Chandrayaan-2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chandrayaan-2
Immagine del veicolo
GSLV Mk III M1, Chandrayaan-2 - Orbiter at SDSC SHAR.jpg
Dati della missione
OperatoreIndian Space Research Organisation
NSSDC ID2019-042A
SCN44441
DestinazioneLuna
VettoreGSLV Mark III
Lancio22 luglio 2019
Luogo lancioSatish Dhawan Space Centre Second Launch Pad, centro spaziale Satish Dhawan
Sito atterraggioLuna
DurataOrbiter: 1 anno
Lander: ~15 giorni[1]
Rover: ~15 giorni[1]
Sito ufficiale
Programma Chandrayaan
Missione precedenteMissione successiva
Chandrayaan-1 Chandrayaan 3

Chandrayaan-2 (pronuncia[?·info]) è stata la seconda missione indiana per l'esplorazione lunare dopo Chandrayaan-1.[2] Sviluppata dall'Indian Space Research Organisation (ISRO), la missione prevedeva il lancio con un razzo GSLV Mk III.[3] Comprende un orbiter, un lander e un rover, tutti e tre sviluppati in India.[4]

Il lancio è avvenuto il 22 luglio 2019[5][6] e si tratta di un atterraggio morbido di un lander e un rover su un pianoro tra due crateri Manzini e Simpelius, a una latitudine di circa 70° sud. Se riuscita, Chandrayaan-2 sarebbe stata la seconda missione a fare atterrare un rover vicino al polo sud lunare.[7][8] Il 2 settembre l'orbiter e il lander si sono correttamente separati[9] e successivamente a una serie di controlli è stata selezionata e controllata l'area di atterraggio[10], programmato per il 7 settembre alle ore 01:00 IST (le 22:00 UTC). Il lander ha effettuato correttamente la discesa verso il suolo lunare sino a un'altitudine di 2,1 km, momento in cui il collegamento con la stazione ricevente di terra si è interrotto.[11] Il lander, presumibilmente schiantatosi, è stato rilevato al suolo dall'orbiter tramite rilevamento termico.[12]

A detta della ISRO, questa missione avrebbe usato e collaudato molte nuove tecnologie conducendo nuovi esperimenti.[13][14][15] Il rover si sarebbe mosso sulla superficie lunare effettuando analisi chimiche in situ. I dati sarebbero stati inviati sulla Terra tramite l'orbiter Chandrayaan-2.[16][17]

Il primo allunaggio della storia è stato effettuato dalla missione Luna 2 del 1959 effettuata dall'URSS, che eseguì anche il primo allunaggio morbido con la missione Luna 9, mentre la seconda e terza nazione ad aver compiuto l'impresa sono state rispettivamente gli USA e la Cina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 novembre 2007, i rappresentanti della Roscosmos e della ISRO firmarono un accordo per il lavoro congiunto sul progetto Chandrayaan-2.[18] ISRO sarebbe stata la responsabile dell'orbiter e del rover, mentre Roscosmos avrebbe dovuto preparare il lander.

Il governo indiano, con Manmohan Singh come primo ministro, approvò la missione il 18 settembre 2008.[19] Il design del veicolo è stato completato nell'agosto del 2009, con una revisione congiunta degli scienziati di entrambi i paesi.[20][21]

Sebbene la ISRO avesse realizzato il carico utile nei tempi prestabiliti,[22] la missione fu posticipata nel gennaio del 2013[23] per il 2016, perché la Russia non riuscì a sviluppare il lander in tempo.[24][25] Roscosmos si ritirò in seguito al fallimento della missione Fobos-Grunt per Marte, dato che gli aspetti tecnici legati alla missione Fobos-Grunt, che erano anche usati nei progetti lunari, avevano bisogno di una revisione.[24] Quando la Russia menzionò di non essere in grado di fornire il lander neanche nel 2015, l'India decise di sviluppare la missione indipendentemente.[23][26]

Il lancio era in programma per marzo 2018, ma prima posticipato ad aprile e poi a ottobre per effettuare ulteriori test sul veicolo.[27][28] Il 19 giugno 2018, dopo la quarta Comprehensive Technical Review del programma, è stata pianificata l'implementazione di una serie di cambi nella configurazione e nelle sequenze di atterraggio, portando il lancio ad aprile 2019.[29] Poiché durante uno dei test si sono danneggiate due gambe del lander, il lancio è stato posticipato alla seconda metà del 2019.[5]

Carico utile[modifica | modifica wikitesto]

ISRO selezionò cinque strumenti scientifici per l'orbiter, quattro per il lander,[30] e due per il rover.[31] Mentre inizialmente si pensava che la NASA e l'ESA collaborassero costruendo alcuni strumenti per l'orbiter,[32] ISRO ha poi precisato che non ci saranno payload di paesi stranieri a causa di restrizioni sul peso.[33]

Carico utile del lander Vikram[modifica | modifica wikitesto]

  • Sismometro per studiare terremoti lunari vicini al sito di atterraggio[30][34][35]
  • Sonda termica per stimare le proprietà termiche della superficie lunare[34]
  • Sonda Langmuir per misurare la densità e la variazione di plasma della superficie lunare[30][34]
  • Esperimento di occultazione radio per misurare il totale contenuto di elettroni[34]
  • Una schiera di catarifrangenti laser (LRA) del Goddard Space Flight Center per misurazioni precise della distanza Terra–Luna.[36]

