Brisighella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Brisighella
comune
Brisighella – Stemma Brisighella – Bandiera
Brisighella – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
ProvinciaProvincia di Ravenna-Stemma.svg Ravenna
Amministrazione
SindacoMassimiliano Pederzoli (lista civica di centro-destra) dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate44°13′N 11°46′E / 44.216667°N 11.766667°E44.216667; 11.766667 (Brisighella)Coordinate: 44°13′N 11°46′E / 44.216667°N 11.766667°E44.216667; 11.766667 (Brisighella)
Altitudine115 m s.l.m.
Superficie194,33 km²
Abitanti7 426[2] (31-5-2019)
Densità38,21 ab./km²
FrazioniCastellina, Fognano, Marzeno, Montefortino, Ponte Nono, San Cassiano, San Martino in Gattara, Strada Casale, Villa Vezzano, Zattaglia, [1]
Comuni confinantiCasola Valsenio, Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC), Faenza, Forlì (FC), Marradi (FI), Modigliana (FC), Palazzuolo sul Senio (FI), Riolo Terme
Altre informazioni
Cod. postale48013
Prefisso0546
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT039004
Cod. catastaleB188
TargaRA
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantibrisighellesi
PatronoSan Michele Arcangelo
Giorno festivo29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Brisighella
Brisighella
Brisighella – Mappa
Posizione del comune di Brisighella nella provincia di Ravenna
Sito istituzionale

Brisighella (Brisighëla in romagnolo) è un comune italiano di 7 426 abitanti in provincia di Ravenna, ubicato a 115 metri s.l.m. nella bassa Valle del Lamone, alle pendici dell'Appennino tosco-romagnolo. Fa parte dei Borghi più belli d'Italia e si fregia della Bandiera arancione conferita dal Touring Club Italiano.

Il borgo è caratterizzato da tre pinnacoli rocciosi (i "Tre Colli"), su cui poggiano la rocca manfrediana (XIV secolo), il santuario del Monticino (XVIII secolo) e la torre detta dell'Orologio, ricostruita nell'Ottocento sulle rovine di un preesistente insediamento difensivo del XII secolo.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Brisighella è il più meridionale della provincia di Ravenna. Il capoluogo comunale sorge a circa 12 km a monte della città di Faenza e a 50 km a sud-ovest di Ravenna, a ridosso dei primi rilievi dell'Appennino faentino. È attraversato dal fiume Lamone, che percorre l'omonima valle a cavallo tra Toscana e Romagna.

Confina a sud con la Toscana (città metropolitana di Firenze) nell'area del Mugello e a sud-est con la provincia di Forlì-Cesena, nella zona tra Appennino faentino e Appennino forlivese.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

È difficile risalire al significato del toponimo Brisighella: quattro sono le ipotesi a cui ci si appoggia maggiormente;[3] la prima, la meno accreditata, fa derivare il toponimo dal latino bràssica (cavolo), che farebbe di Brisighella «la terra in cui si coltivano cavoli». La seconda, invece, propende per una derivazione dal romagnolo brisca (favo o vespaio) e quindi «zona dove si trovano alveari» o con terreno poroso adatto ai vespai.[3] La terza, la più accreditata, propone la derivazione da un'altra voce dialettale, brìsul (briciola), col significato di «piccola porzione di terreno coltivato».[3] L'ultima, infine, collega il nome al celtico brix («luogo scosceso»), la cui etimologia è la stessa di Brescia.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Rocca Manfrediana e Veneziana di Brisighella.

Le origini del borgo risalgono alla fine del Duecento, quando il condottiero Maghinardo Pagani edificò, su uno dei tre scogli di selenite, quella che divenne la roccaforte più importante della valle del Lamone. Nel 1310 Francesco Manfredi, primo signore di Faenza, eresse su un altro spuntone di roccia la rocca di Brisighella. Essa venne rimaneggiata da un suo discendente, Astorgio, intorno alla metà del Quattrocento, infine fu completata dai Veneziani nel 1508 con la torre più alta, raccordata alla cinta di mura. Diversi fattori concorsero a favorire una crescita progressiva del centro abitato: la posizione lungo la strada di fondovalle del Lamone, propizia ai commerci; la presenza di ben due fortificazioni (la rocca e la torre); l'abbondanza di gesso, prezioso materiale da costruzione e merce di scambio[4]. Brisighella fu possesso diretto del Papa tra il 1356 ed il 1376, dopodiché ritornò sotto il dominio dei Manfredi. I brisighellesi furono sempre fedele ai Manfredi, che ricambiarono elevando la cittadina a capoluogo della valle del Lamone nel 1411[4].

Negli anni 1457-66, Astorgio II Manfredi fece cingere Brisighella da una cinta muraria dotata di tre porte: Porta Gabalo verso est, Porta Bonfante ad ovest, e Porta delle Cannelle (poi detta Fiorentina) a sud. L’attuale piazza del Monte fu destinata al mercato del mercoledì, mentre piazza Marconi assunse il ruolo di centro della vita civile[4]. Nel 1459 fu costruito il Palazzo della Comunità, sede del governo locale.

Dopo una breve parentesi di dominio veneziano, dal 1509 Brisighella tornò nello Stato Pontificio. Verso la fine del Cinquecento il paese iniziò ad estendersi al di là della cinta muraria. Sorsero nuove case lungo le vie dell'Abbondanza, Roma e Baccarini. Nacque un sobborgo che poi divenne il centro dello sviluppo urbano tra Seicento e Ottocento[4]. Brisighella fu colpita da terremoti distruttivi nel 1625, nel 1690 e nel 1781, il secondo dei quali causò seri danni anche alla rocca.

Negli anni 1824-28 l'antico palazzo Comunale fu ricostruito in stile neoclassico su progetto di Antonio Melari; in un'ala del fabbricato fu edificato il Teatro Pedrini, realizzato nel 1830-32 su progetto di Giuseppe Mascolini. Nel 1837 il percorso della strada provinciale all'interno del paese fu spostato su via della Fossa e via Roma, al fine di facilitare il traffico; per allargare la strada furono abbattute Porta Gabalo e Porta Fiorentina (Porta Bonfante verrà demolita nel 1849). Piazza Carducci fu abbellita sul lato nord da due edifici con porticati: da allora la sua attrattiva aumentò fino a diventare, si può dire, il centro "moderno" di Brisighella. Nel 1850 la torre di Torsello fu demolita e sostituita con l'attuale Torre dell'Orologio[4].

Nel 1859 le Legazioni pontificie furono annesse al Regno di Sardegna, che nel 1861 divenne Regno d'Italia. Nel 1887 Brisighella fu raggiunta dalla ferrovia Firenze-Faenza. A lato della strada ferrata fu realizzato anche l'acquedotto (1896). Nel 1893-94 furono costruite le scuole elementari. La strada provinciale fu spostata su un tracciato ancora più esterno al paese, parallelamente alla ferrovia (l'attuale via Maglioni). La nuova arteria attrasse la costruzione di nuove case sin dai primi decenni del Novecento[4].

Nel primo dopoguerra la popolazione brisighellese conobbe un cospicuo incremento, passando dai 13.709 del 1911 ai 15.306 del 1931. Nel secondo dopoguerra si registrò invece un drammatico calo demografico: mentre nel 1951 vi erano 15.003 abitanti, nel 1961 erano scesi a 12.251, e nel 1971 a 9.238. Nel 1959 fu costruita la scuola di Avviamento Professionale, poi Media, "Giuseppe Ugonia"[4]. Nel 1962 fu inaugurato il nuovo Stabilimento termale.

