Ginnastica artistica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ginnastica artistica
Ksenia Afanasyeva esegue un esercizio al corpo libero
Federazione Federazione Internazionale di Ginnastica
Contatto no
Genere Femminile, Maschile
Indoor/outdoor indoor
Olimpico dal 1896
Immagini di gare. In senso orario:
Jade Barbosa alla Mediterraneo Gym Cup 2008 a Roma;
Fabian Hambüchen ai Mondiali 2007;
Stefani Bismpikou alla Mediterraneo Gym Cup 2008;
Shawn Johnson ai Giochi Olimpici di Pechino.
La concentrazione di un'atleta

La ginnastica artistica è una disciplina della ginnastica e uno sport olimpico.

L'atleta di tale disciplina, il ginnasta, deve essere dotato di forza e velocità, elevata mobilità articolare, e deve seguire un allenamento molto lungo a causa dei numerosissimi elementi di coordinazione (alcuni dei quali controintuitivi, come i salti all'indietro). I principali elementi, come ad esempio la verticale, possono comunque essere appresi anche in età adulta.

Storia della ginnastica artistica[modifica | modifica wikitesto]

Le origini della ginnastica artistica sono molto antiche; si possono individuare in diverse culture, quali quella cinese, egizia e micenea.

Per quanto riguarda i Greci, la ginnastica fu prima praticata dai Dori. Si deve però precisare che gli antichi, per «ginnastica artistica» (corpo libero ed attrezzi), non intendevano quello che intendiamo noi oggi, bensì quegli esercizi fisici che corrispondono all'attuale atletica leggera, alla lotta, al pugilato. La ginnastica non incontrò eccessivo favore nell'età romana. I romani, che pure non disprezzavano gli esercizi fisici in funzione militare, non apprezzavano la ginnastica perché la ritenevano propria degli schiavi o degli stranieri e perché erano contrari a mostrarsi nudi in pubblico.

Solo dopo il Mille la cultura fisica riacquistò importanza.

Nel XIX secolo si giunse all'attuazione di una ginnastica razionale e scientifica, per opera soprattutto di F.L. Jahn, che inaugurò a Berlino la prima palestra pubblica all'aperto. Egli consigliò come basilari gli esercizi che preparano alla corsa e al salto; introdusse, inoltre, l'uso degli attrezzi. Nello stesso periodo lo svedese Pehr Henrik Ling ideò, in contrasto con l'attrezzistica di Jahn, un metodo ginnico creato per sviluppare progressivamente il corpo secondo le sue possibilità.
Adolf Spiess, in Germania, si dedicò allo sviluppo della ginnastica collettiva.
In seguito dalla fusione del metodo di Jahn e quello di Spiess nacque la moderna ginnastica artistica (sistema Jahn/Spiess).

In Italia nel 1807 Girolamo Bagatta introdusse la ginnastica nel suo istituto a Desenzano, frequentato dai giovani delle migliori famiglie lombarde e venete. Il maggior sviluppo di queste attività sportive si ebbe però in Piemonte, dove R. Obermann introdusse l'istruzione ginnica degli allievi dell'accademia militare.
Dal 1830 al 1860 nacquero in Italia parecchie associazioni ginniche, che federandosi nel 1869 a Venezia diedero origine alla Federazione Ginnastica d'Italia. Dodici anni dopo fu fondata la Federazione Internazionale di Ginnastica (Liegi 1881).

La Federazione Ginnastica d'Italia è la più anziana delle federazioni sportive d'Italia; ha lo scopo di promuovere, propagandare e disciplinare in Italia la ginnastica come attività sportiva rivolta all'educazione fisica e morale della gioventù e di curare la preparazione olimpica degli atleti tesserati.

Attrezzi[modifica | modifica wikitesto]

Volteggio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Volteggio.

Nel volteggio (in inglese "vault", abbreviato in VT) il o la ginnasta corre lungo il tumbling (la pista per effettuare la rincorsa e acquisire velocità) lungo 25 metri, salta su una pedana posizionata davanti alla tavola e dopo aver appoggiato le mani sull'attrezzo esegue il volteggio vero e proprio. Il punteggio si basa su diversi parametri. I ginnasti devono arrivare al suolo in modo pulito, senza salti o passi successivi all'atterraggio, ed entro una porzione definita del tappeto. Devono inoltre dimostrare una buona tecnica ed esecuzione del volteggio stesso. Cadute, passi, tecnica scadente ed elementi eseguiti in maniera non ottimale portano a sottrazione di punti come anche il mantenere troppo a lungo le mani sulla tavola o il tocco dei piedi sulla tavola .

Per poter vincere una medaglia in questa specialità, sono necessari due salti. Per poter competere nel concorso generale individuale o nella finale a squadre, uno solo.

Corpo libero[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Corpo libero.

Il corpo libero (in inglese "floor exercise", abbreviato in FX) maschile prevede una serie di esercizi privi di musica senza l'ausilio di strumenti specifici al di fuori del suolo, termine col quale si può alternativamente definire il corpo libero. Per il corpo libero si ricorre all'uso di una pedana quadrata, o "quadrato", ampia 12×12 metri, con un metro di "sicurezza" intorno. Il corpo libero femminile si svolge su una pedana in tutto simile a quella del corpo libero maschile. Tanto nell'Artistica quanto nella Ritmica è richiesto un accompagnamento musicale come difficoltà ulteriore di cui tenere in conto i tempi.

Attrezzi maschili[modifica | modifica wikitesto]

Gli attrezzi utilizzati solo dal settore maschile (GAM) sono quattro: il cavallo con maniglie, gli anelli, la sbarra e le parallele simmetriche.

Cavallo con maniglie[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cavallo con maniglie.

Il cavallo con maniglie (in inglese "pommel horse", abbreviato in PH) è alto da terra 105 cm ed è dotato di maniglie alte 15 cm montate parallelamente e nella parte superiore dell'attrezzo. Ogni atleta per effettuare un esercizio deve tenersi sull'attrezzo solo con le mani, infatti se un atleta in gara toccasse l'attrezzo con i piedi ci sarebbe una penalizzazione da parte dei giudici. I movimenti principali dell'attrezzo sono: la sforbiciata e il mulinello che consistono in rotazioni delle gambe e delle braccia in appoggio sulle diverse parti dell'attrezzo.

Anelli[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Anelli.

Gli anelli (in inglese "still rings", abbreviato in SR) hanno un esercizio che dura circa un minuto, durante il quale il ginnasta tiene posizioni statiche e compie passaggi dinamici, terminando con un salto detto uscita. L'attuale Codice dei Punteggi prevede che l'esercizio sia composto da 10 difficoltà, tra le quali devono esserci necessariamente movimenti di slancio, posizioni di forza, movimenti di slancio combinati a posizioni di forza, combinazioni tra 2 posizioni di forza, e deve terminare necessariamente con un'uscita.

Sbarra[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sbarra.

La sbarra (in inglese "high bar", abbreviato in HB) è un attrezzo simile alle parallele asimmetriche femminili, l'esercizio è eseguito dal ginnasta senza mai scendere dall'attrezzo. L'elemento principale che il ginnasta utilizza per eseguire i vari elementi è chiamato granvolta, un movimento circolare attorno alla sbarra che può essere eseguito di petto o di dorso. Durante la granvolta il ginnasta accumula energia cinetica e, sfruttando anche l'elasticità della sbarra, attua dei salti al di sopra o alla stessa altezza dell'attrezzo.

Parallele simmetriche[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Parallele simmetriche.

Le parallele simmetriche o pari (in inglese "parallel bars", abbreviato in PB) sono costituite da due staggi, composti da strati di diversa flessibilità in legno e solitamente dotati di anima metallica, regolabili a diverse altezze. Al ginnasta viene richiesta una serie di evoluzioni al loro interno, senza mai toccare il suolo con i piedi, ma sfruttando l'oscillazione sulle braccia, sulla base della quale si sviluppano passaggi in verticale fra staggi, salti, ed infine l'uscita dall'attrezzo.

Attrezzi femminili[modifica | modifica wikitesto]

Gli attrezzi utilizzati solo dal settore femminile (GAF) sono tre: le parallele asimmetriche, la trave e il volteggio.

Parallele asimmetriche[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Parallele asimmetriche.

Le parallele asimmetriche (in inglese "uneven bars", abbreviato in UB), o comunemente "parallele", sono un attrezzo che richiede soprattutto forza nelle braccia. Le ginnaste eseguono movimenti in gran velocità e i passaggi più spettacolari sono quelli caratterizzati dai grandi salti con ripresa dello stesso staggio oppure passando da uno staggio all'altro. L'esercizio inizia con un'entrata e termina con un'uscita, nella quale la ginnasta si stacca definitivamente dallo staggio ed atterra sul tappeto.

Le ginnaste sono solite utilizzare dei paracalli per garantire una migliore presa sugli staggi e per proteggere le mani da eventuali calli e vesciche. Le ginnaste bagnano gli staggi e i paracalli con dell'acqua e possono anche applicare della magnesia per impedire di scivolare. La magnesia può essere applicata anche sulle mani prive di paracalli.

Trave[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Trave di equilibrio.

La trave di equilibrio (in inglese "balance beam", abbreviato in BB), o comunemente "trave", è un attrezzo su cui l'atleta deve eseguire una routine composta da salti, elementi acrobatici, giri ed elementi artistici in massimo 70-90 secondi. Secondo il regolamento della Federazione Internazionale, la trave deve essere posta ad un'altezza di 125cm, deve essere lunga 500cm e larga 10cm. La coreografia deve essere innovativa e coinvolgente per ottenere un punteggio migliore

Metodo di competizione[modifica | modifica wikitesto]

Alle Olimpiadi e ai Mondiali la competizione è suddivisa in varie sessioni che si svolgono in giorni diversi: qualificazioni, finale a squadre, finale individuale e finali ad attrezzo.

  • Durante le qualificazioni (in inglese team qualifying, abbreviato in TQ), i ginnasti competono con la loro squadra nazionale su tutti e quattro (GAF)[1] o sei (GAM)[2] gli attrezzi. I punteggi ottenuti in questa sessione non comportano la vittoria di una medaglia, ma sono usati per determinare quali squadre possono partecipare alla finale a squadre (le prime 8) e i ginnasti che possono competere nella finale individuale (i primi 24) e ad attrezzo (i primi 8). Il metodo di gara è il 5-4-3: cinque ginnasti per squadra, quattro competono in ogni evento, tre punteggi vengono presi in considerazione.
  • Nella finale a squadre (in inglese "team final", abbreviato in TF), i ginnasti competono con la loro squadra nazionale su tutti e quattro (GAF)[2] o sei (GAM)[2] gli attrezzi. I punteggi ottenuti in questa sessione sono utilizzati per determinare quali delle 8 squadre partecipanti saliranno sul podio. Il metodo di gara è il 5-3-3: cinque ginnasti per squadra, tre competono in ogni evento, tutti e tre punteggi vengono presi in considerazione.
  • Nella finale individuale (in inglese "all-around final", abbreviato in AA), i ginnasti competono individualmente e competono in tutti e quattro (GAF)[1] o sei (GAM)[2] gli attrezzi. I risultati di tutti e quattro/sei gli attrezzi vengono sommati e i tre ginnasti col totale maggiore vincono una medaglia nel concorso generale individuale. Solo due ginnasti per nazione, a causa della regola "two-per-country" possono partecipare alla competizione.
  • Nelle finali ad attrezzo (in inglese "event finals", abbreviato in EF), o finale di specialità, competono i ginnasti che si sono qualificati con i primi otto punteggi in ogni attrezzo. Solo due ginnasti per nazione, a causa della regola "two-per-country" possono partecipare ad una finale ad attrezzo.

La regola "due-per-nazione" è presente alle Olimpiadi e ai Campionati Mondiali. Le altre competizioni non sono vincolate da questo regolamento e possono utilizzare altri metodi di gara. Ad esempio, ai Giochi Panamericani del 2007, il metodo di gara era il 6-5-4, permettendo a tre atleti di ogni paese di passare nella finale individuale.

Limiti di età[modifica | modifica wikitesto]

La FIG impone un limite minimo di età per i ginnasti che competono in campo internazionale. Con il termine categoria senior, ci si riferisce a qualsiasi ginnasta professionista con un'età ammissibile dalle norme della Federazione Internazionale. Con il termine categoria junior, ci si riferisce a qualsiasi ginnasta professionista che compete a livello internazionale con un'età inferiore a quella imposta dalla Federazione. Attualmente, nel 2012, le ginnaste devono avere almeno 16 anni o compiere 16 anni entro l'anno solare per essere classificate come "senior".

Solo i ginnasti della categoria senior possono competere ai Giochi Olimpici, ai Campionati Mondiali e alle Coppe del Mondo. Per poter competere alle Olimpiadi di Londra, ad esempio, una ginnasta deve essere nata prima del 1º gennaio 1997. Non vi è, invece, alcun limite di età massima. Inoltre, in alcune competizioni come i Goodwill Games, i Giochi Panamericani e i Pacific Rim, atleti della categoria senior e junior competono insieme.

L'età minima richiesta dalla Federazione è senza dubbio una delle regole più controverse della ginnastica artistica, ed è spesso stata dibattuta da allenatori, ginnasti e addetti a questo sport. Un altro argomento molto discusso è quello che riguarda la falsificazione dell'età. Dal momento che questa regola è stata adottata nel 1980, ci sono stati casi documentati o sospetti di junior con documenti falsificati per poter competere come senior. Il limite di età è applicato sia nella Ginnastica Maschile che in quella Femminile, ma è molto più controversa in quella Femminile: la maggior parte dei ginnasti raggiungono un buon livello fisico nella tarda adolescenza o attorno ai vent'anni; le ginnaste sono in grado di competere a livello internazionale già nel periodo adolescenziale.

Punteggi e Codice dei Punteggi[modifica | modifica wikitesto]

I punteggi vengono stabiliti dal Codice dei Punteggi (CdP). Questo sistema è stato radicalmente rivisto nel 2006: in base al nuovo codice, i punti vengono "divisi" in due parti, in modo da valutare i diversi aspetti della prestazione.

  • D-Score: è dato dalle difficoltà eseguite, dai collegamenti tra gli elementi, dall'esecuzione delle esigenze specifiche che ogni attrezzo ha e che comprendono anche il valore dell’uscita. Le difficoltà vengono classificate in lettere: A, B, C, D, E, F, G, H (quest'ultima lettera è stata aggiunta nel nuovo codice valido per il quadriennio 2013-2016).
  • E-Score: se nell'esercizio ci sono almeno 7 elementi, parte da 10 punti; va a scalare a seconda della qualità dell'esecuzione dell’esercizio.

Il cambiamento più evidente è stato quello dell'interrompere la possibilità di ottenere un "10 perfetto" in gara. Prima del 2006, ad ogni esercizio veniva assegnato un valore di partenza (in inglese "Start Value", abbreviato in SV). Un esercizio poteva valere al massimo 10: una routine con tutti gli elementi necessari aveva automaticamente un valore di partenza base (9,4 nel 1996; 9,0 nel 1997; 8,8 nel 2001). Per poter aumentare il valore fino a 10, il ginnasta doveva eseguire combinazioni più complesse.

Molti ginnasti, tra cui Nadia Comăneci, Mary Lou Retton, Kurt Thomas, Igor Cassina, Elisabetta Preziosa e Vanessa Ferrari hanno contribuito, con degli elementi da loro creati, a riempire la Tavola degli Elementi del Codice, utile per definire la difficoltà di un esercizio.

Sanzioni, ammonizioni ed espulsioni[modifica | modifica wikitesto]

Anche nella ginnastica artistica il regolamento prevede ammonizioni ed espulsioni. Gli allenatori che violano le regole previste dal Codice dei punteggi possono essere ammoniti e poi espulsi.

Tra le regole vi sono:

  • Divieto di parlare o fare segnali ai ginnasti, urlare o incitare durante l'esercizio;
  • Divieto di cambiare l'altezza degli attrezzi e di aggiungere, modificare o rimuovere molle della pedana;
  • Divieto di ritardare la competizione e di ostruire la visuale ai giudici;
  • Divieto di discutere con giudici attivi o con persone esterne al campo gara (con eccezione del medico della squadra e del capo delegazione) durante la competizione;
  • Divieto di attuare comportamenti indisciplinati o offensivi

Competizioni[modifica | modifica wikitesto]

Internazionali[modifica | modifica wikitesto]

  • Giochi Olimpici: la ginnastica artistica è uno degli eventi più popolari delle Olimpiadi Estive che si svolgono ogni quattro anni. Le prime otto squadre classificate nel concorso maschile e femminile dei Campionati Mondiali si qualificano direttamente ai Giochi. Quelle classificate tra il nono e il sedicesimo posto partecipano al Test Event pre olimpico che qualifica altre quattro squadre. I vincitori di medaglie individuali si qualificano direttamente.
  • Campionati Mondiali: possono competere in questa gara tutte le squadre facente parti della Federazione Internazionale. Si sono svolti a cadenza irregolare (attualmente annuale) a partire dal 1903 con metodi di gara differenti: finali a squadre/concorso individuale/finali ad attrezzo o concorso individuale/finali ad attrezzo o solo finali ad attrezzo.
  • Coppa del Mondo: i ginnasti vengono invitati in base ai loro risultati Olimpici e Mondiali e i vincitori vengono premiati con un compenso in denaro.
  • Trofeo Città di Jesolo: nato nel 2008 come "Grand Prix Città di Jesolo", è la più importante gara amichevole internazionale di ginnastica artistica femminile.

Regionali[modifica | modifica wikitesto]

  • Giochi Panafricani. La ginnastica artistica è uno degli eventi presenti in questa manifestazione multisportiva che si disputa ogni quattro anni a livello continentale africano.
  • Giochi Asiatici. La ginnastica artistica è uno degli eventi presenti in questo evento sportivo quadriennale che prevede la competizione tra i migliori atleti del continente asiatico.
  • Campionati Europei. Un campionato di sola ginnastica artistica che si tiene ogni anno a livello continentale europeo.
  • Giochi Panamericani. Dopo quelli Olimpici, è la maggiore manifestazione sportiva multi-disciplinare in termini di nazioni partecipanti: organizzati ogni quattro anni, nell'anno precedente quello delle Olimpiadi, vedono in competizione atleti dei paesi del continente americano.
  • Giochi Sudamericani. La ginnastica artistica è uno degli eventi presenti in questa manifestazione multisportiva che si disputa ogni quattro anni a livello sudamericano.

Nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Molte nazioni hanno una competizione a livello nazionale (i "Campionati Nazionali") che si svolge ogni anno, e che determina i migliori ginnasti nella categoria individuale e nei quattro (GAF) o sei (GAM) attrezzi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ginnastica artistica femminile
  2. ^ a b c d Ginnastica artistica maschile

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

sport Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport