Maigret dal giudice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maigret dal giudice
Titolo originaleMaigret chez le coroner
Altri titoliMaigret va dal coroner
AutoreGeorges Simenon
1ª ed. originale1949
1ª ed. italiana1956
GenereRomanzo
SottogenereGiallo
Lingua originale francese
SerieRomanzi con Maigret protagonista
Preceduto daIl mio amico Maigret
Seguito daMaigret e la vecchia signora

Maigret dal giudice (titolo originale francese Maigret chez le coroner, pubblicato in traduzione italiana anche col titolo Maigret va dal coroner) è un romanzo di Georges Simenon con protagonista il Commissario Maigret.

Il romanzo è stato scritto a Tucson, Arizona (USA) dal 21 luglio al 30 luglio 1949, pubblicato per la prima volta in Francia il 31 ottobre dello stesso anno, presso l'editore Presses de la Cité.

È il trentaduesimo romanzo dedicato al celebre commissario ed è il romanzo di Simenon più pubblicato e venduto in lingua francese: la tiratura totale raggiunge le seicentomila copie, seguono Tre camere a Manhattan con oltre cinquecentomila copie, e Lettera al mio giudice e La neve era sporca, entrambi con oltre quattrocentomila copie[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A destra Nogales, Arizona, e a sinistra Nogales, Messico

Il corpo di Bessy Mitchell è stato ritrovato il 28 luglio, mutilato sulla strada ferrata tra Tucson e Nogales, in Arizona. Era stata vista il giorno prima con cinque militari della base aerea di Davis Mountain: i sergenti Ward, O'Neil, Dan Mullins e Jimmy Van Fleet e il caporale Lee Wo. Maigret assiste alle sedute pubbliche dell'indagine condotta dal coroner (ovvero il giudice statunitense) per determinare l'atto d'accusa, se ce n'è una, se si tratta d'incidente, suicidio o altro atto criminale. Attraverso questo caso, Maigret entra in contatto con la mentalità della provincia americana, tra pubblico chiassoso e accaldato di rancheros da film western, omertà e contraddizioni dei giovani soldati e incertezza degli sceriffi locali. Alcune certezze sono tuttavie emerse. La sera del 27 luglio dopo una sbornia a casa del musicista Tony Lacour, Bessy, considerata una ragazza facile, e i cinque ragazzi hanno deciso di passare il resto della notte a Nogales. Lungo la strada la ragazza, che durante la serata stava con Mullins, litiga con Ward e vuole tornare indietro. Scende dall'automobile e allora gli altri decidono di tornare a Tucson. Tre di loro, Van Fleet, O'Neil e Lee tornano in taxi, dicono per cercarla, e di non averla trovata. Poi Van Fleet ammette che lui e O'Neil, nel tentativo di dividersela l'hanno fatta arrabbiare (non è una prostituta) e fuggire. Mentre Ward e Mullins, ubriachi, dicono di essersi addormentati in macchina. Non sapremo molto di più, né sapremo la decisione della giuria perché Maigret, colpito dall'ingenuità del processo, deve comunque volare a Los Angeles per continuare il suo viaggio di studio.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo è stato pubblicato per la prima volta presso l'editore Presses de la Cité nel 1949.

In Italia è apparso per la prima volta nel 1956, tradotto da Sarah Cantoni, e pubblicato da Mondadori nella collana "Il girasole. Biblioteca economica Mondadori" (n° 51). Sempre per lo stesso editore è stato ripubblicato in altre collane o raccolte tra gli anni sessanta e novanta (dal 1990 nella traduzione di Marianna Basile). Nel 2001 il romanzo è stato pubblicato presso Adelphi con il titolo Maigret va dal coroner, tradotto da Giulio Minghini, nella collana dedicata al commissario (parte de "gli Adelphi", al nº 186).

Film e televisione[modifica | modifica wikitesto]

Un solo adattamento del romanzo per la televisione:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Notice bibliographique (sezione Remarque(s)), su simenon.ch. URL consultato il 27 marzo 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]