Nei primi anni settanta fu realizzata la zona sportiva, con impianti per le varie discipline. Il 26 giugno 1977 fu inaugurato il Museo della Civiltà Contadina all’interno della Rocca. Nell'aprile 1987 fu aperta in zona Terme la discoteca “il Gufo"; il locale aumentò molto la notorietà di Brisighella[5]. Alla fine degli anni 1990 è stato avviato un piano di recupero degli edifici del centro storico, con la ripavimentazione di piazza Marconi (2000). Alla fine del secolo la popolazione del comune era ulteriormente diminuita, passando dagli 8.401 del 1981 ai 7.510 residenti del 2001.

Brisighella ha dato i natali ai cardinali Bernardino Spada, Michele Lega, Amleto Giovanni Cicognani, Dino Monduzzi e Achille Silvestrini.

Dal 1972 la popolazione di Brisighella ha contribuito alla ricerca sui fattori di rischio cardiovascolari aderendo al "Brisighella Heart Study" un progetto scientifico iniziato dal professor Giancarlo Descovich dell'Università di Bologna e proseguito dal professor Antonio Gaddi.[6]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Brisighella fa parte dei circuiti "I borghi più belli d'Italia"[7] e "Cittaslow",[8] oltre a essere Bandiera arancione del Touring Club Italiano.[9]

Architettura religiosa[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Michele Arcangelo: è la parrocchiale del paese e risale al XVII secolo.
  • Santuario del Monticino: sorge sul terzo colle di Brisighella. Fu eretto 1758-59 in sostituzione di un edificio preesistente. Vi si custodisce una sacra immagine in terracotta raffigurante la Madonna con Bambino risalente al 1626[10]. L'immagine, di piccole dimensioni, rappresenta la Vergine a mezza figura, vestita di tunica rossastra, cinta da una fascia bianca. Un manto di color verde scuro le ricopre il capo[11]. L'interno del santuario, ad una sola navata, è ornato di eleganti pilastri con capitelli di ordine ionico. L'altare principale è rivestito di marmi pregiati. Nell'abside sono visibili affreschi del pittore faentino Savino Lega (Faenza, 1813-1889)[12]. La facciata è stata notevolmente ampliata nel 1926 su progetto di Edoardo Collamarini. In onore della Madonna del Monticino, nel mese di settembre si celebra, dal 1662, una tra le più antiche sagre di Romagna[13]. La festa del Santuario cade la domenica successiva l'8 settembre.
  • La Pieve di S. Maria in Tiberiaco[14]. Sita sul Monte Mauro, la chiesa ha origini remote. Fu edificata nel VI secolo per volere dell'imperatore bizantino Maurizio (582-602). Egli stesso la dedicò a Maria Assunta e le conferì il titolo, di diritto imperiale, di Beata Vergine Assunta in Tiberiaco.[15][16] La chiesa ha attraversato tutte le epoche storiche. Durante il XX secolo fu ridotta a rudere. Il restauro si è concluso nel primo decennio del XXI secolo;
  • La Pieve di S. Giovanni in Ottavo (o pieve del Tho), risalente all'XI secolo (ma costruita su una precedente struttura del V secolo) e denominata in tal modo per la sua collocazione all'ottavo miglio da Faenza lungo la strada per Firenze. Fu edificata in stile romanico utilizzando materiale di recupero. L'interno è a tre navate. Di particolare interesse il paliotto d'altare risalente al VII secolo che, per tema decorativo e tipo di lavorazione costituisce un unicum nel panorama della produzione artistica altomedievale romagnola. La cripta conserva vari reperti, tra cui una tomba romana e un'antica macina di olive per uso familiare[17];
  • La Chiesa dell'Osservanza, edificata nel 1520, all'interno conserva una Madonna con Bambino e Santi (1520) del Palmezzano.

Architettura militare[modifica | modifica wikitesto]

La rocca di Brisighella, datata 1228, è caratterizzata da torri cilindriche di cui la più alta è del 1503[18].

La Rocca Manfrediana con a fianco la torre dell'Orologio, fotografate da Paolo Monti nel 1974.

