Smart Lander for Investigating Moon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
CubeSat for Solar Particles
Immagine del veicolo
Slim main.jpg
Illustrazione artistica del SLIM sulla superficie lunare
Dati della missione
OperatoreJAXA
Destinazionesuperficie lunare
VettoreSLS Block 1
Lanciogennaio 2019
Luogo lancioKennedy Space Center LC-39B
Proprietà veicolo spaziale
Massa590 kg
CostruttoreMitsubishi Electric
Strumentazione
  • Suprathermal Ion Spectrograph
  • Miniaturized Electron and Proton Telescope
  • Vector Helium Magnetometer

Smart Lander for Investigating Moon (SLIM) è un lander lunare sviluppato dall'Agenzia Spaziale Giapponese (JAXA). A differenza dei lander lunari del passato che hanno atterrato "dove era facile sbarcare", SLIM sbarcherà "dove si vorrà atterrare".[1] La sonda è prevista per essere lanciata nel 2019.[2][3]

Panoramica[modifica | modifica wikitesto]

SLIM è la prima grande missione giapponese sulla superficie lunare e dimostrerà un atterraggio preciso. Durante la sua discesa, il lander riconoscerà i crateri lunari applicando la tecnologia utilizzata nei sistemi di riconoscimento del viso e decifrerà la sua posizione in tempo reale in base ai dati di osservazione raccolti dalla missione orbita lunare SELENE. SLIM mirerà a un terreno morbido con un margine di errore di 100 m.[3][4][5] In confronto, l'intervallo di errore del modulo lunare Eagle dell'Apollo 11 era un'ellisse di 20 km di lunghezza e 5 km di larghezza.[2] Secondo Yoshifumi Inatani, vice direttore generale dell'Istituto per lo spazio e la scienza astronautica (ISAS), il successi di questo atterraggio estremamente preciso porterebbe a migliorare la qualità dell'esplorazione spaziale.[6]

Il piano originario di SLIM prevedeva il suo lancio con un razzo Epsilon dal Centro Spaziale di Uchinoura per approdare vicino alle Marius Hills,[7] scoperte da SELENE.[6] Il costo previsto per lo sviluppo di questo progetto è di 18 miliardi di yen.[8]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La proposta che successivamente venne conosciuta come SLIM esisteva già nel 2005, come Small Lunar Landing Experiment Satellite (小型月着陸実験衛星).[9] Il 27 dicembre 2013 l'ISAS chiese proposte per la sua successiva "Competitively-Chosen Medium-Sized Focused Mission" e SLIM venne presentata assieme ad altre 7 proposte.[2] Nel giugno 2017, SLIM passò la selezione semi-finale assieme alla missione dimostrativa di tecnologie DESTINY, e nel febbraio 2015 SLIM venne finalmente selezionata.[10] Ad aprile 2016 SLIM ottenne lo status di progetto nella JAXA. Nel maggio 2016 Mitsubishi Electric (MELCO) vinse il contratto per la costruzione della sonda.[11] SLIM sarà la seconda missione giapponese a operare sulla superficie lunare; il 27 maggio 2016 la NASA annunciò che il CubeSat OMOTENASHI (Outstanding MOon exploration TEchnologies demonstrated by NAno Semi-Hard Impactor) sviluppato dalla JAXA in collaborazione con l'Università di Tokyo verrà lanciato come carico secondario a bordo della Exploration Mission 1. OMOTENASHI dispiegherà un mini lander lunare da 1 kg di peso.[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "SLIMについて". SLIM homepage (in Japanese). URL consultato il 23 giugno 2016 . ... 従来の「降りやすいところに降りる」着陸ではなく、「降りたいところに降りる」着陸へ ...'
  2. ^ a b c "小型探査機による高精度月面着陸の技術実証(SLIM)について" (PDF) (in Japanese). 03 giugno 2015 . URL consultato il 23 giugno 2015 .
  3. ^ a b Hongo, Jun (12 novembre 2015). "Japan Plans Unmanned Moon Landing". The Wall Street Journal. URL consultato il 22 giugno 2016 .
  4. ^ "Small lunar-lander "SLIM" for the pinpoint landing technology demonstration" (PDF). 9 giugno 2015. URL consultato il 23 giugno 2015 .
  5. ^ "[PPS26-10] Introduction of SLIM, a small and pinpoint lunar lander". 30 aprile 2014 . URL consultato il 22 giugno 2016 .
  6. ^ a b "JAXAはどのような構想を描いているのか…スリム計画を関係者に聞く". The Sankei Shimbun (in Japanese). 11 maggio 2016. URL consultato il 05 giugno 2015 .
  7. ^ Haruyama, Junichi; Sawai, Shujiro; Nakatani, Kouji (07 marzo 2012). "SLIMが目指す月の縦穴。縦穴探査に期待される科学" (PDF) (in Japanese). JAXA Institute of Space and Astronautical Science. Archived from the original (PDF) on 2 febbraio 2016. URL consultato il 02 gennaio 2016 .
  8. ^ "日本初の月面着陸機、今年から開発スタート 「世界に先駆け高精度技術目指す」". The Sankei Shimbun (in Japanese). 1º gennaio 2016. URL consultato il 03 febbraio 2016 .
  9. ^ Hashimoto, Tatsuaki; et, al. (30 novembre 2005). "小型月着陸実験衛星" (PDF) (in Japanese). URL consultato il 22 giugno 2016 .
  10. ^ "深宇宙探査技術実証機 DESTINY+" (PDF) (in Japanese). 7 gennaio 2016. URL consultato il 23 giugno 2016 .
  11. ^ "Japanese lunar lander to be built by Mitsubishi Electric". Nikkei Asian Review. 18 maggio 2016. URL consultato il 22 giugno 2016 .
  12. ^ "小型衛星を月へ打ち上げ JAXA・東大、着陸にも挑戦 18年に2基". Nikkei (in Japanese). 28 maggio 2016. URL consultato il 23 giugno 2016 .

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica