Danuta Hübner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Danuta Hübner
Hubner Danuta.jpg

Commissario europeo per le Politiche Regionali
Durata mandato 22 novembre 2004 –
3 luglio 2009
Presidente José Manuel Barroso
Predecessore Jacques Barrot con Péter Balázs
Successore Paweł Samecki

Commissario europeo per il Commercio
(assieme a Pascal Lamy)
Durata mandato 1 maggio 2004 –
22 novembre 2004
Presidente Romano Prodi
Predecessore Pascal Lamy
Successore Peter Mandelson

Dati generali
Partito politico Piattaforma Civica

Danuta Hübner (Nisko, 8 aprile 1948) è un'economista e politica polacca.

Docente alla Warsaw School of Economics, è stata membro dal 1970 al 1987 del Partito polacco dei lavoratori, vicino al regime comunista.

Nel 1994 è diventata sottosegretario all'Industria.

Nel 2003 è diventata ministro per gli Affari Europei.

Nel 2004, anno in cui la Polonia aderisce all'Unione Europea, diviene commissario europeo per il Commercio, affiancando il francese Pascal Lamy all'interno della Commissione Prodi. In seguito, entra nella Commissione Barroso come Commissario alle politiche regionali, incarico che ricopre fino al 2009.

È membro del Gruppo Spinelli per il rilancio dell'integrazione europea.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze polacche[modifica | modifica sorgente]

Croce di Cavaliere dell'Ordine della Polonia Restituta - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Cavaliere dell'Ordine della Polonia Restituta

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Grand'Ufficiale dell'Ordine al Merito (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine al Merito (Portogallo)
— 2 settembre 1997

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Commissario europeo
per il Commercio
Successore Flag of Europe.svg
Pascal Lamy 1 maggio 2004-22 novembre 2004 (con Pascal Lamy) Peter Mandelson
Predecessore Commissario europeo
per le Politiche Regionali
Successore Flag of Europe.svg
Jacques Barrot con Péter Balázs 22 novembre 2004-3 luglio 2009 Paweł Samecki
Predecessore Commissario europeo
della Polonia
Successore Flag of Poland.svg
- 1 maggio 2004-2009 Paweł Samecki

Controllo di autorità VIAF: 101726052 LCCN: n81055873