Liberty Bar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Liberty Bar
Titolo originaleLiberty Bar
Altri titoliMaigret al Liberty Bar
AutoreGeorges Simenon
1ª ed. originale1932
1ª ed. italiana1934
GenereRomanzo
SottogenereGiallo
Lingua originalefrancese
AmbientazioneAntibes e Cannes
Protagonisticommissario Maigret
AntagonistiHarry Brown
Altri personaggiGina Martini, Sylvie, Joseph Ambrosini
SerieRomanzi con Maigret protagonista
Preceduto daIl pazzo di Bergerac
Seguito daLa chiusa n. 1

Liberty Bar (stesso titolo originale francese, pubblicato in traduzione italiana anche col titolo Maigret al Liberty Bar) è un romanzo poliziesco di Georges Simenon con protagonista il commissario Maigret.

È il diciassettesimo romanzo dedicato al personaggio del celebre commissario.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Costa Azzurra

Il commissario Maigret viene inviato ad Antibes, sulla Costa Azzurra, per indagare "con la massima cautela" il caso dell'omicidio di William Brown, un australiano che aveva militato nei servizi segreti francesi. In riviera Maigret scopre che Brown aveva vissuto in una villa ridotta malissimo assieme alla sua amante, Gina Martini, e alla madre di quest'ultima; quasi ossessionato da questa triste vita Brown si allontana almeno una volta al mese da Antibes per recarsi a Cannes e rifugiarsi al Liberty Bar un locale frequentato da infelici quanto lui.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo è stato scritto presso la tenuta La Richardière di Marsilly in Francia nell'aprile del 1932 e pubblicato per la prima volta nel luglio dello stesso anno presso l'editore Arthème Fayard.

In Italia è apparso per la prima volta nel 1934 con il titolo Liberty Bar, tradotto da Guido Cantini e pubblicato da Mondadori nella collana "I gialli economici" (n° 12)[1]. Sempre per lo stesso editore è stato ripubblicato, anche col titolo Maigret al Liberty Bar, in altre collane o raccolte tra gli anni trenta e novanta[2] (dal 1958 nella traduzione di Elena Cantini, e dal 1989 in quella di Rosalba Buccianti). Nel 1997 il romanzo è stato pubblicato presso Adelphi ancora con il titolo Liberty Bar, tradotto da Ida Sassi, nella collana dedicata al commissario (parte de "gli Adelphi", al n° 109).

Film e televisione[modifica | modifica wikitesto]

Almeno quattro sono stati gli adattamenti del romanzo per la televisione:

  • Film per la televisione dal titolo Liberty-Bar per la regia di Jean-Marie Coldefy, trasmesso per la prima volta su RTF il 19 giugno 1960, con Louis Arbessier nel ruolo del commissario Maigret. Si tratta questa della prima (ed estemporanea) apparizione di un Maigret televisivo francese. Il film non fa parte di una serie televisiva vera e propria, per la quale bisognerà aspettare quella di successo con Jean Richard[3].
  • Episodio dal titolo Liberty Bar, facente parte della serie televisiva Maigret, trasmesso per la prima volta sulla BBC il 5 dicembre 1960, con Rupert Davies nel ruolo del commissario Maigret.
  • Episodio dal titolo Liberty-Bar, facente parte della serie televisiva Les enquêtes du commissaire Maigret per la regia di Jean-Paul Sassy, trasmesso per la prima volta su Antenne 2 il 10 febbraio 1979, con Jean Richard nel ruolo del commissario Maigret.
  • Episodio dal titolo Maigret et le Liberty Bar, facente parte della serie televisiva Il commissario Maigret per la regia di Michel Favart, trasmesso per la prima volta il 17 ottobre 1997, con Bruno Cremer nel ruolo del commissario Maigret. In Italia l'episodio è stato trasmesso con il titolo Maigret al Liberty Bar.

Il romanzo in Francia è stato adattato anche per il teatro, diventando un dramma poliziesco in tre atti dal titolo Liberty Bar , messo in scena per la prima volta a Parigi il 17 ottobre 1955, per la regia di Jean Dejoux e con Jean Morel nel ruolo del commissario Maigret.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eskin, Op. cit., p. 404
  2. ^ Le edizioni dei "Maigret"
  3. ^ (EN) Maigret Films & TV, su trussel.com. URL consultato il 3 gennaio 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]