Agenzia spaziale giapponese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Il logo dell'agenzia.

L'Agenzia spaziale giapponese (宇宙航空研究開発機構 Uchū-Kōkū-Kenkyū-Kaihatsu-Kikō?) (in inglese Japan Aerospace eXploration Agency o JAXA) è l'agenzia governativa che si occupa dell'esplorazione spaziale in Giappone. Venne fondata il 1º ottobre 2003 dalla fusione della National Space Development Agency (NASDA), dalla National Aerospace Laboratory of Japan (NAL) e dall'Institute of Space and Astronautical Science (ISAS).

La prima missione giapponese della JAXA è stato il lancio del missile H-2A avvenuto nel novembre 2003 e fallito per problemi di stress. Dopo 15 mesi nel febbraio 2005 la JAXA ha lanciato il razzo H-2A dal Tanegashima Space Center, posizionando un satellite in orbita. Dopo un progressivo allontanamento dalle missioni internazionali la JAXA nel 2005 ha pianificato la realizzazione di alcune missioni individualmente inclusa una ambiziosa missione sulla luna con equipaggio umano. Nel 2003 JAXA ha lanciato una missione chiamata Hayabusa con un razzo M-V. La missione intende raccogliere frammenti degli asteroidi e si prevede l'arrivo nella seconda parte del 2005. Le nuove missioni interplanetarie sono pianificate per il 2007/2008 e sono delle sonde per Venere. Il Giappone in cooperazione con l'Agenzia Spaziale Europea sta sviluppando una missione per Mercurio.

JAXA inoltre sta sviluppando una nuova generazione di trasporti commerciali supersonici che dovranno rimpiazzare il Concorde. Il progetto prevede un aereo di 300 posti in grado di volare a Mach 2. Un modello in scala ridotta dell'aeroplano eseguirà dei test aerodinamici dal 15 settembre al 15 ottobre 2005 in Australia.

Centri di ricerca e uffici[modifica | modifica sorgente]

Il centro spaziale di Tanegashima.

JAXA ha molti centri di ricerca e uffici in Giappone.

  • Sede centrale - Chofu Tokyo.
  • Earth Observation Research Center (EORC), Tokyo.
  • Earth Observation Center (EOC) - Hatayama.
  • Noshiro Testing Center (NTC) - Creato del 1962. Si occupa dello sviluppo e del test dei motori utilizzati dai razzi.
  • Sanriku Balloon Center (SBC) - Utilizzato per gli esperimenti con palloni fin dal 1971.
  • Kakuda Space Propulsion Center (KSPC) - Sviluppa motori per razzi. Lavora principalmente con motori a carburante liquido.
  • Sagamihara Campus - Sviluppa e verifica gli equipaggiamenti per i razzi e i satelliti. Vi è anche un ufficio amministrativo.
  • Centro spaziale di Tanegashima
  • Centro Spaziale di Uchinoura
  • Tsukuba Space Center (TKSC) - È il centro della rete spaziale giapponese. Coinvolto nello sviluppo e ricerca sui satelliti e i razzi, si occupa dell'inseguimento e controllo dei satelliti. Qui vengono sviluppati anche gli equipaggiamenti per il Japanese Experiment Module ("Kibo") e viene svolto l'addestramento degli astronauti.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]