Michel Barnier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Membro delle istituzioni europee}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Michel Barnier
Barnier, Michel-9568.jpg

Commissario europeo per il Mercato Interno ed i Servizi
In carica
Inizio mandato 9 febbraio 2010
Presidente José Manuel Barroso
Predecessore Charlie McCreevy

Commissario europeo per l'Industria e l'Imprenditoria
ad interim
Durata mandato 1º luglio 2014 –
17 luglio 2014
Presidente José Manuel Barroso
Predecessore Antonio Tajani
Successore Ferdinando Nelli Feroci

Commissario europeo per le Politiche Regionali
Durata mandato 13 settembre 1999 –
31 marzo 2004
Presidente Romano Prodi
Predecessore Monika Wulf-Mathies
Successore Jacques Barrot

Michel Barnier (La Tronche, 9 gennaio 1951) è un politico francese.

Entra a 14 anni nel movimento giovanile aderente al Raggruppamento per la Repubblica. Dopo essersi laureato alla prestigiosa ESCP Europe di Parigi nel 1972, si dedica esclusivamente alla politica.

Mandati nazionali e locali[modifica | modifica wikitesto]

Eletto deputato all'Assemblée Nationale nel 1978, 1981, 1986, 1988 e 1993. Eletto senatore nel 1995, si dimette per l'incompatibilità tra mandato parlamentare e di governo. Senatore dal 1997 al 1999.

Presidente del consiglio generale della Savoia dal 1982 al 1999.

Incarichi di governo ed europei[modifica | modifica wikitesto]

Ministro dell'Ambiente nel governo di Edouard Balladur (1993-1995). Ministro delegato per gli Affari Europei nel governo di Alain Juppé (1995-1997).

Dal 1999 al 2004 è membro della Commissione europea, con l'incarico della politica regionale e della riforma delle istituzioni. Dei due membri francesi, è quello nominato dal presidente della Repubblica Jacques Chirac, essendo il secondo membro Pascal Lamy espressione del primo ministro socialista Lionel Jospin.

Nella primavera 2002 aderisce all'Unione per un Movimento Popolare (UMP)

Ministro degli Affari Esteri nel terzo governo di Jean-Pierre Raffarin (31 marzo 2004 - 31 maggio 2005).

Consigliere e poi ministro di Nicolas Sarkozy[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 maggio 2005 è escluso dal governo di Dominique de Villepin, probabilmente perché ritenuto uno dei responsabili della disfatta al referendum sulla Costituzione Europea del 29 maggio 2005, che ha visto una netta prevalenza del voto contrario.

Consigliere di Stato dal 15 settembre 2005. Dal 2006 è uno dei consiglieri più ascoltati del candidato alla presidenza della Repubblica Nicolas Sarkozy, eletto presidente il 6 maggio 2007. Non fa parte del governo di François Fillon insediatosi il 18 maggio di quell'anno, ma all'indomani delle elezioni legislative del 17 giugno 2007, in occasione di un rimpasto, è nominato Ministro dell'Agricoltura.

Candidato dell'UMP alle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo del 4 giugno 2009, è eletto e, di conseguenza, il 24 giugno lascia l'incarico ministeriale per incompatibilità con il mandato parlamentare.

Commissario europeo[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 novembre 2009 è designato dal governo di François Fillon come commissario europeo. Il presidente della Commissione José Manuel Barroso gli ha affidato il portafoglio del Mercato interno e dei Servizi finanziari. Il suo mandato ha avuto inizio il 10 febbraio 2010. Dopo l'elezione di Antonio Tajani al Parlamento europeo, dal 1° al 17 luglio 2014 ha assunto ad interim anche l'incarico di Commissario europeo per l'Industria e l'Imprenditoria.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze francesi[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Gran Croce dell'Ordine al Merito di Germania (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine al Merito di Germania (Germania)
— 2010

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Commissario europeo
per le Politiche Regionali
Successore Flag of Europe.svg
Monika Wulf-Mathies 13 settembre 1999- 31 marzo 2004 Jacques Barrot
Predecessore Commissario europeo
per il Mercato Interno ed i Servizi
Successore Flag of Europe.svg
Charlie McCreevy 9 febbraio 2010- in carica -
Predecessore Commissario europeo
per l'Industria e l'Imprenditoria
Successore Flag of Europe.svg
Antonio Tajani 1° - 17 luglio 2014
ad interim
Ferdinando Nelli Feroci
Predecessore Commissario europeo
della Francia
Successore Flag of France.svg
Yves-Thibault de Silguy
(Édith Cresson)
1999-2004
con Pascal Lamy fino ad aprile 2004, poi con Jacques Barrot
Jacques Barrot I
Jacques Barrot 2010-in carica - II

Controllo di autorità VIAF: 225404505 LCCN: n82044273