Christophe Lemaitre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Christophe Lemaitre
Christophe Lemaitre Barcelone 2010.jpg
Christophe Lemaitre dopo la vittoria della finale dei 100 metri agli europei del 2010.
Dati biografici
Nazionalità Francia Francia
Altezza 190 cm
Peso 74 kg
Atletica leggera Atletica leggera
Dati agonistici
Specialità Velocità
Record
50 m indoor 5"71 (2010-2012)
60 m indoor 6"55 (2010-2011)
100 m 9"92 Sport records icon RN.svg (2011)
200 m 19"80 Sport records icon RN.svg (2011)
200 m indoor 20"83 (2010)
Società AS Aix-les-Bains
Carriera
Nazionale
2009- Francia Francia 14
Palmarès
Mondiali 0 1 1
Europei 4 0 1
Europei indoor 0 0 1
Mondiali juniores 1 0 0
Europei juniores 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate all'11 agosto 2013

Christophe Lemaitre (Annecy, 11 giugno 1990) è un atleta francese, specializzato nella velocità. È stato due volte campione europeo dei 100 metri piani ed una volta di 200 e staffetta 4×100 metri. È stato il primo e, a tutto il 2011, l'unico atleta bianco a scendere sotto i 10 secondi nei 100 metri.[1]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

2008-2009: i trionfi a livello juniores[modifica | modifica sorgente]

Giovane promessa francese della velocità, inizia a correre solamente a 15 anni. Esordisce all'età di 18 anni ai campionati mondiali juniores a Bydgoszcz, qualificandosi nei 200 metri piani con il tempo di 20"88 in semifinale (vento -0,3 m/s) e vincendoli in 20"83 in finale (vento -0,9 m/s).[2]

Nel 2009 migliora ulteriormente i suoi primati: il 6 giugno a un meeting di Ginevra corre i 200 metri in 20"68 (vento +1,9 m/s), mentre nel corso dei campionati giovanili francesi, stabilisce il nuovo record nazionale juniores dei 100 metri trionfando su tutti gli avversari con un eccellente 10”17 (vento +1,2 m/s), tempo che rappresenta la sesta miglior prestazione europea juniores di sempre.[3] Agli europei juniores di Novi Sad, il 24 luglio vince in 10"04 (vento +0,2 m/s)[4] (nuovo record europeo juniores) tempo che gli vale il 2º posto nella classifica stagionale juniores (4º in quella di sempre)[5] e il 25º in quella seniores.[6]

Ai mondiali di Berlino 2009 si cimenta sui 100 metri piani a soli 19 anni, il 15 agosto passa il 1º turno di qualificazioni con il tempo di 10"23 (vento -0,8 m/s), ma ai quarti di finale viene eliminato per falsa partenza, il terzo tempo della batteria (il minimo occorrente per passare al turno successivo) viene registrato dal giapponese Naoki Tsukahara con 10"15 (vento +0,4 m/s), mentre il quarto tempo dell'atleta dello Zambia Gerald Phiri, ripescato essendo il miglior tempo degli atleti inizialmente esclusi, è di 10"16, entrambi i tempi si erano dimostrati alla portata del francese.

2010: tre ori agli europei di Barcellona[modifica | modifica sorgente]

Il 10 giugno 2010 corre al Golden Gala di Roma i 100 metri in 10"09 (vento +0,6 m/s) dietro soltanto ad Asafa Powell (9"82), in seguito a questa prestazione si ipotizza che potrà essere il primo atleta non di colore ad abbattere il muro dei 10 secondi.[7]

Il 9 luglio, a soli venti anni, diviene il primo "bianco" a correre i 100 metri in meno di 10 secondi, riuscendo nell'impresa nel corso dei campionati nazionali svoltisi a Valence correndo in 9"98, due centesimi in meno del tempo del polacco Marian Woronin realizzato nel 1984.[1] Con questa prestazione Lemaitre stabilisce inoltre il record nazionale sulla distanza, migliorando di un centesimo il 9"99 stabilito da Ronald Pognon a Losanna nel 2005. Il 10 luglio vince i 200 metri segnando il primato personale con 20"16 ed eguagliando il record nazionale.[8]

Il 16 luglio al Meeting Areva di Saint-Denis chiude solo in quinta posizione la gara dei 100 metri con il tempo di 10"09 ma con un vento contrario di 0,3 m/s. Il 28 luglio ai Campionati europei di Barcellona, dopo una semifinale corsa in 10"07 (vento -1,2 m/s) vince la medaglia d'oro nei 100 metri con il tempo di 10"11 (vento -1,0 m/s), precedendo il britannico Mark Lewis-Francis ed il connazionale Martial Mbandjock (entrambi con 10"18), erano 28 anni che non vinceva un bianco agli europei e addirittura 48 che non vinceva un francese.[9] Due giorni dopo concede il bis con l'oro nei 200 metri col tempo di 20"37 (vento -0,8 m/s), precedendo il britannico Christian Malcolm (20"38) e un'altra volta il connazionale Martial Mbandjock (20"42). Infine, durante l'ultima giornata della rassegna continentale, conquista il suo terzo titolo vincendo con la staffetta francese, composta anche da Jimmy Vicaut, Pierre-Alexis Pessonneaux e Martial Mbandjock, la prova della 4×100 metri con il tempo di 38"11.[10]

Il 29 agosto dello stesso anno, in occasione del Meeting Internazionale Città di Rieti, Lemaitre in semifinale eguaglia il proprio personale con un vento a favore di 1,1 m/s e di conseguenza il record nazionale transalpino sui 100 metri e lo abbassa ulteriormente in finale portandolo a 9"97 (+0,9 m/s) prendendo parte alla gara più veloce mai corsa in Italia[11] e confermando quindi di essere uno dei pochi atleti non di colore a potersi esprimere ad alti livelli nella disciplina "regina" dell'atletica leggera.

2011: bronzo agli europei indoor e medaglie ai mondiali di Daegu[modifica | modifica sorgente]

Nel 2011 Lemaitre comincia ad alti livelli agli europei indoor svolti a Parigi chiudendo in terza posizione i 60 metri piani con 6"58 dietro a Francis Obikwelu (6"53) e Dwain Chambers (6"54).

Debutta la stagione all'aperto il 26 maggio al Golden Gala di Roma, correndo i 100 metri in 10 secondi netti (vento +0,6 m/s), dietro a Asafa Powell (9"93) e Usain Bolt (9"91), ritocca poi il proprio primato personale per tre volte. Nella prima occasione scendendo a 9"96 durante un meeting in terra transalpina a Montreuil il 7 giugno mentre a Stoccolma durante il Campionato europeo per nazioni il 18 giugno e a Losanna il 30 giugno durante il meeting Athletissima ferma il cronometro a 9"95 (con vento +1,0 m/s in entrambe le occasioni).

Lemaitre dimostra una buona forma anche nei 200 metri al Meeting Areva di Saint-Denis segnando 20"21 (a soli 5 centesimi dal suo primato personale) con un vento contrario di 0,6 m/s, dietro a Usain Bolt che chiude in 20"03.[12] Il 22 luglio, al meeting Herculis di Monaco segna un più modesto 10"03 sui 100 metri (vento +1,0 m/s).[13]

Il 29 luglio, ad Albi, migliora nuovamente il record francese nel corso dei campionati nazionali di atletica leggera. Lo sprinter vince la gara in 9"92 con un vento al limite di 2,0 m/s, abbassando di tre centesimi il precedente primato, da lui stesso realizzato.

Il 28 agosto ai Mondiali 2011 di Daegu chiude quarto col tempo di 10"19 (vento -1,4 m/s) nella finale dei 100 metri piani vinta da Yohan Blake (9"92) in seguito alla squalifica per falsa partenza del favorito Usain Bolt. Il 3 settembre conquista con il tempo di 19"80 (record nazionale) il bronzo nei 200 metri piani, dietro a Walter Dix (19"70) e Usain Bolt (19"40),[14] registrando il tempo più basso di un atleta terzo classificato, eguagliando il tempo di Ato Boldon ad Atlanta che corse dietro a Michael Johnson (19"32) e Frank Fredericks (19"68).[15] Il 4 settembre vince l'argento nella staffetta 4×100 metri con il tempo di 38"20, dietro alla Giamaica, che stabilisce il nuovo record del mondo con 37"04.[16]

Record nazionali[modifica | modifica sorgente]

Seniores[modifica | modifica sorgente]

  • 100 metri piani: 9"92 (Francia Albi, 29 luglio 2011)
  • 200 metri piani: 19"80 (Corea del Sud Daegu, 3 settembre 2011)

Progressione[modifica | modifica sorgente]

100 metri piani[modifica | modifica sorgente]

