Anna Diamantopoulou

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anna Diamantopoulou
Anna Diamantopoulou2.jpg

Commissario europeo per l'Occupazione e gli Affari Sociali
Durata mandato 25 settembre 1999 –
10 marzo 2004
Presidente Romano Prodi
Predecessore Pádraig Flynn
Successore Stavros Dimas

Anna Diamantopoulou (in lingua greca Άννα Διαμαντοπούλου) (Kozani, 1959) è una politica greca, esponente del PASOK. È stata ministro e commissario europeo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Diamantopoulou si laureò in ingegneria civile presso l'università di Salonicco nel 1981, e lavorò come ingegnere fino al 1985[1]. All'età di 25 anni Diamantopoulou divenne prefetto di Kastoria, fu la più giovane persona a ricoprire l'incarico fino ad allora[1][2]. Tra il 1989 e il 1993 lavorò come direttore di una società di consulenza per lo sviluppo regionale, e tra il 1991 e il 1993 svolse un master in sviluppo regionale alla Panteion University di Atene[3]. Nel 1993 fu nominata presidente dell'Organizzazione greca delle piccole e medie imprese EOMMEX[2].

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Nel 1990 Diamantopoulou divenne membro del comitato centrale del PASOK[1]. Nel 1996 fu eletta membro del Parlamento in rappresentanza del collegio di Kozani[2]. Fu nominata vice ministro dello sviluppo, incaricata di occuparsi delle privatizzazioni e delle ristrutturazioni aziendali[2]. Svolse l'incarico fino al settembre 1999, quando entrò in carica come commissario europeo della Grecia nell'ambito della Commissione Prodi.

Commissario europeo, 1999-2004[modifica | modifica sorgente]

A Diamantopoulou fu assegnato il portafoglio dell'occupazione e degli affari sociali[2]. Come commissario Diamantopulou promosse l'adozione dell'agenda per la politica sociale, iniziative per le pari opportunità tra uomini e donne, per il miglioramento delle condizioni di lavoro e per il contrasto all'esclusione sociale[2]. Promosse la strategia europea per l'occupazione, la politica europea contro la povertà, il libro bianco sulla responsabilità sociale d'impresa, il completamento della tessera europea di assicurazione malattia e l'avvio del coordinamento per la riforma dei sistemi previdenziali nazionali[2].

Dopo essere stata eletta membro del Parlamento greco il 7 marzo 2004, il 10 marzo Diamantopoulou si dimise dalla Commissione europea[4]. Le subentrò Stavros Dimas.

Ministro, 2009-2012[modifica | modifica sorgente]

Diamantopoulou fu rieletta membro del Parlamento nel 2007 e nel 2009[2]. Tra il 2005 e il 2008 fece parte del comitato politico del PASOK[1]. Tra il 2007 e il 2009 Diamantopoulou fu ministro ombra dell'istruzione, poi nell'ottobre 2009 fu nominata ministro dell'istruzione, della formazione permanente e degli affari religiosi nell'ambito dei governi guidati da George Papandreou e Lucas Papademos[2]. Nel marzo 2012 fu nominata ministro dello sviluppo, della competitività e della marina; svolse l'incarico fino alle elezioni del maggio 2012[2].

Vita personale[modifica | modifica sorgente]

Diamantopoulou è sposata e ha un figlio[2].

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
— [2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (EN) CV di Anna Diamantopoulou, Parlamento greco. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l (EN) CV di Anna Diamantopoulou, Sito personale di Anna Diamantopoulou. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  3. ^ CV di Anna Diamantopoulou, Commissione europea. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  4. ^ (EN) Greek commissioner resigns, EU Observer, 10 marzo 2004. URL consultato il 27 ottobre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Commissario europeo
per l'Occupazione e gli Affari Sociali
Successore Flag of Europe.svg
Pádraig Flynn 25 settembre 1999 - 10 marzo 2004 Stavros Dimas
Predecessore Commissario europeo della Grecia Successore Flag of Greece.svg
Christos Papoutsis 25 settembre 1999 - 10 marzo 2004 Stavros Dimas

Controllo di autorità VIAF: 102653693 LCCN: n2008000426