Motomondiale 1958

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Motomondiale 1958
Edizione nº 10 del Motomondiale
Dati generali
Inizio2 giugno
Termine14 settembre
Prove7 (500, 350 e 125), 6 (250) 4 (sidecar)
I sidecar terminano il 20 luglio
Titoli in palio
Classe 500Regno Unito John Surtees
su MV Agusta
Classe 350Regno Unito John Surtees
su MV Agusta
Classe 250Italia Tarquinio Provini
su MV Agusta
Classe 125Italia Carlo Ubbiali
su MV Agusta
SidecarGermania Walter Schneider / Hans Strauß
su BMW
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso

La stagione 1958 è stata la decima del Motomondiale; rispetto al calendario dell'anno precedente il numero delle prove disputate è salito a 7 con l'introduzione del nuovo Gran Premio motociclistico di Svezia. Tutti i gran premi si disputavano in Europa e le gare si svolsero nell'arco di poco più di tre mesi, tra il 2 giugno e il 14 settembre.

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

Nessuna modifica venne introdotta per quanto riguarda i punti assegnati nei singoli GP, cambiò però la regolamentazione degli scarti per la classifica finale: vennero considerati validi la metà più uno dei risultati ottenuti con arrotondamento in difetto nel caso di un numero di prove dispari; il numero minimo di risultati fu anche fissato a 3.

Con il ritiro di Gilera, Moto Guzzi e Mondial, nonché lo scarso sviluppo dei modelli delle case motociclistiche britanniche, la MV Agusta fu libera di spadroneggiare in tutte le classi (sidecar esclusi, dominati dall'equipaggio BMW Schneider-Strauß), incontrando una resistenza scarsa in 350 e 500, classi nelle quali John Surtees riuscì facilmente a guadagnare il titolo.

In 125 invece fu più dura la concorrenza della Ducati desmodromica che a Monza riuscì a piazzare cinque piloti (nell'ordine, Spaggiari, Gandossi, Villa, Chadwick e Taveri) ai primi cinque posti.

Il calendario[modifica | modifica wikitesto]

Data Gran Premio Circuito Vincitore 500 Vincitore 350 Vincitore 250 Vincitore 125 Vincitore sidecar Resoconto
2 giugno[1] Isola di Man Tourist Trophy Mountain Circuit[2] Regno Unito John Surtees Regno Unito John Surtees Italia Tarquinio Provini Italia Carlo Ubbiali Germania Walter Schneider
Germania Hans Strauß
Resoconto
28 giugno Paesi Bassi GP d'Olanda Assen Regno Unito John Surtees Regno Unito John Surtees Italia Tarquinio Provini Italia Carlo Ubbiali SvizzeraFlorian Camathias
Germania Hilmar Cecco
Resoconto
6 luglio Belgio GP del Belgio Spa Regno Unito John Surtees Regno Unito John Surtees Italia Alberto Gandossi Germania Walter Schneider
Germania Hans Strauß
Resoconto
20 luglio Germania GP di Germania Nürburgring Regno Unito John Surtees Regno Unito John Surtees Italia Tarquinio Provini Italia Carlo Ubbiali Germania Walter Schneider
Germania Hans Strauß
Resoconto
27 luglio Svezia GP di Svezia Hedemora Regno Unito Geoff Duke Regno Unito Geoff Duke Germania Horst Fügner Italia Alberto Gandossi Resoconto
9 agosto Irlanda del Nord GP dell'Ulster Dundrod Regno Unito John Surtees Regno Unito John Surtees Italia Tarquinio Provini Italia Carlo Ubbiali Resoconto
14 settembre Italia GP delle Nazioni[3] Monza Regno Unito John Surtees Regno Unito John Surtees Italia Emilio Mendogni Italia Bruno Spaggiari Resoconto

Sistema di punteggio e legenda[modifica | modifica wikitesto]

Pos. 1 2 3 4 5 6 7>
Punti 8 6 4 3 2 1 0

Le classi[modifica | modifica wikitesto]

Classe 500[modifica | modifica wikitesto]

Classifica costruttori
Pos. Costruttore Punti
1 MV Agusta 32
2 Norton 26
3 BMW 15

Tra le marche motociclistiche, si registrò il ritiro della AJS. A causa anche del ritiro di buona parte delle squadre ufficiali italiane, si ridusse di molto il numero dei partecipanti ai vari gran premi, in special modo non furono molti i piloti che presero parte continuativamente al campionato mondiale ma molti si limitavano a gareggiare solo nel gran premio della loro nazione.

