Andronico di Alessandria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andronico
37º Papa della Chiesa copta
Elezione616
Fine patriarcato16 gennaio 623
PredecessoreAnastasio
SuccessoreBeniamino
 
NascitaAlessandria d'Egitto
MorteAlessandria d'Egitto
16 gennaio 623
Sant'Andronico

Papa copto

 
NascitaAlessandria d'Egitto, ?
MorteAlessandria d'Egitto, 16 gennaio 623
Venerato daChiesa copta
Ricorrenza16 gennaio (calendario gregoriano)
8 Tobi (calendario copto)

Andronico di Alessandria (in copto: Ⲁⲛⲇⲣⲟⲛⲓⲕⲟⲥ, in arabo: أندرونيقوس‎; Alessandria d'Egitto, ... – Alessandria d'Egitto, 16 gennaio 623) è stato il 37º Papa della Chiesa copta, dal 616 fino alla sua morte[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia e giovinezza[modifica | modifica wikitesto]

Era originario di una ricca e influente famiglia; suo cugino era il capo della corte imperiale di Alessandria d'Egitto. Ricevette un'ottima educazione ed eccelleva nell'interpretazione delle Sacre Scritture. Per via della sua conoscenza, della giustizia e della carità mostrate verso i poveri, fu ordinato diacono. Per consenso della comunità copta, fu scelto come nuovo papa e patriarca di Alessandria, seppur non avesse vissuto mai in monastero. Rimase ad Alessandria per tutti i giorni del suo regno senza essere intimidito dall'autorità dei calcedoniani.

Conquista dell'Egitto da parte dei Sassanidi del 618-621[modifica | modifica wikitesto]

Poco dopo la sua elezione a papa copto, il re persiano della dinastia dei sassanidi Cosroe II e il suo esercito attaccarono l'esercito romano posto in oriente, distruggendolo e annientandolo. Cosroe prese possesso delle città di Aleppo, Antiochia, Gerusalemme, delle terre degli edomiti e della provincia romana d'Egitto. Giunti in Egitto, i persiani invasero la città di Alessandria, dove nelle zone circostanti erano presenti 600 monasteri. I monaci si resero insolenti agli invasori, dimostrando di non aver paura e grazie alla loro ricchezza fecero atti di scherno. L'esercito persiano, comunque, riuscì a conquistare i monasteri non lasciando ai monaci vie di fuga, essi furono uccisi e i monasteri distrutti. Giunta la notizia agli alessandrini, questi decisero, per non subire la stessa sorte, di aprire le porte della città e far entrare i persiani.

Secondo una tradizione, il re persiano Cosroe ebbe un sogno dove qualcuno gli diceva: "Ti ho consegnato la città. Non distruggerla, ma uccidi i suoi eroi perché sono ipocriti". Cosreo agì di conseguenza, arrestò il governatore cittadino e lo legò in catene; ordinò agli anziani della città di radunare tutti gli uomini dai 18 ai 50 anni per donare ai persiani venti denari e per essere arruolati come soldati per la difesa cittadina. 80.000 uomini si fecero avanti, ma questi vennero tutti uccisi.

Cosroe continuò la sua conquista e invase l'Alto Egitto. Passando vicino alla città di Niciu, che è anche chiamata Ibshadi, fu informato di circa 700 monaci che vivevano in celle e grotte al di fuori della città. Ordinò all'esercito di circondare le dimore e, all'alba, di uccidere tutti i monaci.

Cosroe II continuò a uccidere e ad imprigionare molti cristiani fino a quando l'imperatore Eraclio riportò l'Egitto sotto il controllo dell'impero romano.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Dopo sei anni dall'elezione al papato e dopo le sofferenze causate dall'invasione e persecuzione sassanide, Andronico morì il 16 gennaio 623, o l'8 di Tobi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Christian Décobert e Jean-Yves Empereur, Alexandrie médiévale, vol. 2, Institut français d'archéologie orientale, 2002, ISBN 978-2-7247-0320-7.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Papa della Chiesa copta Successore
Anastasio 616 - 623 Beniamino