La testa di un uomo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La testa di un uomo
Titolo originaleLa tête d'un homme
L'homme de la Tour Eiffel
Altri titoliMaigret e la vita di un uomo
Maigret e una vita in gioco
Una testa in gioco
AutoreGeorges Simenon
1ª ed. originale1931
1ª ed. italiana1933
GenereRomanzo
SottogenereGiallo
Lingua originalefrancese
AmbientazioneParigi, Saint-Cloud
Protagonisticommissario Maigret
CoprotagonistiJanvier, Lucas, Moers
AntagonistiJean Radek
Altri personaggiJoseph Heurtin, William Crosby
SerieRomanzi con Maigret protagonista
Preceduto daIl viaggiatore di terza classe
Seguito daIl cane giallo

La testa di un uomo (titolo originale francese La tête d'un homme, pubblicato in traduzione italiana anche coi titoli Maigret e la vita di un uomo, Maigret e una vita in gioco e Una testa in gioco) è un romanzo poliziesco di Georges Simenon con protagonista il commissario Maigret.

È il quinto romanzo dedicato al personaggio del commissario Maigret.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Maigret decide di credere a Joseph Heurtin, un giovane condannato a morte per l'omicidio di due anziane donne a Saint-Cloud, il quale si è sempre ostinatamente dichiarato innocente. Il commissario appare stanco e non più sicuro delle scelte effettuate durante l'indagine e riesce a convincere i propri superiori a organizzare un'evasione pilotata, perché il giovane lo conduca al vero colpevole. Maigret verrà continuamente sfidato sul terreno dell'astuzia da un antagonista inusuale, il cecoslovacco Jean Radek, personaggio complesso che incrocerà il commissario per tutta la durata dell'indagine. Il finale è rivelato nel lungo ed esaustivo racconto del commissario al giudice Coméliau.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo è stato scritto all'Hôtel L'Aiglon di boulevard Raspail a Parigi nel febbraio del 1931 e pubblicato per la prima volta in Francia nel settembre dello stesso anno, presso l'editore Fayard. Sempre per lo stesso editore nel 1950, il romanzo è stato pubblicato con il titolo L'homme de la Tour Eiffel, in concomitanza con l'uscita in Francia dell'omonimo film di Burgess Meredith.

In Italia è apparso per la prima volta nel 1933 con il titolo La testa di un uomo, tradotto da Guido Cantini e pubblicato da Mondadori nella collana "I gialli economici" (n° 6)[1]. Sempre per lo stesso editore è stato ripubblicato anche coi titoli Maigret e la vita di un uomo e Maigret e una vita in gioco in altre collane o raccolte[2] tra gli anni cinquanta e ottanta[3] (dal 1988 nella traduzione di Emanuela Fubini). Nel 1993 il romanzo è stato pubblicato presso Adelphi con il titolo Una testa in gioco, tradotto da Graziella Cillario, nella collana dedicata al commissario (parte de "gli Adelphi", al n° 84).

Film e televisione[modifica | modifica wikitesto]

Al romanzo sono ispirate due pellicole cinematografiche:

Almeno quattro sono stati invece gli adattamenti per la televisione:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eskin, Op. cit., p. 403
  2. ^ Il romanzo è incluso nelle raccolte Maigret fa di testa sua (1977, insieme a La trappola di Maigret e Maigret sotto inchiesta) e Il metodo di Maigret (1982, insieme a Un'ombra su Maigret e a Il mio amico Maigret).
  3. ^ Le edizioni dei "Maigret"

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]