John Surtees ottenne la vittoria, corredata del giro più veloce, in tutte le prove in cui prese la partenza e conquistò matematicamente il titolo iridato con diverse gare di anticipo sul termine della stagione, seguito in classifica dal compagno di squadra John Hartle.

Durante una gara fuori calendario si registrò anche la scomparsa in un incidente di Keith Campbell, detentore del titolo iridato delle 350 nel motomondiale 1957, che, passato alla guida di una Norton dopo il ritiro della Moto Guzzi, si stava dimostrando uno dei migliori piloti privati in pista e aveva ottenuto già 3 podi nelle prime gare dell'anno.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Risultati del motomondiale 1958.
Classifica piloti (prime 5 posizioni)
Pos. Pilota Moto Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Flag of Sweden.svg Ulster Banner.svg Flag of Italy.svg P.ti
1 Regno Unito John Surtees MV Agusta 1 1 1 1 1 1 32 (48)[4]
2 Regno Unito John Hartle MV Agusta Rit 2 3 2 3 Rit 20
3 Regno Unito Geoffrey Duke BMW e Norton Rit Rit 4 Rit 1 5 7 13
4 Regno Unito Dickie Dale BMW 10 5 5 5 2 6 4 13 (16)[4]
5 Regno Unito Derek Minter Norton 4 3 4 10
Pos. Pilota Moto Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Flag of Sweden.svg Ulster Banner.svg Flag of Italy.svg P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qualificato Ritirato Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Classe 350[modifica | modifica wikitesto]

Classifica costruttori
Pos. Costruttore Punti
1 MV Agusta 32
2 Norton 22
3 AJS 1

Ancor più che nella classe regina, il dominio delle due MV Agusta fu ancor più netto nella 350: Surtees ottenne 6 vittorie in 6 partecipazioni (sempre anche con il giro più veloce) e in 5 di queste fu seguito dal compagno di squadra Hartle.

Altre similitudini con la categoria superiore furono che la vittoria nel Gran Premio motociclistico di Svezia arrise in entrambe le occasioni al britannico Geoff Duke e, sempre lo stesso pilota ottenne il terzo posto finale in classifica generale in entrambe le classi.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Risultati del motomondiale 1958.
Classifica piloti (prime 5 posizioni)
Pos. Pilota Moto Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Flag of Sweden.svg Ulster Banner.svg Flag of Italy.svg P.ti
1 Regno Unito John Surtees MV Agusta 1 1 1 1 - 1 1 32 (48)[4]
2 Regno Unito John Hartle MV Agusta Rit 2 2 2 - 2 2 24 (30)[4]
3 Regno Unito Geoffrey Duke Norton Rit - 5 - 1 4 3 17
4 Regno Unito Dave Chadwick Norton 2 - 6 3 - - 5 13
5 Regno Unito Bob Anderson Norton - - 5 2 - 4 11
Pos. Pilota Moto Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Flag of Sweden.svg Ulster Banner.svg Flag of Italy.svg P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qualificato Ritirato Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Classe 250[modifica | modifica wikitesto]

Classifica costruttori
Pos. Costruttore Punti
1 MV Agusta 32
2 NSU 19
3 MZ 17
4 Adler 14
5 Morini 8
6 GMS 4
7 FB Mondial 2
8 ČZ 1
9 DKW 1

Il titolo della quarto di litro fu appannaggio di Tarquinio Provini che si aggiudicò 4 delle 6 prove disputate (la 250 non venne disputata nel Gran Premio motociclistico del Belgio) e doppiò i punti dei piloti classificatisi al secondo e terzo posto, Horst Fügner e Carlo Ubbiali.

