Siim Kallas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Siim Kallas
Siim Kallas 7.JPG

Commissario europeo per i Trasporti
In carica
Inizio mandato 9 febbraio 2010
Presidente José Manuel Barroso
Predecessore Antonio Tajani

Commissario europeo per gli Affari Amministrativi, gli Audit e la Lotta Antifrode
Durata mandato 22 novembre 2004 –
9 febbraio 2010
Presidente José Manuel Barroso
Predecessore Neil Kinnock(Riforma amministrativa)
Successore Maroš Šefčovič (Relazioni interistituzionali e amministrazione)
Algirdas Šemeta (Fiscalità e Unione doganale, Audit e Lotta antifrode)

Commissario europeo per gli Affari Economici e Monetari
(assieme a Joaquin Almunia)
Durata mandato 1 maggio 2004 –
22 novembre 2004
Presidente Romano Prodi
Predecessore Joaquin Almunia
Successore Joaquin Almunia

Primi ministro dell'Estonia
Durata mandato 28 gennaio 2002 –
10 aprile 2003
Presidente Arnold Rüütel
Predecessore Mart Laar
Successore Juhan Parts

Dati generali
Partito politico Partito Riformista Estone

Siim Kallas (Tallinn, 2 ottobre 1948) è un politico estone. Già Primo ministro dell'Estonia, dal febbraio 2010 riveste la carica di Commissario europeo per i Trasporti all'interno della Commissione Barroso II. È membro del Partito Riformista Estone.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Laureato cum laude in economia presso l'Università di Tartu nel 1972, sul finire degli anni ottanta è stato uno dei primi economisti estoni ad introdurre il concetto di indipendenza economica.

Nominato Presidente della Banca d'Estonia nel 1991, è stato uno dei principali architetti della riforma monetaria estone che portò nel 1992 all'adozione della corona, legata al marco tedesco sui mercati valutari, come nuova divisa nazionale.

Gli interessi principali di Kallas sono la letteratura, il teatro, la musica e la storia; è un attivo ciclista e tennista.

La carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Ministro degli Esteri (1995-1999) e delle Finanze (1999-2002)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1994 Kallas ha fondato il Partito Riformista Estone (Eesti Reformierakond), e ne è stato eletto presidente; il partito, di ispirazione liberaldemocratica, è membro dell'Internazionale Liberale.

Nel 1995 Kallas è stato eletto al Riigikogu (il Parlamento estone) ed ha assunto la carica di ministro degli Esteri, nel periodo in cui l'Estonia apriva i negoziati per l'accesso all'Unione Europea. Nel 1999, rieletto membro del Parlamento, ha assunto la carica di ministro delle Finanze, che avrebbe ricoperto per tre anni; anche in questo ruolo ha dato forti contributi alle negoziazioni per l'accesso dell'Estonia alla UE.

Primo ministro (2002-2003)[modifica | modifica sorgente]

Dal 2002 al 2003 Kallas è stato Primo Ministro.

Commissario europeo (dal 2004)[modifica | modifica sorgente]

Nel maggio 2004, contestualmente all'ingresso dell'Estonia nell'Unione, Kallas ha ottenuto un incarico nella Commissione Prodi come Commissario europeo agli Affari Economici e Monetari; ha condiviso l'incarico con lo spagnolo Joaquín Almunia Amann. Dal 23 novembre 2004, data d'insediamento della Commissione Barroso I, al 9 febbraio 2010 Kallas è stato Commissario europeo per gli Affari Amministrativi, gli Audit e la Lotta Antifrode. Attualmente è Commissario europeo per i Trasporti all'interno della Commissione Barroso II, entrata in carica il 10 febbraio 2010.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze estoni[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di II Classe dell'Ordine dello Stemma Nazionale - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di II Classe dell'Ordine dello Stemma Nazionale

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
Croce al Merito al nastro dell'Ordine al Merito di Germania (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Croce al Merito al nastro dell'Ordine al Merito di Germania (Germania)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Primi ministri dell'Estonia Successore Flag of Estonia.svg
Mart Laar 28 gennaio 2002 - 10 aprile 2003 Juhan Parts
Predecessore Commissario europeo
per gli Affari Economici e Monetari
Successore Flag of Europe.svg
Joaquin Almunia 1º maggio 2004 - 21 novembre 2004 (con Joaquin Almunia) Joaquín Almunia
Predecessore Commissario europeo per gli Affari Amministrativi, gli Audit e la Lotta Antifrode Successore Flag of Europe.svg
Neil Kinnock 22 novembre 2004 - 9 febbraio 2010 Algirdas Šemeta (Audit e Lotta antifrode)
e
Maroš Šefčovič (Affari Amministrativi)
Predecessore Commissario europeo
per i Trasporti
Successore Flag of Europe.svg
Antonio Tajani 10 febbraio 2010 - in carica -
Predecessore Commissario europeo
dell'Estonia
Successore Flag of Estonia.svg
- 1º maggio 2004 - in carica -

Controllo di autorità VIAF: 62632376