La prima roccaforte fu costruita nel 1310 per volere di Francesco Manfredi signore di Faenza. Ripresa dallo Stato della Chiesa con le campagne di Egidio Albornoz, la Santa Sede ne detenne direttamente il possesso dal 1368 al 1376, quando la cedette ai Manfredi, nominati vicari pontifici. La famiglia nobile faentina governò quasi ininterrottamente durante i secoli XIV e XV. In questo lungo periodo fu soggetta ad ampliamenti e ammodernamenti a cura di Galeazzo Manfredi nel 1394 e di Astorre II nel 1457 e 1466.

Conquistata da Cesare Borgia nell'anno 1500, alla sua caduta (avvenuta nel 1503), la rocca fu conquistata dai Veneziani. All'epoca la rocca possedeva solo la torre minore (detta il torricino): durante il breve dominio della Serenissima (1503-1509) venne ulteriormente ampliata e dotata dell'imponente torrione circolare.

Sulle colline sopra Brisighella, lungo il crinale dell'appennino Tosco-Romagnolo, sono presenti diverse fortificazioni medioevali a difesa e controllo del territorio.

  • Torre del Marino venne eretta dalla famiglia dei Naldi nel 1460 per scopi di avvistamento: dalla torre si può dominare, infatti, la Valle del Senio e una vasta area collinare. A base quadrata e costruita tutta in laterizio, ad eccezione della cordonatura in arenaria, la torre costituì il prototipo architettonico per le successive Torri di Cavina (1491) e di Pratesi (1510 circa), situate alcuni chilometri a monte della Vena del Gesso[19]. Dal 1794 diventa di proprietà di Antonio Marino dal quale eredita l'attuale nome[20]. In seguito alle vicende belliche (è stata bersaglio dell'artiglieria tedesca durante la II Guerra Mondiale) sono crollati il soffitto e le volte di sostegno dei vari piani interni: conserva ancora tracce di scale e i resti di un camino monumentale. Rimasta priva di merlatura, presenta comunque interessanti soluzioni di architettura militare rinascimentale.
  • Torre Cavina, o Torre di Cavina, è stata costruita tra il XIV e il XV secolo e il nome lascia intendere che un tempo esistessero più torri edificate in questa località dai membri della famiglia Cavina. Il cognome stesso e il toponimo deriva da "caba" cioè forra, fogna e si riferisce probabilmente al torrente Sintria, che qui scorre entro un alveo incassato e profondo[21].
  • Torre Cavina-Pratesi, oggi semplicemente Pratesi, fu innalzata nel 1510 circa da Antonio Menini detto "il Pratese", discendente della stirpe dei Cavina e probabile suo costruttore[22]. Dal XVII secolo, a seguito dell'introduzione delle armi da fuoco, la torre perse la sua funzione militare e venne riconvertita a casino di caccia. A fianco alla torre fu costruita nell'Ottocento una casa colonica.
  • Il castello di Rontana, purtroppo distrutto, si ergeva sulla cima del Monte di Rontana ed è ricordato per la prima volta nel 973 con Ugone di Rontana[23]. Nel corso dei secoli, la fortificazione appartenne, in successione: ai forlivesi (1201), ai faentini (1209), ai Manfredi (1291), a Maghinardo Pagani (1292), ai Manfredi di Marradi (1413), alternativamente ai Manfredi e alla Santa Sede (durante il XIV secolo). Nel 1500 fu espugnato da Dionigi Naldi per conto di Cesare Borgia; nel 1506 fu dei Veneziani, per poi tornare nuovamente nello Stato Pontificio. Nel 1591 Papa Gregorio XIV ordinò la sua demolizione, essendo diventato il rifugio di una grossa banda di briganti. Il castello da allora non venne più riedificato e ad oggi non restano che pochi ruderi.
  • La Torretta, è una fortificazione medioevale in pietra arenaria il cui nome e l'attuale configurazione sono ciò che resta di una torre di avvistamento eretta probabilmente nel XV secolo, a breve distanza dal luogo presso cui sorgeva l'antico "Castrum" di Fognano (XIII secolo)[24]. Attualmente la torre risulta inglobata in un edificio colonico

Architettura civile[modifica | modifica wikitesto]