Carico utile del rover Pragyan[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Avinash Nair, ISRO to deliver "eyes and ears" of Chandrayaan-2 by 2015-end, The Indian Express, 31 maggio 2015.
  2. ^ (EN) ISRO begins flight integration activity for Chandrayaan-2, as scientists tests lander and rover, su The Indian Express, 25 ottobre 2017. URL consultato il 2 marzo 2019.
  3. ^ (EN) Chandrayaan-2 launch put off: India, Israel in lunar race for 4th position, su The Times of India. URL consultato il 2 marzo 2019.
  4. ^ (EN) India Slips In Lunar Race With Israel As Ambitious Mission Hits Delays, su NDTV.com. URL consultato il 2 marzo 2019.
  5. ^ a b (EN) India's Moon Lander Damaged During Test, Chandrayaan 2 Launch Put on Hold, su The Wire. URL consultato il 21 aprile 2019.
  6. ^ (EN) Laxmi Ajai Prasanna, After PSLV-C45 success, Isro eyes next PSLV for RISAT launch, su The Times of India. URL consultato il 21 aprile 2019.
  7. ^ (EN) Pallava Bagla, India plans tricky and unprecedented landing near moon's south pole, in Science, 31 gennaio 2018. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  8. ^ (EN) S. Amitabh, T. P. Srinivasan e K. Suresh, Potential Landing Sites for Chandrayaan-2 Lander in Southern Hemisphere of Moon (PDF), 49th Lunar and Planetary Science Conference. 19-23 March 2018. The Woodlands, Texas., 2018, Bibcode:2018LPI....49.1975A (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2018).
  9. ^ VidInaf.
  10. ^ (EN) India's Chandrayaan-2 Moon Orbiter Releases Vikram Lunar Lander, su space.com, 2 settembre 2019.
  11. ^ (EN) CHANDRAYAAN 2 LANDING LIVE UPDATES: COMMUNICATION WITH THE LANDER HAS BEEN LOST, CONFIRMS ISRO CHAIRMAN, su firstpost.com, 6 settembre 2019.
  12. ^ Chandrayaan-2, perché atterrare sulla Luna è cosi difficile?, su globalscience.it, 9 settembre 2019.
  13. ^ (EN) Y. Mallikarjun, Chandrayaan-2 to be finalised in 6 months, in The Hindu, 7 settembre 2007. URL consultato il 22 ottobre 2008.
  14. ^ (EN) Chandrayaan-II will try out new ideas, technologies, in The Week, 7 settembre 2010. URL consultato il 7 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2011).
  15. ^ (EN) Landing spots for Chandrayaan-2 identified, in DNA India, 21 febbraio 2014. URL consultato il 23 febbraio 2014.
  16. ^ (EN) T. S. Subramanian, ISRO plans Moon rover, in The Hindu, 4 gennaio 2007. URL consultato il 22 ottobre 2008.
  17. ^ T. Rathinavel e Jitendra Singh, Question No. 1084: Deployment of Rover on Lunar Surface (PDF), su 164.100.158.235, Rajya Sabha, 24 novembre 2016.
  18. ^ Manish Chand, India, Russia to expand n-cooperation, defer Kudankulam deal, in Nerve, 12 novembre 2007. URL consultato il 12 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2014).
  19. ^ P. Sunderarajan, Cabinet clears Chandrayaan-2, in The Hindu, 19 settembre 2008. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  20. ^ ISRO completes Chandrayaan-2 design, su Domain-b.com, 17 agosto 2009. URL consultato il 20 agosto 2009.
  21. ^ India and Russia complete design of new lunar probe, in Sputnik News, RIA Novosti, 17 agosto 2009. URL consultato il 20 agosto 2009.
  22. ^ (EN) Payloads for Chandrayaan-2 Mission Finalised, su www.isro.gov.in, ISRO. URL consultato il 3 marzo 2019.
  23. ^ a b R. Ramachandran, Chandrayaan-2: India to go it alone, in The Hindu, 22 gennaio 2013.
  24. ^ a b (EN) Srinivas Laxman, India's Chandrayaan-2 Moon Mission Likely Delayed After Russian Probe Failure, in Asian Scientist, 6 febbraio 2012. URL consultato il 5 aprile 2012.
  25. ^ (EN) India's next moon mission depends on Russia: ISRO chief, in NDTV, Indo-Asian News Service, 9 settembre 2012.
  26. ^ (EN) Chandrayaan-2 would be a lone mission by India without Russian tie-up., su Press Information Bureau, Government of India, 14 agosto 2013.
  27. ^ (EN) Stephen Clark, Launch Schedule, in Spaceflight Now, 15 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2018).
  28. ^ (EN) Chandrayaan-2 launch postponed to October: ISRO chief, in The Economic Times, Press Trust of India, 23 marzo 2018. URL consultato il 16 agosto 2018.
  29. ^ (EN) ISRO set for April launch of Chandrayaan-2 after missed deadline, su https://www.hindustantimes.com/, 11 gennaio 2019. URL consultato il 3 marzo 2019.
  30. ^ a b c (EN) Pallava Bagla, India plans tricky and unprecedented landing near moon’s south pole, in Science, 31 gennaio 2018. URL consultato l'8 marzo 2018.
  31. ^ (EN) T. A. Johnson, Three new Indian payloads for Chandrayaan 2, decides ISRO, in The Indian Express, 31 agosto 2010. URL consultato il 31 agosto 2010.
  32. ^ (EN) Habib Beary, NASA and ESA to partner for Chandrayaan-2, in Sakal Times, 4 febbraio 2010. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  33. ^ (EN) Srinivas Laxman, 'We're launching Chandrayaan-2 for a total coverage of the moon', in The Times of India, 5 settembre 2010.
  34. ^ a b c d Filmato audio Aluru Seelin Kiran Kumar, Chandrayaan-2 - India's Second Moon Mission, Inter-University Centre for Astronomy and Astrophysics, agosto 2015. URL consultato il 7 agosto 2016.
  35. ^ Y. Mallikarjun, India plans to send seismometer to study moonquakes, in The Hindu, 29 maggio 2013. URL consultato il 1º giugno 2013.
  36. ^ Meghan Bartels, How NASA Scrambled to Add Science Experiments to Israeli, Indian Moon Probes, 24 marzo 2019. URL consultato il 25 marzo 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica