UK Space Agency

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
UK Space Agency
Stato Regno Unito Regno Unito
Tipo Ente spaziale
Sigla UKSA
Istituito 1º aprile 2010
Predecessore British National Space Centre
Direttore generale Katherine Courtney
Bilancio 322,6 milioni di GBP (2013/2014)
Sede Swindon, Wiltshire
Indirizzo North Star Avenue
Sito web www.gov.uk/government/organisations/uk-space-agency

La UK Space Agency (Agenzia Spaziale del Regno Unito) è un'agenzia governativa del Regno Unito responsabile del suo programma spaziale civile. È stata istituita il 1º aprile 2010 per sostituire il British National Space Centre e ha assunto la responsabilità della politica e dei principali bilanci del governo inattivi nelle attività spaziali[1] e rappresenta il Regno Unito in tutti i negoziati in materia spaziale.[2][3] Essa "[mette] insieme tutte le attività spaziali civili del Regno Unito sotto un'unica direzione".[1] Sta operando inizialmente dalla sede esistente del BNSC a Swindon, Wiltshire.[2][4][5][6]

Creazione e scopi[modifica | modifica wikitesto]

La UK Space Agency è stata annunciata da Lord Mandelson, Lord Drayson e dall'astronauta Maggiore Timothy Peake al Queen Elizabeth II Conference Centre il 23 marzo 2010.

Fondi per circa 230 milioni di sterline e funzioni direttive sono confluite nella UK Space Agency da altre organizzazioni.[2] La sua creazione è costata 60 milioni di dollari USA.[7] "Migliorare il coordinamento degli sforzi del Regno Unito in campi come scienze della Terra, telecomunicazioni ed esplorazioni spaziali" formerà parte del suo ambito di competenza, secondo Lord Drayson.[8]

Anteriormente alla creazione della UK Space Agency, l'industria spaziale e satellitare nel Regno Unito era valutata circa 6 miliardi di sterline e manteneva 68.000 posti di lavoro. L'obiettivo ventennale della UK Space Agency è di aumentare il valore dell'industria a 40 miliardi di sterline e 100.000 posti di lavoro,[1] e di rappresentare il 10% dei prodotti e servizi spaziali mondiali (aumentando dall'attuale 6%). Questo piano deriva dalla "Strategia di Innovazione e Crescita Spaziale" (Space Innovation and Growth Strategy, Space-IGS).[2]

Sebbene la Space-IGS richiedesse che il Regno Unito raddoppiasse i contributi all'Agenzia Spaziale Europea (European Space Agency, ESA) e iniziasse e guidasse almeno tre missioni fra ora e il 2030, questi impegni non sono stati esplicitati, dichiarando Lord Drayson che "richiederemo un progetto imprenditoriale vincolante per ciascuna proposta o missione".[2]

Centro Internazionale per l'Innovazione Spaziale[modifica | modifica wikitesto]

Come parte della UK Space Agency, un "Centro Internazionale per l'Innovazione Spaziale" (International Space Innovation Centre, ISIC) da 40 milioni di sterline sarà creato a Harwell, Oxfordshire,[1] accanto alla struttura di ricerca dell'ESA. Alcuni dei suoi compiti saranno di indagare sul cambiamento climatico e sulla sicurezza dei sistemi spaziali. 24 milioni di sterline del costo del centro saranno finanziati dal governo, con il resto dall'industria, ed occuperà 700 persone nell'arco di cinque anni.[9]

Trasferimento di competenze[modifica | modifica wikitesto]

La UK Space Agency ha rilevato le seguenti competenze da altre agenzie governative:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h New space agency and new international space centre for UK, BNSC, 23 marzo 2010.
  2. ^ a b c d e Jonathan Amos, 'Muscular' UK Space Agency launched, BBC News, 23 marzo 2010. URL consultato il 23 marzo 2010.
  3. ^ UK Space Agency announced
  4. ^ The Press Association: UK's space agency to be revealed, UKPA, via Google.com. URL consultato il 23 marzo 2010.
  5. ^ David Derbyshire, British space centre to be revealed ... but will it be called Her Majesty's Space Agency (MASA) | Mail Online (Londra), Dailymail.co.uk, 24 marzo 2010. URL consultato il 23 marzo 2010.
  6. ^ UK Space Agency launched in London, Telegraph, 23 marzo 2010. URL consultato il 23 marzo 2010.
  7. ^ Quest Means Business: Blog Archive – Should we bother exploring space? « – Blogs from CNN.com, Questmeansbusiness.blogs.cnn.com, 19 marzo 2010. URL consultato il 23 marzo 2010.
  8. ^ Science Minister launches the UK Space Agency, Wired.co.uk. URL consultato il 23 marzo 2010.
  9. ^ Oxfordshire to get £40m space centre, BBC, 23 marzo 2010.
  10. ^ News from Council – March 2010, STFC, 26 marzo 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN122413488
Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica