Ibrahim Sidrak

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ibrahim Isaac Sidrak
patriarca della Chiesa cattolica copta
Ibrahim Isaac Sidrak par Claude Truong-Ngoc mars 2014.jpg
Il patriarca Sidrak il 24 marzo 2014.
Template-Patriarch (Latin Rite) Interwoven with gold.svg
Il nous a confié le ministère de la réconciliation
 
TitoloAlessandria dei copti
Incarichi attuali
Incarichi ricoperti
 
Nato19 agosto 1955 (66 anni) a Banî Shouqayr
Ordinato presbitero7 febbraio 1980 dal cardinale Stefano I Sidarouss, C.M.
Nominato eparca29 settembre 2002 dal Sinodo della Chiesa cattolica copta (confermato il 5 ottobre 2002 da papa Giovanni Paolo II)
Consacrato eparca15 novembre 2002 dal cardinale Stefano II Ghattas, C.M.
Elevato patriarca15 gennaio 2013 dal Sinodo della Chiesa cattolica copta (confermato il 18 gennaio 2013 da papa Benedetto XVI)
 

Ibrahim Isaac Sidrak (in arabo: إبراهيم إسحاق سدراك; Banî Shouqayr, 19 agosto 1955) è un patriarca cattolico egiziano, dal 15 gennaio 2013 patriarca di Alessandria dei copti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ibrahim Isaac Sidrak è nato il 19 agosto 1955 nel villaggio di Banî Shouqayr[1], governatorato ed eparchia di Assiut, nella parte centrale della Repubblica Araba d'Egitto.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver terminato gli studi primari e secondari, ha deciso di seguire la vocazione al sacerdozio, iscrivendosi quindi nel 1975 al Saint Leo's Patriarchal Seminary di Maadi, nei sobborghi del Cairo, per studiare filosofia e teologia. Al termine del percorso e dopo aver conseguito la laurea, ha ricevuto l'ordinazione sacerdotale il 7 febbraio 1980 per imposizione delle mani del cardinale Stefano I Sidarouss, C.M., patriarca di Alessandria dei copti; si è incardinato, ventiquattrenne, come presbitero dell'eparchia di Assiut.

Poco dopo l'ordinazione ha iniziato il ministero pastorale servendo nella parrocchia dell'Arcangelo Michele al Cairo per un triennio. Nel 1983 si è trasferito a Roma, in Italia, dove ha proseguito gli studi alla Pontificia Università Gregoriana, conseguendo il dottorato in teologia dogmatica nel 1988.

Tornato in Patria, nel 1989 ha cominciato ad insegnare presso il seminario maggiore di Maadi, dove egli stesso era stato studente, divenendone poi rettore nel 1990 succedendo a Kyrillos Kamal William Samaan, O.F.M., eletto eparca di Assiut il 16 maggio dello stesso anno; nello stesso periodo è stato anche nominato direttore dell'Istituto catechistico di Sakakini al Cairo nonché segretario generale dell'ufficio per l'insegnamento catechistico nella Chiesa cattolica copta, ricoprendo tali uffici fino al giugno 2001. All'inizio del 2002 ha prestato servizio presso la parrocchia della cattedrale patriarcale di Nostra Signora d'Egitto, ruolo ricoperto fino alla promozione all'episcopato.

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Eparca di Minya dei copti[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 settembre 2002 il Sinodo della Chiesa cattolica copta, riunitosi a Maadi, lo ha eletto, quarantasettenne, eparca di Minya, ricevendo poi l'assenso all'elezione il 5 ottobre da papa Giovanni Paolo II[2]; è succeduto al sessantasettenne Antonios Naguib, contestualmente dimessosi per motivi di salute.

Ha ricevuto la consacrazione episcopale il 15 novembre successivo, nella cattedrale di Cristo Re a Minya, per imposizione delle mani del cardinale Stefano II Ghattas, C.M., patriarca di Alessandria dei copti, assistito dai co-consacranti monsignori Naguib, suo predecessore, Morkos Hakim, O.F.M., eparca di Sohag, Youhanna Golta, vescovo titolare di Andropoli e vescovo della Curia patriarcale, Andraos Salama, vescovo titolare di Barca ed ausiliare di Alessandria, Kyrillos Kamal William Samaan, eparca di Assiut, Youhannes Ezzat Zakaria Badir, eparca di Luxor, e Makarios Tewfik, eparca di Ismailia; ha preso possesso dell'eparchia durante la stessa cerimonia. Come suo motto episcopale ha scelto Il nous a confié le ministère de la réconciliation, che tradotto vuol dire "Ci ha affidato il ministero della riconciliazione" (Seconda lettera ai Corinzi 5, 17).

Il 25 agosto 2003 si è recato in Vaticano, assieme agli altri membri dell'episcopato egiziano, per la visita ad limina apostolorum, allo scopo di discutere con il pontefice della situazione e dei problemi relativi alla sua zona pastorale[3].

Patriarca di Alessandria dei copti[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 gennaio 2013 il Sinodo della Chiesa cattolica copta, riunitosi a Muqattam dal 12 al 16 gennaio, lo ha eletto, cinquantasettenne, patriarca di Alessandria dei copti[4][5], facendo richiesta e ricevendo poi la ecclesiastica communio il 18 gennaio da papa Benedetto XVI[6]; è succeduto al settantasettenne cardinale Antonios Naguib, contestualmente dimessosi per motivi di salute. Contemporaneamente è divenuto anche eparca di Alessandria dei copti, sede propria del patriarcato, presidente del Sinodo e dell'Assemblea della Gerarchia cattolica d'Egitto.

Il suo ministero patriarcale è iniziato solennemente nella cattedrale Nostra Signora ad Alessandria d'Egitto il 12 marzo successivo, alla presenza, tra gli altri, del patriarca copto-ortodosso Teodoro II e di un rappresentante dell'imam della moschea di Al-Azhar[7]. Il 23 marzo si è recato in Vaticano per essere ricevuto in udienza dal neoeletto papa Francesco[8] ed il 9 dicembre seguente ha anche concelebrato con il pontefice ed il cardinale Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese orientali, una messa svoltasi alle ore 7:00 nella cappella della Domus Sanctae Marthae[9].

Il 19 febbraio 2014 lo stesso papa lo ha nominato membro della Congregazione per le Chiese orientali[10]. Dal 5 al 19 ottobre dello stesso anno ha preso parte alla III assemblea generale straordinaria del Sinodo dei vescovi, svoltasi nella Città del Vaticano, con tema Le sfide pastorali della famiglia nel contesto dell'evangelizzazione[11].

Ha preso parte anche alla XIV assemblea generale ordinaria, svoltasi dal 4 al 25 ottobre 2015, con tema La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo[12]; durante la sua permanenza in Vaticano è stato ricevuto anche in udienza dal papa il 20 ottobre[13].

Il 23 gennaio 2017, con l'accettazione della rinuncia di Antonios Aziz Mina, è divenuto amministratore apostolico sede vacante dell'eparchia di Giza[14]; il 6 febbraio successivo ha compiuto una seconda visita ad limina in Vaticano, assieme agli altri vescovi cattolici copti[15]. Dal 28 al 29 aprile dello stesso anno ha accolto papa Francesco durante il suo viaggio apostolico in Egitto[16].

Il 10 aprile 2018 ha cessato l'incarico di amministratore apostolico di Giza con la nomina del nuovo amministratore Toma Adly Zaki.

Dal 3 al 28 ottobre 2018 ha preso parte alla XV assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi con tema I giovani, la fede e il discernimento vocazionale[17].

Il 7 febbraio 2020 è stato ricevuto nuovamente in udienza dal pontefice assieme agli altri membri del Consiglio dei patriarchi cattolici d'Oriente, di cui fa parte per diritto[18]. Il 7 ottobre successivo, con l'accettazione della rinuncia di Botros Fahim Awad Hanna, è divenuto amministratore apostolico sede vacante dell'eparchia di Minya[19], svolgendo tale incarico fino al 3 novembre, giorno della nomina del nuovo eparca Basilios Fawzy Al-Dabe, trasferito dall'eparchia di Sohag.

Genealogia episcopale e successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Monsignor Ibrahim Isaac Sidrak nuovo patriarca dei cattolici copti, su terrasanta.net, 16 gennaio 2013. URL consultato il 5 giugno 2021.
  2. ^ Rinunce e nomine. Assenso all'elezione del Vescovo di Minya dei Copti (Egitto), su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 5 ottobre 2002. URL consultato il 5 giugno 2021.
  3. ^ Le Udienze, su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 25 agosto 2003. URL consultato il 5 giugno 2021.
  4. ^ Dalle Chiese Orientali. Rinuncia del Patriarca di Alessandria dei Copti (Egitto) ed elezione del nuovo Patriarca, su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 18 gennaio 2013. URL consultato il 5 giugno 2021.
  5. ^ Il nuovo Patriarca copto cattolico: lavorerò per la riconciliazione, insieme a Papa Tawadros, su fides.org, Agenzia Fides, 19 gennaio 2013. URL consultato il 5 giugno 2021.
  6. ^ Concessione dell'Ecclesiastica Communio al nuovo Patriarca di Alessandria dei Copti, su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 18 gennaio 2013. URL consultato il 5 giugno 2021.
  7. ^ Dal sito zenit.org Coptes catholiques : intronisation du patriarche Ibrahim Sidrak in Internet Archive (archiviato il 7 aprile 2014).
  8. ^ Le Udienze, su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 23 marzo 2013. URL consultato il 5 giugno 2021.
  9. ^ Santa Messa concelebrata da Papa Francesco con il Patriarca di Alessandria dei Copti cattolici, S.B. Ibrahim Isaac Sidrak, su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 9 dicembre 2013. URL consultato il 5 giugno 2021.
  10. ^ Rinunce e nomine. Conferme e nomine nella Congregazione per le Chiese Orientali, su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 19 febbraio 2014. URL consultato il 5 giugno 2021.
  11. ^ III Assemblea Generale Straordinaria del Sinodo dei Vescovi (5-19 ottobre 2014): Elenco dei Partecipanti, su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 9 settembre 2014. URL consultato il 5 giugno 2021.
  12. ^ XIV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi (4-25 ottobre 2015) - Elenco dei Partecipanti, su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 15 settembre 2015. URL consultato il 5 giugno 2021.
  13. ^ Le Udienze, su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 20 ottobre 2015. URL consultato il 5 giugno 2021.
  14. ^ Dalle Chiese Orientali. Rinuncia del Vescovo Eparchiale di Guizeh dei Copti (Egitto) e nomina dell'Amministratore Apostolico sede vacante, su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 23 gennaio 2017. URL consultato il 5 giugno 2021.
  15. ^ Le Udienze, su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 6 febbraio 2017. URL consultato il 5 giugno 2021.
  16. ^ Viaggio Apostolico del Santo Padre Francesco in Egitto (28-29 aprile 2017) – Cerimonia di benvenuto all'Aeroporto Internazionale del Cairo, Cerimonia di benvenuto al Palazzo Presidenziale e Visita di cortesia al Presidente della Repubblica, su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 28 aprile 2017. URL consultato il 5 giugno 2021.
  17. ^ XV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi (3-28 ottobre 2018) – Elenco dei Partecipanti, su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 15 settembre 2018. URL consultato il 5 giugno 2021.
  18. ^ Le Udienze, su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 7 febbraio 2020. URL consultato il 5 giugno 2021.
  19. ^ Dalle Chiese Orientali. Rinuncia del Vescovo dell'Eparchia di Minya (Egitto) e assunzione dell'incarico di Amministratore da parte del Patriarca, su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 7 ottobre 2020. URL consultato il 5 giugno 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Eparca di Minya dei copti Successore BishopCoA PioM.svg
Antonios Naguib 29 settembre 2002 – 15 gennaio 2013 Botros Fahim Awad Hanna
Predecessore Amministratore apostolico di Giza dei copti Successore BishopCoA PioM.svg
Antonios Aziz Mina
(eparca)
23 gennaio 2017 – 10 aprile 2018 Toma Adly Zaki
Predecessore Amministratore apostolico di Minya dei copti Successore BishopCoA PioM.svg
Botros Fahim Awad Hanna
(eparca)
7 ottobre – 3 novembre 2020 Basilios Fawzy Al-Dabe
(eparca)
Controllo di autoritàVIAF (EN30145909991327020646 · GND (DE1195505655 · WorldCat Identities (ENviaf-30145909991327020646