Št'astný su una Jawa in Germania e in Svezia, a Phil Read al Tourist Trophy.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Risultati del motomondiale 1961.
Classifica piloti (prime 5 posizioni)
Pos. Pilota Moto Flag of Spain (1945-1977).svg Flag of Germany.svg Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of East Germany.svg Flag of Northern Ireland.svg Flag of Italy.svg Flag of Sweden.svg Flag of Argentina.svg P.ti
1 Rhodesia Gary Hocking MV Agusta NE Rit NE 2 1 NE 1 1 1 Rit NE 32 (38)[2]
2 Cecoslovacchia František Št'astný Jawa NE 1 NE 5 3 NE 2 3 Rit 1 NE 26 (32)[2]
3 Cecoslovacchia Gustav Havel Jawa NE 2 NE 27 8 NE 4 - 3 2 NE 19
4 Regno Unito Phil Read Norton NE - NE 1 5 NE - 4 - - NE 13
5 Regno Unito Bob McIntyre Bianchi NE Rit NE Rit 2 NE 3 Rit Rit - NE 10
Pos. Pilota Moto Flag of Spain (1945-1977).svg Flag of Germany.svg Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of East Germany.svg Flag of Northern Ireland.svg Flag of Italy.svg Flag of Sweden.svg Flag of Argentina.svg P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qualificato Ritirato Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Classe 250[modifica | modifica wikitesto]

La Honda RC162 di Hailwood

Assieme alla classe 125 fu l'unica categoria disputata in tutti i gran premi della stagione.

Nella classe 250 fu assolutamente indiscusso il dominio della Honda che, con i suoi piloti ufficiali occupò le prime 5 posizioni in classifica, con Mike Hailwood, Tom Phillis, Phil Read, Kunimitsu Takahashi e Bob McIntyre classificati nell'ordine e con gli stessi piloti che si aggiudicarono 10 delle 11 prove in calendario.

L'unica vittoria sfuggita alla casa motociclistica giapponese fu in occasione del gran premio inaugurale, in Spagna, dove a vincere fu il campione del mondo delle classi superiori, Gary Hocking su MV Agusta.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Risultati del motomondiale 1961.
Classifica piloti (prime 5 posizioni)
Pos. Pilota Moto Flag of Spain (1945-1977).svg Flag of Germany.svg Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of East Germany.svg Flag of Northern Ireland.svg Flag of Italy.svg Flag of Sweden.svg Flag of Argentina.svg P.ti
1 Regno Unito Mike Hailwood FB Mondial e Honda Rit 8 2 1 1 3 1 2 2 1 - 44 (54)[2]
2 Australia Tom Phillis Honda 2 - 1 2 - 2 4 4 3 6 1 38 (45)[2]
3 Rhodesia Jim Redman Honda 4 2 6 3 3 1 2 3 1 4 3 36 (51)[2]
4 Giappone Kunimitsu Takahashi Honda - 1 3 4 - - 3 6 - 3 2 29 (30)[2]
5 Regno Unito Bob McIntyre Honda - - - Rit 2 - - 1 Rit - - 14
Pos. Pilota Moto Flag of Spain (1945-1977).svg Flag of Germany.svg Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of East Germany.svg Flag of Northern Ireland.svg Flag of Italy.svg Flag of Sweden.svg Flag of Argentina.svg P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qualificato Ritirato Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Classe 125[modifica | modifica wikitesto]

La Honda RC143

Anche la categoria di minor cilindrata si disputò quest'anno su tutte e undici le prove in calendario e fu forse la più combattute tra tutte le classi: al termine del campionato il titolo fu appannaggio di Tom Phillis e della sua Honda ma, fino quasi alla fine della stagione, il tedesco orientale Ernst Degner lo contrastò validamente in sella alla sua MZ. Quest'ultimo pilota fu anche protagonista di un episodio particolare: durante la stagione strinse un accordo con la Suzuki per diventare pilota ufficiale e, anche grazie ad essa, oltrepassò la cortina di ferro con la sua famiglia e ottenne in seguito una licenza per competere sotto le insegne della Germania Ovest.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Risultati del motomondiale 1961.
Classifica piloti (prime 5 posizioni)
Pos. Pilota Moto Flag of Spain (1945-1977).svg Flag of Germany.svg Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of East Germany.svg Flag of Northern Ireland.svg Flag of Italy.svg Flag of Sweden.svg Flag of Argentina.svg P.ti
1 Australia Tom Phillis Honda 1 - 1 3 1 2 2 3 4 6 1 44 (56)[2]
2 Germania Est Ernst Degner MZ 2 1 2 Rit Rit 4 1 2 1 Rit 42 (45)[2]
3 Svizzera Luigi Taveri Honda - 5 5 2 - 1 SQ 6 3 1 - 30 (31)[2]
4 Rhodesia Jim Redman Honda 3 7 3 4 2 3 6 4 5 3 2 28 (37)[2]
5 Giappone Kunimitsu Takahashi Honda - 6 6 - - - 3 1 - 2 3 24
Pos. Pilota Moto Flag of Spain (1945-1977).svg Flag of Germany.svg Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of East Germany.svg Flag of Northern Ireland.svg Flag of Italy.svg Flag of Sweden.svg Flag of Argentina.svg P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qualificato Ritirato Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Classe sidecar[modifica | modifica wikitesto]

Le gare in cui si videro al via le motocarrozzette furono solo le prime 6 della stagione e, dopo il grave incidente occorso al vincitore della prima prova Helmut Fath, dove perì il suo passeggero Alfred Wohlgemuth e che lo costrinse a saltare il resto della stagione, Max Deubel e la sua BMW ebbero pochi avversari in campionato.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Risultati del motomondiale 1961.
Classifica equipaggi (prime 4 posizioni)
Pos. Pilota Moto Flag of Spain (1945-1977).svg Flag of Germany.svg Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of East Germany.svg Flag of Northern Ireland.svg Flag of Italy.svg Flag of Sweden.svg Flag of Argentina.svg P.ti
1 Germania Max Deubel/Emil Hörner BMW - 1 2 1 1 2 NE NE NE NE NE 30 (36)[2]
2 Svizzera Germania Fritz Scheidegger/Horst Burkhardt BMW 2 2 1 2 Rit 1 NE NE NE NE NE 28 (34)[2]
3 Svizzera Edgar Strub/Kurt Huber BMW 3 - 3 2 - NE NE NE NE NE 14
4 Germania August Rohsiepe/Lothar Böttcher BMW - 4 6 4 4 6 NE NE NE NE NE 10 (11)[2]
Pos. Pilota Moto Flag of Spain (1945-1977).svg Flag of Germany.svg Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of East Germany.svg Flag of Northern Ireland.svg Flag of Italy.svg Flag of Sweden.svg Flag of Argentina.svg P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qualificato Ritirato Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le gare si disputarono poi fino al 16 giugno.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o Tra parentesi il numero di punti ottenuti prima degli scarti

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]