Da segnalare in questa classe il primo successo della MZ, al GP di Svezia e il vittorioso debutto della Moto Morini 250 Bialbero a Monza, con Emilio Mendogni e Gianpiero Zubani che conquistarono il primo e secondo posto.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Risultati del motomondiale 1958.
Classifica piloti (prime 5 posizioni)
Pos. Pilota Moto Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Flag of Sweden.svg Ulster Banner.svg Flag of Italy.svg P.ti
1 Italia Tarquinio Provini MV Agusta 1 1 NE 1 9 1 Rit 32
2 Germania Est Horst Fügner MZ 8 NE 2 1 5 - 16
3 Italia Carlo Ubbiali MV Agusta 2 2 NE Rit - Rit 3 16
4 Regno Unito Mike Hailwood NSU 3 4 NE - 2 - - 13
5 Germania Dieter Falk Adler 5 3 NE 3 - - 6 11
Pos. Pilota Moto Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Flag of Sweden.svg Ulster Banner.svg Flag of Italy.svg P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qualificato Ritirato Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Classe 125[modifica | modifica wikitesto]

Classifica costruttori
Pos. Costruttore Punti
1 MV Agusta 32
2 Ducati 30
3 MZ 10
4 FB Mondial 1

Anche nella classe di minor cilindrata, disputatasi in tutti i gran premi in calendario, la MV Agusta ottenne il titolo con Carlo Ubbiali (già terzo in classe 250); il pilota ottenne anche la vittoria in 4 prove su 7.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Risultati del motomondiale 1958.
Classifica piloti (prime 5 posizioni)
Pos. Pilota Moto Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Flag of Sweden.svg Ulster Banner.svg Flag of Italy.svg P.ti
1 Italia Carlo Ubbiali MV Agusta 1 1 5 1 3 1 Rit 32 (38)[4]
2 Italia Alberto Gandossi Ducati 4 1 Rit 1 4 2 25 (28)[4]
3 Svizzera Luigi Taveri Ducati Rit 2 6 Rit 2 2 5 20 (21)[4]
4 Italia Tarquinio Provini MV Agusta Rit 3 3 2 4 - Rit 17
5 Regno Unito Dave Chadwick Ducati 3 5 4 - - 3 4 14 (16)[4]
Pos. Pilota Moto Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Flag of Sweden.svg Ulster Banner.svg Flag of Italy.svg P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qualificato Ritirato Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Classe sidecar[modifica | modifica wikitesto]

Classifica costruttori
Pos. Costruttore Punti
1 BMW 24
2 Norton 10

La stagione delle motocarrozzette fu molto più breve rispetto alle altre categorie essendo disputata solamente nelle prime 4 occasioni; la lotta per il titolo fu un affare privato tra piloti BMW che occuparono le tre prime posizioni finali. Il titolo fu dell'equipaggio Walter Schneider/Hans Strauß che si aggiudicò 3 prove su 4.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Risultati del motomondiale 1958.
Classifica equipaggi (prime 5 posizioni)
Pos. Pilota Moto Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Flag of Sweden.svg Ulster Banner.svg Flag of Italy.svg P.ti
1 Germania Walter Schneider/Hans Strauß BMW 1 2 1 1 NE NE NE 24 (30)[4]
2 Svizzera Germania Camathias/Cecco BMW 2 1 2 2 NE NE NE 20 (26)[4]
3 Germania Helmut Fath/Fritz Rudolf BMW Rit 3 3 - NE NE NE 8
4 Regno Unito Jackie Beeton/Eddie Bulgin Norton 3 - 5 - NE NE NE 6
5 Regno Unito Cyril Smith/Eric Bliss Norton Rit 4 4 - NE NE NE 6
Pos. Pilota Moto Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Flag of Sweden.svg Ulster Banner.svg Flag of Italy.svg P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qualificato Ritirato Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le gare si svolsero anche il 4 e il 6 giugno
  2. ^ 250, 125 e sidecar corrono sul Clypse Course.
  3. ^ Nel GP delle Nazioni si tenne anche una gara (non valida per il Mondiale) della classe 175, vinta da Francesco Villa su Ducati.
  4. ^ a b c d e f g h i j Tra parentesi i punti ottenuti prima degli scarti

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]