Uno scorcio di via degli Asini

La via del Borgo, nota anche con il nome di via degli Asini, è una suggestiva strada sopraelevata, quasi interamente coperta da archi di ampiezze differenti. Anticamente poggiata su una larga base di roccia, rivestiva un'importante funzione difensiva, attestata dalla presenza di una compatta fila di case a protezione del lato sud del borgo. Solo in un secondo tempo lo zoccolo fu scavato per ricavarne stalle, fondaci e negozi, trasformando così il portico in una sopraelevata. Il nome di via degli Asini deriva dall'uso di far passare per la via le carovane di animali adibiti al trasporto del materiale dalle vicine cave di gesso.

Nel centro del paese è possibile ammirare anche:

  • La fontana vecchia: costruita nel 1490, è la più antica fontana pubblica di Brisighella;
  • Il monumento ai caduti Il fante che dorme, opera in bronzo di Domenico Rambelli.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[25]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 709 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Brisighella si estende su buona parte della valle del Senio, fino al confine con la Toscana. Nel suo territorio sono presenti nove parrocchie facenti parte della Diocesi di Faenza-Modigliana: San Michele Arcangelo (principale), San Ruffillo, S. Giovanni Battista in Ottavo (pieve del Tho), S. Pietro in Fognano, S. Maria in Poggiale, S. Stefano in Casale Pistrino, San Cassiano, San Martino in Gattara, S. Cuore di Gesù (Zattaglia) e S. Giorgio (Villa Vezzano).

Nella Chiesa Collegiata di Brisighella si venera l'immagine della Madonna delle Grazie. La devozione ebbe origine nel XV secolo e provenne da Faenza. Nell'anno 1412, durante una spaventosa epidemia di peste, la Vergine apparve alla nobile Giovanna Sagramori, mentre pregava nella Chiesa di San Domenico. Furono talmente numerose le grazie che la Madonna donò al popolo faentino, che ne fu dipinta l'immagine su una parete. Verso l'anno 1450 un pittore locale dipinse su tre tavole di quercia l'immagine della Beata Vergine delle Grazie, nella stessa iconografia dell'immagine venerata a Faenza, che si caratterizza perché regge nelle mani sei frecce spezzate (allusione alla pestilenza estinta per la sua intercessione). Una di queste tavole fu acquistata da una ricca famiglia brisighellese, che la tenne in venerazione nella propria casa. In seguito la stupenda immagine venne lasciata per testamento all'arciprete di Brisighella, con l'obbligo che la esponesse alla pubblica venerazione nella Chiesa Parrocchiale. Da allora la sacra immagine è conservata nella chiesa arcipretale. Nel 1632, in ringraziamento delle grazie concesse durante un'altra epidemia (la famosa peste manzoniana), l'immagine venne incoronata[26].

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo civico "G. Ugonia" - Il nucleo del museo è costituito dal lascito di 400 opere del pittore e litografo Giuseppe Ugonia (1881-1944). In seguito si è aggiunta la donazione di mille incisioni di vari autori del XIX e XX secolo. Dalla fine degli anni 1970 ha sede sede nell'edificio dell'ex Pretura;
  • Museo del lavoro contadino - Fu fondato con lo scopo di conservare e preservare gli utensili adoperati nei lavori agricoli che, a causa dell'avanzata industrializzazione, rischiavano di andare perduti. Realizzato nel 1977 partendo dalla collezione di attrezzi agricoli del pittore Elvio Cornacchia, il museo ha sede nella Rocca;
  • Museo della Resistenza "Cà Malanca" - Istituito nel 1990, ha lo scopo di documentare il periodo 1944/45, durante il quale l'avanzata degli Alleati si fermò per otto lunghi mesi lungo la Linea Gotica. Cà Malanca si trova nella frazione Fornazzano.

Brisighella nella letteratura[modifica | modifica wikitesto]

È ambientato all'interno della Rocca di Brisighella il drammatico finale del romanzo storico Il figlio del cardinale della scrittrice irlandese Ethel Lilian Voynich (I edizione inglese: 1897), semisconosciuto in Italia ma di enorme successo nel mondo comunista ai tempi della Guerra Fredda[27].

Enogastronomia[modifica | modifica wikitesto]

Spaccio della cantina e del frantoio sociali.

Brisighella è il centro della zona di produzione dell'olio di oliva riconosciuto dalla omonima D.O.P.[28], ed è incluso nell'area di produzione del vino a Denominazione di Origine Controllata Sangiovese di Romagna[29]
Un altro prodotto tipico delle terre brisighellesi è il carciofo moretto[30].

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • «Feste Medievali» (prima settimana di giugno): nata nel 1980, la manifestazione ha lanciato Brisighella come meta turistica nazionale[senza fonte]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Industria e servizi[modifica | modifica wikitesto]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

La vocazione turistica di Brisighella è evidenziata dall'esistenza, nel territorio comunale, di oltre 130 km di sentieri per escursioni, lungo i quali si allineano nove punti panoramici e tre rifugi. Sono osservabili ben 106 cavità naturali.[31]

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda l'artigianato, Brisighella è rinomata per la produzione di ceramiche, per la lavorazione del ferro battuto e per i laboratori di pizzi ai ferri.[32]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è attraversato dalla Strada statale 302 "Brisighellese Ravennate", principale via di comunicazione da una parte, verso Faenza (e la Via Emilia) e, dall'altra, verso la Toscana.

Non molto distante dai confini comunali corre l'autostrada A14, con il casello di Faenza situato a pochi chilometri da Brisighella.

La linea ferroviaria faentina corre quasi parallela alla strada statale. Nel territorio del comune sono presenti ben 6 stazioni o fermate (numero più alto per tutti i comuni della linea), di cui 5 ancora attive:

La stazione di Sant'Eufemia di Brisighella non è più operativa.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo comunale

Il comune di Brisighella ha fatto parte fino al 2009 della Comunità montana Appennino Faentino. Dal 2009 al 2011 ha fatto parte dell'Unione dei comuni di Brisighella, Casola Valsenio e Riolo Terme e dal 1º gennaio 2012 è parte dell'Unione dei comuni della Romagna Faentina.

Sindaci precedenti[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
20 marzo 1987 26 luglio 1990 Vincenzo Galassini Partito Socialista Italiano Sindaco [33]
30 luglio 1990 11 ottobre 1993 Cesare Sangiorgi Democrazia Cristiana Sindaco [33]
19 novembre 1993 23 aprile 1995 Tiziano Samorè Democrazia Cristiana Sindaco [33]
24 aprile 1995 13 giugno 1999 Tiziano Samorè Partito Democratico della Sinistra Sindaco [33]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Cesare Sangiorgi Lista civica Sindaco [33]
15 giugno 2004 8 giugno 2009 Cesare Sangiorgi Lista civica Sindaco [33]
9 giugno 2009 26 maggio 2014 Davide Missiroli Lista civica Sindaco [33]
27 maggio 2014 26 maggio 2019 Davide Missiroli Insieme per Brisighella Sindaco [33]
27 maggio 2019 in carica Massimiliano Pederzoli Lista civica «Per il buon governo» Sindaco [33]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Società sportive[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi

Zwingenberg, Germania


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Brisighella - Statuto
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 maggio 2019.
  3. ^ a b c d Storia, su comune.brisighella.ra.it, Comune di Brisighella. URL consultato il 2 dicembre 2014.
  4. ^ a b c d e f g Stefano Saviotti, Relazione storica illustrativa allegata al Piano strutturale comunale associato, Faenza 2009. Scaricabile dal sito web del comune (comune.faenza.ra.it).
  5. ^ La vita della discoteca durò poco meno di vent'anni: chiuso nel 2005, l'area è oggi in attesa di un progetto di riutilizzo.
  6. ^ La città del cuore sano, su archiviostorico.corriere.it, 5 dicembre 2015. URL consultato il 10 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2015).
  7. ^ Brisighella, su borghitalia.it, Club I borghi più belli d'Italia. URL consultato il 2 dicembre 2014.
  8. ^ Brisighella, su cittaslow.org, Cittaslow. URL consultato il 2 dicembre 2014.
  9. ^ Brisighella, su bandierearancioni.it, Touring Club Italiano. URL consultato il 2 dicembre 2014.
  10. ^ Madonna del Monticino di Brisighella, su smbr.it. URL consultato il 29 aprile 2020.
  11. ^ Santuario del Monticino, su brisighellaierieoggi.blogspot.com. URL consultato il 29 aprile 2020.
  12. ^ Santuario del Monticino, su romagnafaentina.it. URL consultato il 29 aprile.
  13. ^ Santuario della Beata Vergine del Monticino, su terredifaenza.it. URL consultato il 29 aprile 2020.
  14. ^ Tiberiaco è un altro nome del monte Mauro. Cfr. Andrea Nanetti e Mario Giberti, Viabilità e insediamenti nell'assetto territoriale di Imola nel Medioevo, Imola, La Mandragora, 2014, p. 81.
  15. ^ La Pieve di Monte Mauro, un cammino di storia e di fede, su manoperlapace.racine.ra.it. URL consultato il 24 maggio 2014.
  16. ^ La Pieve di Monte Mauro. Storia, su manoperlapace.racine.ra.it. URL consultato il 17 luglio 2019.
  17. ^ Paola Tassinari, Pieve di Tho, la chiesa sull'ottavo miglio, «La Voce di Romagna», 22 febbraio, p. 41.
  18. ^ "Tesori d'Italia", Selezione dal Reader's Digest, Milano, 1975, pag.62.
  19. ^ Officine Digitali, Terre di Faenza - Castelli, torri, campanili, su www.terredifaenza.it. URL consultato il 1º marzo 2017.
  20. ^ Brisighella circondario - Appennino Romagnolo, su www.appenninoromagnolo.it. URL consultato il 1º marzo 2017.
  21. ^ Officine Digitali, Terre di Faenza - Castelli, torri, campanili, su www.terredifaenza.it. URL consultato il 1º marzo 2017.
  22. ^ Castelli dell'Emilia-Romagna: Censimento e schedatura: Torre Torre Pratesi, su geo.regione.emilia-romagna.it. URL consultato il 1º marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2017).
  23. ^ Raffaele Licinio, Tutte le fortificazioni della provincia di Ravenna in sintesi, Castelli dell'Emilia Romagna, su www.mondimedievali.net. URL consultato il 1º marzo 2017.
  24. ^ Officine Digitali, Terre di Faenza - Castelli, torri, campanili, su www.terredifaenza.it. URL consultato il 1º marzo 2017.
  25. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  26. ^ La Madonna delle Grazie a Brisighella, su parrocchiabrisighella.it. URL consultato il 25 aprile 2020.
  27. ^ Ethel Lilian Voynich, Il figlio del cardinale, a cura di A. Farsetti e S. Piastra, traduzione di A. Farsetti, Castelvecchi Editore, 2013.
  28. ^ Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 228 del 29/9/95 (Pag.38)
  29. ^ Graziano Pozzetto, Le cucine di Romagna: Storia e ricette, Tarka, 2013. URL consultato il 13 gennaio 2018.
  30. ^ Più che autoctono: il carciofo moretto di Brisighella, su brisighella.org. URL consultato il 16 giugno 2018.
  31. ^ Stefano Salomoni, Le mille opportunità di un territorio georeferenziato, in Il nuovo Diario-Messaggero, 24 ottobre 2015.
  32. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 2, Roma, A.C.I., 1985, p. 4,6.
  33. ^ a b c d e f g h i http://amministratori.interno.it/

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Metelli, Storia di Brisighella e della Valle di Amone, Faenza, Tip. Conti, 1869-1872

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN155224180 · GND (DE4375029-1 · WorldCat Identities (ENlccn-nr96016225
Romagna Portale Romagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Romagna