Amiloride

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Amiloride
Amiloridebigger.png
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C6H8ClN7O
Massa molecolare (u) 229,627
Numero CAS 2016-88-8
Codice ATC C03DB01
PubChem 16231
DrugBank DB00594
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
Orale
Dati farmacocinetici
Emivita 6 - 9 ore
Escrezione Come tale con le urine.
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta

pericolo

Frasi H 301
Consigli P 301+310 [1]

L'amiloride è un farmaco antipertensivo della categoria dei diuretici risparmiatori di potassio.ha attività antikaluretica, pertanto è detto diuretico risparmiatore di potassio. Blocca i canali del sodio nella membrana luminale delle cellule principali nel tubulo distale finale e nel dotto collettore (competitivo) . Il riassorbimento di sodio genera un gradiente elettrogenico (lume negativo) che spinge il potassio ad essere escreto. L'amiloride blocca i canali del riassorbimento di sodio, fanno “morire” il gradiente e quindi bloccano l'escrezione di K. Drastici e tiazidici bloccando a monte il riassorbimento di Na fanno pervenire una maggiore quantità di sodio nel Tubulo contorto distale e qui questi canali del sodio funzioneranno maggiormente: ecco perché drastici e tiazidici fanno perdere potassio. Da notare infine che l'aldosterone agisce promuovendo la sintesi di questi canali del Na.

Indicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Viene utilizzato come terapia contro manifestazioni di edema, ipertensione arteriosa e sindrome di Liddle.

Controindicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Sconsigliato in soggetti con iperkaliemia e insufficienza renale.

Dosaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • 10 mg al giorno (anche in due dosi, dose massima 20 mg al giorno)

Effetti indesiderati[modifica | modifica wikitesto]

Fra gli effetti collaterali più frequenti si riscontrano rash, iponatriemia, confusione, disturbi gastrointestinali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 03.10.2012, riferita al cloridrato idrato

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • British national formulary, Guida all’uso dei farmaci 4 edizione, Lavis, agenzia italiana del farmaco, 2007.