L'amico d'infanzia di Maigret

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'amico d'infanzia di Maigret
Titolo originaleL'ami d'enfance de Maigret
AutoreGeorges Simenon
1ª ed. originale1968
1ª ed. italiana1968
GenereRomanzo
SottogenereGiallo
Lingua originale francese
SerieRomanzi con Maigret protagonista
Preceduto daMaigret esita
Seguito daMaigret e il capellone imprudente
Portale del Lycée Banville di Moulins

L'amico d'infanzia di Maigret (titolo originale francese L'ami d'enfance de Maigret) è un romanzo di Georges Simenon con protagonista il commissario Maigret.

Il romanzo è stato scritto dal 18 al 24 giugno 1968 a Epalinges in Svizzera e pubblicato per la prima volta il 4 novembre dello stesso anno in Francia presso l'editore Presses de la Cité.

È il sessantanovesimo romanzo dedicato al celebre commissario.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Maigret indaga per aiutare un suo amico d'infanzia, Léon Florentin, con il quale è stato compagno al Lycée Banville di Moulins, accusato dell'omicidio di una donna. L'amico era, ai tempi della scuola, il buffone della classe e un bugiardo patentato. Il commissario scopre che la donna uccisa, Joséphine Papet, detta Josée, intratteneva rapporti con cinque uomini contemporaneamente, e tutti in modo discreto.

Quasi nessuno degli uomini era a conoscenza degli altri. Dei cinque: Victor Lamotte, vignaio di Bordeaux, Fernand Courcel, affarista di Rouen, François Paré, di Versailles, che lavorava al Ministero degli affari pubblici, Jean-Luc Bodard, giovane assicuratore, e lo stesso Florentin, solo gli ultimi due conoscevano la situazione.

Proprio per questo Florentin sostiene che era nell'appartamento ma si era nascosto sentendo arrivare qualcuno. Quando era uscito dal nascondiglio, quindici minuti più tardi, aveva trovato la donna morta. Gli altri negano addirittura di conoscerla.

La portinaia, Madame Blanc, una donna di montagna, testarda e sicura di sé, sostiene che solo Florentin quel giorno è salito in casa della vittima. Maigret decide di fare un confronto diretto tra gli uomini e la portinaia stessa.

Scopre anche soldi nascosti a casa di lei e di Florentin e quando ci sono soldi spesso c'è un ricatto. Infatti lei viene pagata per tacere e lui ha tentato di ricattare Lamotte, il più ricco degli amanti della vittima. I due uomini stavano quindi litigando quando un colpo è partito e ha ucciso accidentalmente la donna.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo è stato pubblicato per la prima volta presso l'editore Presses de la Cité nel 1968. Uscì anche, in 25 puntate, su "Le Figaro" dal 3 al 31 dicembre dello stesso anno.

In Italia è apparso per la prima volta nel 1968, tradotto da Sarah Cantoni e pubblicato da Mondadori nella collana "Le inchieste del commissario Maigret" (n° 76). Sempre per lo stesso editore è stato ripubblicato in altre collane o raccolte tra gli anni settanta e novanta[1]. Nel 2011 il romanzo è stato pubblicato presso Adelphi, tradotto da Marina Karam, nella collana dedicata al commissario (parte de "gli Adelphi", al n° 384).

Film e televisione[modifica | modifica wikitesto]

Tre sono gli adattamenti del romanzo per la televisione:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]