Chandrayaan-2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chandrayaan-2
Immagine del veicolo
GSLV Mk III M1, Chandrayaan-2 - Orbiter at SDSC SHAR.jpg
Dati della missione
OperatoreIndian Space Research Organisation
NSSDC ID2019-042A
SCN44441
DestinazioneLuna
VettoreGeosynchronous Satellite Launch Vehicle Mark III
Lancio22 luglio 2019
Luogo lancioSatish Dhawan Space Centre Second Launch Pad, centro spaziale Satish Dhawan
Sito atterraggioLuna
DurataOrbiter: 1 anno
Lander: ~15 giorni[1]
Rover: ~15 giorni[1]
Sito ufficiale
Programma Chandrayaan
Missione precedenteMissione successiva
Chandrayaan-1 Chandrayaan-3

Chandrayaan-2 ( pronuncia[?·info]) è stata la seconda missione indiana per l'esplorazione lunare dopo Chandrayaan-1.[2] Sviluppata dall'Indian Space Research Organisation (ISRO), la missione prevedeva il lancio con un razzo GSLV Mk III.[3] Comprende un orbiter, un lander e un rover, tutti e tre sviluppati in India.[4]

Il lancio è avvenuto il 22 luglio 2019[5][6] e si tratta di un atterraggio morbido di un lander e un rover su un pianoro tra due crateri Manzini e Simpelius,a una latitudine di circa 70° sud. Se riuscita, Chandrayaan-2 sarebbe stata la seconda missione a fare atterrare un rover vicino al polo sud lunare.[7][8] Il 2 settembre l'orbiter ed il lander si sono correttamente separati[9] e successivamente ad una serie di controlli è stata selezionata e controllata l'area di atterraggio[10], programmato per il 7 settembre alle ore 01:00 IST (le 22.00 GMT). Il lander ha effettuato correttamente la discesa verso il suolo lunare sino ad un'altitudine di 2,1 km, momento in cui il collegamento con la stazione ricevente di terra si è interrotto.[11] Il lander, presumibilmente schiantatosi, è stato rilevato al suolo dall'orbiter tramite rilevamento termico.[12]

A detta della ISRO, questa missione avrebbe usato e collaudato molte nuove tecnologie conducendo nuovi esperimenti.[13][14][15] Il rover si sarebbe mosso sulla superficie lunare effettuando analisi chimiche in situ. I dati sarebbero stati inviati sulla Terra tramite l'orbiter Chandrayaan-2.[16][17]

Il primo allunaggio della storia è stato effettuato dalla missione Luna 2 del 1959 effettuata dall'URSS, che eseguì anche il primo allunaggio morbido con la missione Luna 9, mentre la seconda e terza nazione ad aver compiuto l'impresa sono state rispettivamente gli USA e la Cina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 novembre 2007, i rappresentanti della Roscosmos e della ISRO firmarono un accordo per il lavoro congiunto sul progetto Chandrayaan-2.[18] ISRO sarebbe stata la responsabile dell'orbiter e del rover, mentre Roscosmos avrebbe dovuto preparare il lander.

Il governo indiano, con Manmohan Singh come primo ministro, approvò la missione il 18 settembre 2008.[19] Il design del veicolo è stato completato nell'agosto del 2009, con una revisione congiunta degli scienziati di entrambe le nazioni.[20][21]

Sebbene la ISRO avesse realizzato il carico utile nei tempi prestabiliti,[22] la missione fu posticipata nel gennaio del 2013[23] per il 2016, perché la Russia non riuscì a sviluppare il lander in tempo.[24][25] Roscosmos si ritirò in seguito al fallimento della missione Fobos-Grunt per Marte, dato che gli aspetti tecnici legati alla missione Fobos-Grunt, che erano anche usati nei progetti lunari, avevano bisogno di una revisione.[24] Quando la Russia menzionò di non essere in grado di fornire il lander neanche nel 2015, l'India decise di sviluppare la missione indipendentemente.[23][26]

