Pozzanghera (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pozzanghera è un personaggio della saga di sette libri de 'Le cronache di Narnia' scritta da C. S. Lewis. Vi compare per la prima volta nel 6° libro 'La sedia d'argento'.


Egli è un paludrone, caratterizzato da una faccia magra, labbra sottili, naso aquilino, lunghi capelli di un colore particolare misto tra il grigio e il verde e un carattere davvero particolare.
È la guida scelta dal Parlamento dei Gufi del regno di Narnia per accompagnare Eustachio e Jill nella loro missione nelle terre selvagge del nord, alla disperata ricerca del principe Rilian. Con loro vivrà una faticosa avventura che si concluderà con il compimento della straordinaria impresa di ricerca e salvataggio delle'erede al trono del meraviglioso regno di Narnia.
Non vanta alcuna qualità e ha un carattere propriamente pessimistico, anche se tutte le sue predizioni simili a quelle del proverbiale 'uccello del malaugurio' vengano sempre e puntualmente smentite. Egli, però, rimane assai strano e burbero, come si denota da queste poche citazioni:


« ...naturalmente non chiuderete occhio, stanotte, a prescindere dal fatto che ci sia o no il temporale, che la piena ci inondi e la capanna ci cada in testa, seppellendoci tutti...non dormirete comunque. »
(Pozzanghera dopo aver accolto per la notte Jill e Eustachio nella sua capanna.)