Rocca Manfrediana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Rocca di Brisighella)
Jump to navigation Jump to search
Rocca Manfrediana
Brisighella, rocca Manfrediana (06).jpg
La Rocca Manfrediana
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna Emilia-Romagna
CittàBrisighella
Coordinate44°13′29.33″N 11°46′14.55″E / 44.224814°N 11.770708°E44.224814; 11.770708Coordinate: 44°13′29.33″N 11°46′14.55″E / 44.224814°N 11.770708°E44.224814; 11.770708
Informazioni generali
TipoCastello-Rocca
Primo proprietarioFrancesco Manfredi
Condizione attualeVisitabile
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La Rocca Manfrediana e Veneziana di Brisighella[1], conosciuta anche come Rocca Manfrediana o Rocca dei Veneziani[2], oppure più semplicemente Rocca di Brisighella, è una fortificazione situata sul secondo dei tre pinnacoli rocciosi di selenite a Brisighella, in provincia di Ravenna[3].

Panorama con la Rocca Manfrediana sullo sfondo.

La Rocca, datata 1228 e caratterizzata da torri cilindriche (di cui la più alta è del 1503)[4], fu costruita dai veneziani, nel breve periodo del loro dominio sulla Romagna (1503-1509).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Rocca manfrediana con a fianco la Torre dell'Orologio, fotografate da Paolo Monti nel 1974

L'edificazione dell'attuale rocca venne iniziata da Francesco Manfredi, signore di Faenza, all'inizio del XIV secolo. Salvo un breve periodo dal 1368 al 1376, la fortificazione rimase nel dominio della famiglia Manfredi (che la ampliampiarono: in particolare, Gian Galeazzo nel 1394 e Astorgio II nel 1457 e 1466) fino all'anno 1500, passando in seguito a Cesare Borgia per tre anni.

Dal 1503 al 1509 appartenne alla Repubblica di Venezia, che realizzò il grandioso mastio in aggiunta al preesistente torricino, e le mura sui due lati.

In seguito, il territorio entrò a far parte dello Stato Pontificio e, verso la fine del XVI secolo, la sommità dei due torrioni venne ricoperta da un tetto. Dopo un breve parentesi napoleonica, la rocca ritornò al Papa, fino al 1860 quando la romagna entrò a far parte del Regno d'Italia.

All'inizio del XXI secolo, il castello è stato completamente restaurato, rinforzando le strutture murarie e valorizzando il complesso architettonico, anche con una speciale illuminazione. All'interno della struttura è stato allestito un percorso espositivo che racconta il rapporto tra l'Uomo e il gesso, materiale di cui è composto il pinnacolo su cui poggia la rocca e che ha da sempre caratterizzato l'economia del borgo[5].

Influenza culturale[modifica | modifica wikitesto]

All'interno della Rocca di Brisighella è ambientato il drammatico finale del romanzo storico Il figlio del cardinale della scrittrice irlandese Ethel Lilian Voynich (I edizione inglese: 1897), romanzo storico, ambientato nell'Italia risorgimentale tra il Granducato di Toscana e la Romagna Pontificia, di grandissimo successo nel mondo comunista ai tempi della Guerra Fredda[6].

Dal 1980 ogni anno intorno all’inizio di giugno, si tiene all’interno della Rocca la “Festa Medievale”, una manifestazione di rievocazione storica, che ha reso il paese di  Brisighella, una delle mete estive più popolari[7].

In occasione di questo evento l’intero paese rivive il fascino del suo passato medievale rappresentando per le strade dei suoi borghi scene di vita quotidiana di uno dei periodi più oscuri e misteriosi della nostra storia: la rappresentazione di vecchi mestieri artigianali, tra folle di contadini, musicanti, giullari e cantastorie, tutti in abiti tradizionali, fino ad arrivare al crepuscolo con gli scontri guerreschi quando al suono di tamburi, schiere di cavalieri si sfidano in duelli travolgenti. Alla chiusura lo spettacolo pirotecnico dei fuochi d’artificio.

Per due giorni consecutivi, la Rocca diventa teatro di simulazioni di scontri d’arme, accampamenti medievali, rappresentazioni. L’evento è organizzato dal coordinamento rievocazione storica I Difensori della Rocca, Osteria Medievale, l’Associazione Artificio e gli allestimenti Associazione Feste Medievali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I Tre colli: la Rocca, la Torre e il Monticino, su brisighella.org. URL consultato il 10 gennaio 2016.
  2. ^ Renzo Bassetti, Brisighella, Rocca dei veneziani, su mondimedievali.net.
  3. ^ Giuseppe Ortolano, I tre colli di Brisighella (Ravenna), in 1001 cose da vedere in Italia almeno una volta nella vita, Newton Compton Editori, 2014, p. 235.
  4. ^ Tesori d'Italia, Milano, Selezione dal Reader's Digest, 1975, p. 62.
  5. ^ I Tre colli: la Rocca, la Torre e il Monticino, su Brisighella - Uno dei borghi più belli d'Italia. URL consultato il 16 gennaio 2019.
  6. ^ Ethel Lilian Voynich, Il figlio del cardinale, a cura di A. Farsetti e S. Piastra, traduzione di A. Farsetti, Castelvecchi Editore, 2013.
  7. ^ Il passato rivive, tempo di medioevo alla Rocca di Brisighella. Da Sabato 30 maggio a Martedì 2 giugno., su Brisighella - Uno dei borghi più belli d'Italia, 21 maggio 2015. URL consultato il 16 gennaio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]