Valerij Borzov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valerij Borzov
Valeriy Borzov.jpg
Valerij Borzov nel 2012.
Dati biografici
Nome Valerij Filipovič Borzov
Nazionalità URSS URSS
Altezza 183 cm
Peso 80 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Velocità
Record
100 m 10"07 (1972)
200 m 20"00 (1972)
Società Burevestnik Kiev
Dinamo Kiev
Ritirato 1979
Carriera
Nazionale
1969-1979 URSS URSS
Palmarès
Giochi olimpici 2 1 2
Europei 4 1 0
Europei indoor 7 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Valerij Filipovič Borzov (in russo: Валерий Филиппович Борзов?; Sambir, 20 ottobre 1949) è un ex atleta sovietico, campione olimpico di 100 e 200 metri piani a Monaco di Baviera 1972.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Borzov esordì nel 1968. Nel 1969 vinse il suo primo titolo internazionale conquistando la medaglia d'oro sui 100 m ai Campionati europei di Atene. Nel 1971 si ripeté ai Campionati europei di Helsinki vincendo sia la gara dei 100 m che quella dei 200 m.

Nel 1972, alle Olimpiadi di Monaco, vinse con relativa facilità la medaglia d'oro dei 100 m.[1] Non mancò chi sostenne che la vittoria di Borzov fu agevolata in maniera determinante dall'assenza in finale di due degli sprinter statunitensi (Eddie Hart e Reynaud Robinson), dati fra i favoriti della vigilia, che erano stati clamorosamente eliminati per non essersi presentati puntuali alla partenza delle batterie eliminatorie. Borzov smentì tutti gli scettici e confermò la sua superiorità pochi giorni dopo sui 200 m, bissando la medaglia d'oro dei 100 m. Nella stessa Olimpiade vincerà anche la medaglia d'argento con la staffetta 4×100 m.[1]

Nei quattro anni seguenti Borzov dedicò molto del suo tempo agli studi, ma ciò non gli impedì di conquistare il suo terzo titolo di campione europeo dei 100 m nel 1974 a Roma. Nel 1976 si presentò alle Olimpiadi di Montréal in ritardo di preparazione a causa di un infortunio. Riuscì comunque ad aggiudicarsi la medaglia di bronzo sia sui 100 m individuali, dietro al trinidadiano Hasely Crawford e al giamaicano Don Quarrie, sia nella staffetta 4×100 m, portando così a 5 il totale delle medaglie olimpiche vinte in carriera.[1]

Al suo ricco palmarès vanno aggiunti ben 7 titoli di campione europeo indoor, conquistati dal 1970 al 1977 nella gara dei 60 m (50 m nel 1972). A causa del perdurare di un infortunio, Borzov fu costretto ad abbandonare le gare nel 1979, rinunciando così a partecipare alle Olimpiadi di Mosca del 1980.[1]

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1991 al 1998 Borzov è stato presidente del Comitato Olimpico Nazionale Ucraino. Dal 1994 è membro del Comitato Olimpico Internazionale. Ha ricoperto la carica di Ministro per la gioventù e lo sport nel governo ucraino.

È sposato con la quattro volte campionessa olimpionica di ginnastica artistica Ljudmila Turiščeva.[1]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1969 Europei indoor Jugoslavia Belgrado 50 m piani Argento Argento 5"8
Europei Grecia Atene 100 m piani Oro Oro 10"4
4×100 m Argento Argento 39"3
1970 Europei indoor Austria Vienna 60 m piani Oro Oro 6"6
1971 Europei indoor Bulgaria Sofia 60 m piani Oro Oro 6"6
Europei Finlandia Helsinki 100 m piani Oro Oro 10"26
200 m piani Oro Oro 20"30
1972 Europei indoor Francia Grenoble 50 m piani Oro Oro 5"75
Giochi olimpici Germania Ovest Monaco 100 m piani Oro Oro 10"14
200 m piani Oro Oro 20"00 Record personale
4×100 m Argento Argento 38"50
1974 Europei indoor Svezia Göteborg 60 m piani Oro Oro 6"58 Record dei Campionati
Europei Italia Roma 100 m piani Oro Oro 10"27
1975 Europei indoor Polonia Katowice 60 m piani Oro Oro 6"59
1976 Europei indoor Germania Ovest Monaco 60 m piani Oro Oro 6"58 Record dei Campionati
Giochi olimpici Canada Montréal 100 m piani Bronzo Bronzo 10"14
4×100 m Bronzo Bronzo 38"78
1977 Europei indoor Spagna San Sebastián 60 m piani Oro Oro 6"59

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Valerij Borzov Bio, Stats, and Results in sports-reference.com, Sports Reference LLC. URL consultato il 17 marzo 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]