Canrenoato di potassio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Canrenoato di potassio
Canrenoate potassium.png
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC22H29KO4
Massa molecolare (u)369.516 g/mol
Numero CAS2181-04-6
Codice ATCC03DA02
PubChem656614
DrugBankDB09015
SMILES
[K+].[H][C@@]12CC[C@@](O)(CCC([O-])=O)[C@@]1(C)CC[C@@]1([H])[C@@]2([H])C=CC2=CC(=O)CC[C@]12C
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
Intravenoso, Orale
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante
attenzione
Frasi H302
Consigli P--- [1]

Il canrenoato di potassio è un diuretico risparmiatore di potassio utilizzato nel trattamento di numerose patologie, quali l'ipertensione e l'iperaldosteronismo primitivo e secondario.

Indicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Come gli altri diuretici risparmiatori di potassio, il canrenoato è indicato nel trattamento degli stati di eccesso di mineralcorticoidi, sia primitivi (cioè dovuti ad aumentata secrezione di aldosterone da parte delle ghiandole surrenali, ad esempio per adenoma), sia, soprattutto, secondari ad altre patologie quali insufficienza cardiaca congestizia, sindrome nefrosica e ascite. Tutte queste patologie sono accomunate da ritenzione renale di sodio e da accumulo di liquidi nel compartimento extravascolare.

Controindicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Iperpotassiemia, iposodiemia, insufficienza renale acuta e cronica.

Dosaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Ipertensione, per via orale 50–200 mg al giorno (divise in più dosi, dose massima 300 mg al giorno)
  • Ipertensione, per via endovenosa 200–600 mg al giorno (lentamente o diluita con soluzione al 5% di fisiologica, dose massima 800 mg)

Farmacodinamica[modifica | modifica wikitesto]

Il canrenoato esercita un'attività antagonista di tipo competitivo sui recettori dell'aldosterone e dei mineralcorticoidi a livello del tubulo contorto distale e del dotto collettore; l'effetto finale è un'inibizione del riassorbimento di sodio e cloro con riduzione dell'escrezione di potassio.

Effetti indesiderati[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni degli effetti indesiderati sono ipotensione, cefalea, iponatremia, vertigini, nausea, vomito, febbre, ipercalcemia, ipoglicemia, iperuricemia, affaticamento, rash.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 04.10.2012

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • British national formulary, Guisa all’uso dei farmaci 4 edizione, Lavis, agenzia italiana del farmaco, 2007.
  • Lusofarmaco, Farmabank 2006, Salerno, momento medico, 2005.