Aliskiren

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Aliskiren
Aliskiren Structural Formulae V.1.svg
Nome IUPAC
(2S,4S,5S,7S)-5-ammino-N-(3-ammino-2,2-dimetil-3-ossopropil)-4-idrossi-7-[[4-metossi-3-(3-metossipropossi)fenil]metil]-8-metil-2-propan-2-ilnonanammide
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC30H53N3O6
Massa molecolare (u)551,758
Numero CAS173334-57-1
Codice ATCC09XA02
PubChem5493444
DrugBankDB01258
SMILES
CC(C)C(CC1=CC(=C(C=C1)OC)OCCCOC) CC(C(CC(C(C)C)C(=O)NCC(C)(C)C(=O)N)O)N
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua2,10e-03
Dati farmacologici
Categoria farmacoterapeuticaantipertensivi
Modalità di
somministrazione
orale
Dati farmacocinetici
Biodisponibilitàbassa (2,5%)
Metabolismoepatico
Emivita24 ore
Escrezionerenale
Indicazioni di sicurezza

L'Aliskiren (INN) è il primo principio attivo della classe di farmaci noti come inibitori diretti della renina. È commercializzato in U.S.A con il nome di Tekturna e in Europa, compresa l'Italia, con il nome di Rasilez[1]. È stato approvato nel 2007 dalla Food and Drug Administration per il trattamento dell'ipertensione primaria.[2]

Meccanismo d'azione[modifica | modifica wikitesto]

La renina è il primo enzima del sistema renina-angiotensina-aldosterone che ha un ruolo nel controllo della pressione arteriosa. Viene secreto dall'apparato iuxtaglomerulare renale in seguito a stimolazione simpatica (la noradrenalina attiva i recettori di tipo beta) in genere provocata da un abbassamento della pressione arteriosa, converte l'angiotensinogeno (proteina inattiva prodotta dal fegato e normalmente circolante) in Angiotensina 1, che viene poi convertita dall'enzima ACE ("enzima che converte l'Angiotensina") in Angiotensina 2, proteina attiva dalle capacità vasocostrittrici e stimolante la produzione di aldosterone dalla corteccia surrenale, che a sua volta stimola il riassorbimento di sodio con incremento della ritenzione idrica, espansione del volume plasmatico e così aumento dei valori pressori. L'Aliskiren si lega alla tasca secondaria S3bp della renina: tale tasca la distingue dalle altre aspartil proteasi, infatti ivi alloggia la catena secondaria metossialcossilica dell'inibitore ed è alla base della sua specificità per la renina umana.[3]

Razionale[modifica | modifica wikitesto]

Diversi farmaci controllano la pressione arteriosa interferendo con l'angiotensina o l'aldosterone, tuttavia quando questi sono usati in cronico, vi può essere un aumento della produzione di renina come risposta del nostro organismo. L'aumento della renina nel sangue può re-innalzare i livelli di pressione arteriosa: la ricerca si è indirizzata verso la produzione di un farmaco che inibisse direttamente la renina e l'Aliskiren è il primo di questi farmaci.[4][5]

Effetti farmacologici[modifica | modifica wikitesto]

L'Aliskiren può avere degli effetti renoprotettivi che sono indipendenti dalla riduzione della pressione in pazienti ipertesi, diabetici di tipo 2 e nefropatici. Lo studio AVOID ha dimostrato che 300 mg al giorno, se confrontati al placebo, diminuivano il rapporto albumina/creatinina del 20% (con un intervallo di confidenza del 95%, P<0.001). In pratica l'assunzione del farmaco ha ridotto significativamente l'albuminuria in pazienti trattati con losartan e terapia antipertensiva ottimale.[6]

Associazioni Farmacologiche[modifica | modifica wikitesto]

La Commissione Europea per il Farmaco ha approvato la commercializzazione delle associazioni di Aliskiren con Idroclortiazide[7], con Amlodipina[8] e con entrambi i farmaci[9]

Studio ALTITUDE[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre del 2011 la Novartis ha interrotto lo studio in corso ALTITUDE per la comparsa di un aumento significativo di ictus non fatali, complicazioni renali, iperpotassiemia e ipotensione in pazienti diabetici.[10]

Dopo i primi risultati dello studio ALTITUDE, è stata messa sotto revisione l'assunzione del farmaco in contemporanea all'utilizzo degli ACE-inibitori e dei Sartani[11] e[12].In base alla rivalutazione di tutti i dati di sicurezza disponibili da parte del Comitato per i prodotti medicinali ad uso umano (CHMP) sono state raccomandate nuove controindicazioni e avvertenze[11] per i medicinali a base di Aliskiren.

Reazioni avverse[modifica | modifica wikitesto]

Le evidenze suggeriscono rischi di eventi avversi (ipotensione, sincope, ictus, iperkaliemia e alterazioni della funzionalità renale, inclusa insufficienza renale acuta) quando aliskiren è assunto in combinazione con ACE-inibitori o ARB (farmaci antagonisti del recettore per l'angiotensina), specialmente in pazienti con diabete di tipo I e II o con insufficienza renale[11]. Sebbene, per altri gruppi di pazienti, siano disponibili minori evidenze non si possono escludere eventi avversi e quindi il CHMP (Committee for Medicinal Products for Human Use) non raccomanda l'uso di questa associazione[11]

Controindicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Interazioni farmacologiche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]