Stagione Risultato Luogo Data Rank. Mond.
2013 10"00 Russia Mosca 11-8-2013 16º
2012 10"04 Italia Roma 31-5-2012 30º
2011 9"92 Francia Albi 29-7-2011 11º
2010 9"97 Italia Rieti 29-8-2010 11º
2009 10"04 Serbia Novi Sad 24-7-2009 26º
2008 10"26 Francia Albi 25-7-2008 125º
2007 10"53 Francia Narbona 27-7-2007 588º
2006 10"96 Francia Dreux 14-7-2006 3066º

200 metri piani[modifica | modifica sorgente]

Stagione Risultato Luogo Data Rank. Mond.
2013 20"07 Francia Saint-Denis 6-7-2013
2012 19"91 Regno Unito Londra 14-7-2012
2011 19"80 Corea del Sud Daegu 3-9-2011
2010 20"16 Francia Valence 10-7-2010 12º
2009 20"68 Svizzera Ginevra 6-6-2009 115º
2008 20"83 Polonia Bydgoszcz 11-7-2008 189º
2007 21"08 Francia Aix-en-Provence 30-9-2007 371º

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
2008 Mondiali juniores Polonia Bydgoszcz 200 metri Oro Oro 20"83
2009 Europei juniores Serbia Novi Sad 100 metri Oro Oro 10"04 Record personale
Mondiali Germania Berlino 100 metri Quarti di finale sq
2010 Europei Spagna Barcellona 100 metri Oro Oro 10"11
200 metri Oro Oro 20"37
4×100 metri Oro Oro 38"11
2011 Europei indoor Francia Parigi 60 metri Bronzo Bronzo 6"58
Mondiali Corea del Sud Daegu 100 metri 10"19
200 metri Bronzo Bronzo 19"80 Sport records icon RN.svg
4×100 metri Argento Argento 38"20 Record personale stagionale
2012 Europei Finlandia Helsinki 100 metri Oro Oro 10"09
4×100 metri Bronzo Bronzo 38"46
Giochi olimpici Regno Unito Londra 200 metri 20"19
4×100 metri 38"16
2013 Mondiali Russia Mosca 100 metri 10"06

Campionati nazionali[modifica | modifica sorgente]

Coppe e meeting internazionali[modifica | modifica sorgente]

2010
2011

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Record Lemaitre, primo bianco sotto i 10" nei 100m, Eurosport, 9 luglio 2010. URL consultato il 10 luglio 2010.
  2. ^ (EN) World Junior Championships 2008 - Results 200 m men, IAAF.org. URL consultato il 30 luglio 2011.
  3. ^ Christophe Lemaître Junior da 10"17
  4. ^ (EN) Results european junior championships 2009, tilastopaja.org. URL consultato il 30 luglio 2011.
  5. ^ (EN) 100 Metres junior All Time, IAAF.org. URL consultato il 30 luglio 2011.
  6. ^ (EN) 100 Metres 2009, IAAF.org. URL consultato il 30 luglio 2011.
  7. ^ Golden Gala 2010 nel segno di Powell e Vlasic, diamondleague-rome.com, 10 giugno 2010. URL consultato il 30 luglio 2011.
  8. ^ (EN) Pierre Jean Vazel, Lemaitre equals 20.16 national 200m record, Lavillenie vaults world-leading 5.94m as French championships conclude, IAAF.org, 11 luglio 2010. URL consultato il 30 luglio 2011.
  9. ^ Cesare Rizzi, Lemaitre spazza via tutto. Italia, il sogno e poi la beffa, AtleticaWeek.it, 29 luglio 2010. URL consultato il 30 luglio 2011.
  10. ^ (EN) Results European Championships 2010, tilastopaja.org. URL consultato il 31 luglio 2011.
  11. ^ La miglior gara dei 100 metri mai corsa sul suolo italiano, RietiMeeting.com, 29 agosto 2010. URL consultato il 28 giugno 2011.
  12. ^ (EN) Meeting Areva 2011 - Results 200 m men, diamondleague-paris.com. URL consultato il 30 luglio 2011.
  13. ^ (EN) Meeting Herculis 2011 - Results 100 m men, diamondleague-monaco.com. URL consultato il 30 luglio 2011.
  14. ^ Il riscatto di Bolt: oro nei 200: "Sono sempre il migliore", Gazzetta.it, 3 settembre 2011. URL consultato il 3 settembre 2011.
  15. ^ Men's 200m
  16. ^ Giamaica, oro e record nella staffetta 4x100, Corriere dello Sport, 4 settembre 2011. URL consultato il 22 dicembre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]