Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Osservatorio astronomico nazionale del Giappone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Osservatorio astronomico nazionale del Giappone
NAOJ Nobeyama 45m Radiotelescope 2010.JPG
Radio telescopio da 45m a Nobeyama
OrganizzazioneIstituto nazionale per le scienze naturali
StatoGiappone Giappone
LocalitàYubinbango 181-8588 Tokio, Mitaka, Osawa 2-21-1
Coordinate34°34′33.96″N 133°35′38.4″E / 34.5761°N 133.594°E34.5761; 133.594Coordinate: 34°34′33.96″N 133°35′38.4″E / 34.5761°N 133.594°E34.5761; 133.594
Fondazione1988
Sito
Mappa di localizzazione

L'Osservatorio astronomico nazionale del Giappone (in giapponese 国立天文台 Kokuritsu Tenmondai?; in inglese National Astronomic Observatory of Japan, da cui l'acronimo NAOJ) è una organizzazione di ricerca astronomica che comprende diversi impianti in Giappone e un osservatorio alle Hawaii. Fondata nel 1988, ha accorpato tre organizzazioni di ricerca: l'osservatorio astronomico di Tokyo della omonima università, l'International Latitude Observatory di Mizusawa, e una parte dell'Istituto di ricerche atmosferiche dell'Università di Nagoya.

Nel 2004, in seguito alla riforma delle organizzazioni nazionali di ricerca, il NAOJ divenne una divisione dell'Istituto nazionale di scienze naturali.

Presso l'osservatorio, a giugno 2018 è stato installato il supercomputer più potente al mondo per elaborazioni astronomiche a quella data. Il sistema, un Cray XC50 a tre petaflop, è dotato di 40200 processori e consentirà di calcolare, tra gli usi a cui è dedicato, le forze gravitazionali interagenti tra le stelle della Via Lattea con una risoluzione ben maggiore del precedente sistema.[1]

Impianti[modifica | modifica wikitesto]

  • Campus di Mitaka
  • Radio osservatorio Nobeyama (a Minamimaki)
    • 45 m Millimeter Radio Telescope, Nobeyama Millimeter Array, Nobeyama Radio Heliograph
  • Osservatorio Mizusawa VERA (a Ōshū)
  • Osservatorio Astrofisico Okayama (a Asakuchi)
    • Telescopio 188 cm, telescopio 91 cm, telescopio solare 65 cm
  • Osservatorio Hawaii (Hawaii)
  • Osservatorio solare Norikura, smantellato nel 2010 e riutilizzato per effettuare ricerche anche in ambito non astrofisico sotto la direzione dell'Istituto nazionale di scienze naturali

Risultati e ricerche scientifiche[modifica | modifica wikitesto]

  • A novembre 2016 è stata effettuata l'osservazione da terra di un transito del primo sistema planetario multiplo rilevato dalla missione K2 del telescopio Kepler[2]
  • A seguito di osservazioni effettuate con ALMA, utilizzando il radiotelescopio Nobeyama da 45 metri un gruppo di ricercatori giapponesi guidati da Tomoharu Oka, ha ipotizzato[3] l'esistenza di un buco nero intermedio presso il centro della Via Lattea. L'oggetto, classificato con il nome della nube molecolare che lo ospita (CO-0.40-0.22) avrebbe una massa di circa 100.000 masse solari.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Michael Feldman, Il supercomputer più potente del mondo per l'astronomia inizia l'operazione, su top500.org, 4 giugno 2018.
  2. ^ Timing the Shadow of a Potentially Habitable Extrasolar Planet Paves the Way to Search for Alien Life, in NAOJ: National Astronomical Observatory of Japan. URL consultato il 1° dicembre 2016.
  3. ^ (EN) Tomoharu Oka, Shiho Tsujimoto, Yuhei Iwata, Mariko Nomura & Shunya Takekawa, Millimetre-wave emission from an intermediate-mass black hole candidate in the Milky Way, in Nature Astronomy, 4 settembre 2017.
  4. ^ Un buco nero di massa intermedia nella Via Lattea, Le scienze.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sito del radio osservatorio Nobeyama

Controllo di autoritàVIAF (EN157233014 · ISNI (EN0000 0001 2325 4255 · LCCN (ENn90614268 · GND (DE5009002-1 · NLA (EN35710531