Damiano di Alessandria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Damiano di Alessandria
Pope Damian of Alexandria.jpg
Papa della Chiesa copta
Intronizzazione26 giugno 576
Fine patriarcato25 giugno 605
PredecessorePietro IV
SuccessoreAnastasio
 
NascitaSiria
VI secolo
MorteEgitto
25 giugno 605
SepolturaMonastero di Ennaton
San Damiano

35º Papa di Alessandria

 
NascitaSiria, VI secolo
MorteEgitto, 25 giugno 605
Venerato daChiesa ortodossa copta
Ricorrenza25 giugno (18 paoni)

Damiano di Alessandria (in copto: Ⲇⲁⲙⲓⲁⲛⲟⲥ, in arabo: داميانوس‎; Siria, VI secoloEgitto, 25 giugno 605) è stato il 35º Papa d'Alessandria e Patriarca della Sede di San Marco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Originario della Siria, dove suo fratello era prefetto di Edessa,[1] divenne monaco nei suoi primi anni e trascorse sedici anni nel deserto egiziano di Scete, dove fu ordinato diacono nel monastero di San Giovanni il Breve. Successivamente, andò in un monastero vicino ad Alessandria e continuò a praticare l'ascetismo.

Quando Pietro IV di Alessandria (copto) si insediò nella sede di San Marco, fece di Damiano un segretario privato, incarico durante il quale Damiano guadagnò molta stima per la sua bontà. Dopo la morte di Pietro nel 569,[2] i vescovi concordarono all'unanimità di eleggerlo patriarca. Oltre alla cura pastorale della chiesa, scrisse molte epistole e discorsi, tra cui una riaffermazione delle opinioni del miofisismo e della dottrina non calcedoniana.[1] Regnò per quasi trentasei anni.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Mentre prestava servizio come Patriarca, Damian compì alcune azioni controverse nel tentativo di completare il tentativo del suo predecessore di deporre il Patriarca Paolo II di Antiochia, viaggiando segretamente ad Antiochia per insediare un Patriarca diverso. Sebbene questa azione non ebbe il sostegno di tutti i vescovi siriani, Damian ricevette abbastanza sostegno per convocare un incontro e scegliere un sostituto. Tuttavia, il patriarca calcedoniano, probabilmente Gregorio di Antiochia, scoprì il piano e lo prevenne, costringendo Damian e i suoi colleghi a fuggire.[1] Damiano andò quindi a Costantinopoli, dove consacrò alcuni vescovi e prese parte a un concilio della chiesa, che in seguito ripudiò.

Un sinassario riporta le seguenti due controversie teologiche in cui è stato coinvolto:[3]

  • Il primo ha coinvolto alcuni seguaci di Melezio di Licopoli i quali bevevano il vino prima della Comunione, sostenendo che Gesù aveva dato ai discepoli due calici durante l'Ultima Cena e che solo per il secondo ha detto "Questo è il mio sangue". Damiano spiegò che il primo calice era il calice della Pasqua ebraica, che Gesù annullò con il secondo calice. Damiano li informò anche che i canoni della chiesa bandivano coloro che mangiavano prima di prendere l'Eucaristia. Il consiglio di Damiano ne persuase alcuni, ma quelli che rifiutarono il suo insegnamento furono allontanati.
  • Il secondo riguarda il dialogo di Damiano con il patriarca Pietro di Antiochia, in cui Damiano accusò il suo collega di triteismo e fu a sua volta accusato di sabellismo. Sebbene Damiano ricevesse il supporto per la sua interpretazione della Trinità dalla Bibbia e dall'insegnamento dei primi padri della chiesa, non fu mai in grado di persuadere Pietro e, di conseguenza, ordinò che il nome di Pietro non fosse menzionato nella Divina Liturgia mentre Pietro era vivo. Lo scisma tra le chiese alessandrina e antiochena è durato per quasi un decennio dopo la morte di Damiano.[1]

Damiano fu molto attivo nel combattere le dottrine che considerava eretiche, incluso non solo il triteismo, ma anche i calcedoniani, il Tomo di Papa Leone, il vescovo Giuliano di Alicarnasso, gli Agnoetae, i meliziani, gli Acefali, i Gaianiti (sostenitori di un rivale di Teodosio I), Stefano d'Alessandria e Paolo di Beth Ukame.[1] Sebbene la maggior parte degli scritti di Damiano siano andati persi, influenzò molti scrittori dell'epoca, come Giovanni di Parallos, che, come Damiano, si concentrò sulla lotta contro l'eresia.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Fu sepolto nel monastero di Ennaton, vicino ad Alessandria. È commemorato come santo della Chiesa ortodossa orientale il 25 giugno (18 Paoni secondo il calendario copto).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Alois Grillmeier, Theresia Hainthaler, O.C. Dean, Christ in Christian Tradition, Vol.2, Pt.4, pp.75-81.
  2. ^ Walsh, Michael J., "Damian of Alexandria", A New Dictionary of Saints: East and West, Liturgical Press, 2007ISBN 9780814631867
  3. ^ "The Departure of St. Damianos", Synaxarium readings at the Coptic Orthodox Church Network, accessed 20 July 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Papa della Chiesa copta Successore
Pietro IV 576 - 605 Anastasio
Controllo di autoritàVIAF (EN316397694 · ISNI (EN0000 0004 4995 3945 · CERL cnp00551543 · LCCN (ENnr94030584 · GND (DE119266687 · J9U (ENHE987007260038405171 (topic) · WorldCat Identities (ENlccn-nr94030584