Il lancio era in programma per marzo 2018, ma prima posticipato ad aprile e poi ad ottobre per effettuare ulteriori test sul veicolo.[27][28] Il 19 giugno 2018, dopo la quarta Comprehensive Technical Review del programma, è stata pianificata l'implementazione di una serie di cambi nella configurazione e nelle sequenze di atterraggio, portando il lancio ad aprile 2019.[29] Poiché durante uno dei test si sono danneggiate due gambe del lander, il lancio è stato posticipato alla seconda metà del 2019.[5]

Carico utile[modifica | modifica wikitesto]

ISRO selezionò cinque strumenti scientifici per l'orbiter, quattro per il lander,[30] e due per il rover.[31] Mentre inizialmente si pensava che la NASA e l'ESA collaborassero costruendo alcuni strumenti per l'orbiter,[32] ISRO ha poi precisato che non ci saranno payload di paesi stranieri a causa di restrizioni sul peso.[33]

Carico utile del lander Vikram[modifica | modifica wikitesto]

  • Sismometro per studiare terremoti lunari vicini al sito di atterraggio[30][34][35]
  • Sonda termica per stimare le proprietà termiche della superficie lunare[34]
  • Sonda Langmuir per misurare la densità e la variazione di plasma della superficie lunare[30][34]
  • Esperimento di occultazione radio per misurare il totale contenuto di elettroni[34]
  • Una schiera di catarifrangenti laser (LRA) del Goddard Space Flight Center per misurazioni precise della distanza Terra–Luna.[36]

Carico utile del rover Pragyan[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Avinash Nair, ISRO to deliver "eyes and ears" of Chandrayaan-2 by 2015-end, The Indian Express, 31 maggio 2015.
  2. ^ (EN) ISRO begins flight integration activity for Chandrayaan-2, as scientists tests lander and rover, su The Indian Express, 25 ottobre 2017. URL consultato il 2 marzo 2019.
  3. ^ (EN) Chandrayaan-2 launch put off: India, Israel in lunar race for 4th position, su The Times of India. URL consultato il 2 marzo 2019.
  4. ^ (EN) India Slips In Lunar Race With Israel As Ambitious Mission Hits Delays, su NDTV.com. URL consultato il 2 marzo 2019.
  5. ^ a b (EN) India's Moon Lander Damaged During Test, Chandrayaan 2 Launch Put on Hold, su The Wire. URL consultato il 21 aprile 2019.
  6. ^ (EN) Laxmi Ajai Prasanna, After PSLV-C45 success, Isro eyes next PSLV for RISAT launch, su The Times of India. URL consultato il 21 aprile 2019.
  7. ^ (EN) Pallava Bagla, India plans tricky and unprecedented landing near moon's south pole, in Science, 31 gennaio 2018. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  8. ^ (EN) S. Amitabh, T. P. Srinivasan e K. Suresh, Potential Landing Sites for Chandrayaan-2 Lander in Southern Hemisphere of Moon (PDF), 49th Lunar and Planetary Science Conference. 19-23 March 2018. The Woodlands, Texas., 2018, Bibcode:2018LPI....49.1975A (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2018).
  9. ^ VidInaf.
  10. ^ (EN) India's Chandrayaan-2 Moon Orbiter Releases Vikram Lunar Lander, su space.com, 2 settembre 2019.
  11. ^ (EN) CHANDRAYAAN 2 LANDING LIVE UPDATES: COMMUNICATION WITH THE LANDER HAS BEEN LOST, CONFIRMS ISRO CHAIRMAN, su firstpost.com, 6 settembre 2019.
  12. ^ Chandrayaan-2, perché atterrare sulla Luna è cosi difficile?, su globalscience.it, 9 settembre 2019.
  13. ^ (EN) Y. Mallikarjun, Chandrayaan-2 to be finalised in 6 months, in The Hindu, 7 settembre 2007. URL consultato il 22 ottobre 2008.
  14. ^ (EN) Chandrayaan-II will try out new ideas, technologies, in The Week, 7 settembre 2010. URL consultato il 7 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2011).
  15. ^ (EN) Landing spots for Chandrayaan-2 identified, in DNA India, 21 febbraio 2014. URL consultato il 23 febbraio 2014.
  16. ^ (EN) T. S. Subramanian, ISRO plans Moon rover, in The Hindu, 4 gennaio 2007. URL consultato il 22 ottobre 2008.
  17. ^ T. Rathinavel e Jitendra Singh, Question No. 1084: Deployment of Rover on Lunar Surface (PDF), Rajya Sabha, 24 novembre 2016.
  18. ^ Manish Chand, India, Russia to expand n-cooperation, defer Kudankulam deal, in Nerve, 12 novembre 2007. URL consultato il 12 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2014).
  19. ^ P. Sunderarajan, Cabinet clears Chandrayaan-2, in The Hindu, 19 settembre 2008. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  20. ^ ISRO completes Chandrayaan-2 design, su Domain-b.com, 17 agosto 2009. URL consultato il 20 agosto 2009.
  21. ^ India and Russia complete design of new lunar probe, in Sputnik News, RIA Novosti, 17 agosto 2009. URL consultato il 20 agosto 2009.
  22. ^ (EN) Payloads for Chandrayaan-2 Mission Finalised, su www.isro.gov.in, ISRO. URL consultato il 3 marzo 2019.
  23. ^ a b R. Ramachandran, Chandrayaan-2: India to go it alone, in The Hindu, 22 gennaio 2013.
  24. ^ a b (EN) Srinivas Laxman, India's Chandrayaan-2 Moon Mission Likely Delayed After Russian Probe Failure, in Asian Scientist, 6 febbraio 2012. URL consultato il 5 aprile 2012.
  25. ^ (EN) India's next moon mission depends on Russia: ISRO chief, in NDTV, Indo-Asian News Service, 9 settembre 2012.
  26. ^ (EN) Chandrayaan-2 would be a lone mission by India without Russian tie-up., su Press Information Bureau, Government of India, 14 agosto 2013.
  27. ^ (EN) Stephen Clark, Launch Schedule, in Spaceflight Now, 15 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2018).
  28. ^ (EN) Chandrayaan-2 launch postponed to October: ISRO chief, in The Economic Times, Press Trust of India, 23 marzo 2018. URL consultato il 16 agosto 2018.
  29. ^ (EN) ISRO set for April launch of Chandrayaan-2 after missed deadline, su https://www.hindustantimes.com/, 11 gennaio 2019. URL consultato il 3 marzo 2019.
  30. ^ a b c (EN) Pallava Bagla, India plans tricky and unprecedented landing near moon’s south pole, in Science, 31 gennaio 2018. URL consultato l'8 marzo 2018.
  31. ^ (EN) T. A. Johnson, Three new Indian payloads for Chandrayaan 2, decides ISRO, in The Indian Express, 31 agosto 2010. URL consultato il 31 agosto 2010.
  32. ^ (EN) Habib Beary, NASA and ESA to partner for Chandrayaan-2, in Sakal Times, 4 febbraio 2010. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  33. ^ (EN) Srinivas Laxman, 'We're launching Chandrayaan-2 for a total coverage of the moon', in The Times of India, 5 settembre 2010.
  34. ^ a b c d Filmato audio Aluru Seelin Kiran Kumar, Chandrayaan-2 - India's Second Moon Mission, Inter-University Centre for Astronomy and Astrophysics, agosto 2015. URL consultato il 7 agosto 2016.
  35. ^ Y. Mallikarjun, India plans to send seismometer to study moonquakes, in The Hindu, 29 maggio 2013. URL consultato il 1º giugno 2013.
  36. ^ Meghan Bartels, How NASA Scrambled to Add Science Experiments to Israeli, Indian Moon Probes, 24 marzo 2019. URL consultato il 25 marzo 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica