Diuretici risparmiatori di potassio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Alcuni diuretici risparmiatori di potassio: triamterene, eplerenone, amiloride, spironolattone e canrenone.

I risparmiatori di potassio sono una classe di diuretici caratterizzata dalla mancata promozione dell'escrezione di potassio nelle urine. In genere sono farmaci a scarsa attività diuretica, che vengono utilizzati in associazione ad altri diuretici, in particolare i tiazidici, per rimediare alla perdita di potassio causata da questi[1].

Il capostipite di questa classe di farmaci è lo spironolattone, un antagonista del recettore dell'aldosterone e la sua azione porta dunque a un'inibizione del riassorbimento di sodio e a una riduzione della secrezione di K+, H+ e acido urico. La stessa modalità d'azione caratterizza il canrenoato di potassio[1].

Amiloride e triamterene agiscono invece direttamente al livello di tubuli e dotti collettori, bloccando i canali del sodio e portando a riduzione del riassorbimento del sodio e dell'escrezione di potassio. Aumentano, inoltre, l'escrezione di acido urico[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Rang, Dale, Ritter, pp. 363-5, 2007.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Humphrey P. Rang, M. Maureen Dale, James M. Ritter, Farmacologia, Milano, Ambrosiana, 2007, ISBN 88-408-1293-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]