Frits Bolkestein

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Frederik Bolkestein
Debat olieboycot Zuid Afrika, VVD-er Bolkenstein - NL-HaNA Anefo 930-8990 WM365.jpg

Commissario europeo per il mercato interno, la tassazione e l'unione doganale
Durata mandato 16 settembre 1999 –
22 novembre 2004
Presidente Romano Prodi
Predecessore Mario Monti
Successore László Kovács (Fiscalità e unione doganale) Charlie McCreevy (Mercato interno e servizi)

Frederik "Frits" Bolkestein (Amsterdam, 4 aprile 1933) è un economista e politico olandese.

Leader del partito liberale olandese VVD, partner dei socialdemocratici nel governo di centro-sinistra di Wim Kok, Ministro del Commercio Estero dell'Olanda dal 1982 al 1986, dal 1986 al 1988 "Chairman" della Commissione Atlantica in Olanda e nel 1988-89 Ministro della Difesa.

È stato Commissario Europeo per il Mercato Interno, la Tassazione e l'Unione Doganale nella commissione Prodi.

Manifestanti contro la Direttiva Bolkestein

Ha partecipato al 52º incontro del gruppo Bilderberg, che ha avuto luogo a Stresa nel giugno 2004. In precedenza aveva partecipato anche a quello di Toronto nel 1996.

È stato revisore della seconda più grande industria farmaceutica del mondo, la Merck, Sharp & Dohme. È stato presidente dell’Internazionale liberale, membro della Mont Pelerin Society. Ha lavorato per 16 anni alla Royal Dutch Shell prima di diventare General director della Chemical Shell.

Prende il suo nome la direttiva sulla libera circolazione dei servizi in seno all’Unione Europea.

Nonostante la sua carriera nelle istituzioni europee, recentemente ha avanzato severe critiche nei confronti della gestione dell'euro e dell'eurozona[1], affermando che "L'unione monetaria ha fallito"[2][3].

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze olandesi[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi
— 26 agosto 1986
Commendatore dell'Ordine di Orange-Nassau - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine di Orange-Nassau
— 20 novembre 1989
Commendatore dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi
— 18 ottobre 2004

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Gran Croce dell'Ordine al Merito di Germania (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine al Merito di Germania (Germania)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.theinternationalcorrespondent.org/euro-critic-frits-bolkestein/
  2. ^ Originale lettera inviata al quotidiano olandese Volkskrant [1], tradotta in italiano qui [2]
  3. ^ http://www.ilgiornale.it/news/economia/ue-bolkestein-certifica-flop-lunione-monetaria-fallita-1010730.html

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Commissario europeo per il mercato interno, la tassazione e l'unione doganale Successore Flag of Europe.svg
Mario Monti 16 settembre 1999-22 novembre 2004 László Kovács (Fiscalità e unione doganale) Charlie McCreevy (Mercato interno e servizi)
Predecessore Commissario europeo
dei Paesi Bassi
Successore Flag of the Netherlands.svg
Hans van den Broek 16 settembre 1999- 22 novembre 2004 Neelie Kroes

Controllo di autorità VIAF: 79163795 LCCN: n78070302