Narnia (mondo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Narnia
Tipo Mondo
Saga Le cronache di Narnia
Ideatore Clive Staples Lewis
Appare in Tutta la saga
Illustrazione Pauline Baynes
Caratteristiche immaginarie
Governo monarchia
Capo Aslan, Peter, Susan, Edmund, Lucy, Caspian
Fondatore Aslan
Capitale Anvard
Abitanti narniani
Razze creature mitologiche e fantastiche

Narnia è un mondo immaginario e fantastico creato da Clive Staples Lewis dove è ambientata la serie fantasy Le cronache di Narnia.
Esso, come viene descritto nel primo libro della saga lunga sette volumi delle Cronache di Narnia, viene creato dal grande leone Aslan, re di Narnia. Il leone, infatti, aveva creato Narnia con il suo canto, dal buio aveva fatto sorgere il sole, alzato colline, monti e piantato alberi, fatto nascere una rigogliosa vegetazione e dato vita a meravigliosi animali parlanti ed intelligenti.

« ... Narnia, la felice terra con le montagne coperte d'erica e le colline coperte di timo. Narnia dai molti fiumi e le splendide valli, con le caverne muschiose e fitte foreste che risuonano del lavoro dei nani. Com'è dolce l'aria! Una sola ora trascorsa laggiù vale più di mille giorni passati in qualsiasi altro luogo... »
(Bri il cavallo)

Geografia[modifica | modifica sorgente]

La terra di Narnia è la parte centrale delle regioni fantastiche create da C.S.Lewis.
Ostacolata dai massicci della terra di Archen, a Sud (il monte Pire è il più alto) con capitale Anvard, dominata anticamente dalla stirpe di re Luni, padre di Shasta e Corin ("Il cavallo e il ragazzo") e a nord dalle cime dei Giganti, dove Eustachio e Jill vissero fantastiche avventure ("La sedia d'argento"), Narnia è una regione quasi interamente coperta da boschi.
Dalla Landa della Lanterna all'oceano orientale, comprese le isole ivi presenti, quali Therabinthia o Telmar, tutto appartiene a questa terra di fantasia. Sappiamo inoltre, dal discorso di Aslan all'incoronazione dei fratelli Pevensie, che a est troviamo "mari sfavillanti", e a ovest un "grande bosco". Cair Paravel, il palazzo reale nell'Età d'Oro, sorge su un'altura che dà sul mare. Il dominio di re Caspian si estende sino alle Isole Solitarie, quali Doorn, Felimath e Avra. Oltre di esse vi sono luoghi inesplorati e circondati da leggende, almeno sino agli eventi narrati nel quinto capitolo della saga.

Origine del nome[modifica | modifica sorgente]

Narnia è l'antico nome - fin dal 299 a.C. - della città di Narni in Umbria.

Lo scrittore Walter Hooper, che fu tra l'altro segretario e biografo di C.S. Lewis, autore de Le cronache di Narnia, ha anche trattato diverse volte nei suoi libri le origini del nome "Narnia" come si nota ad esempio a pagina 306 del suo libro scritto a quattro mani con Roger Lancelyn Green: C.S. Lewis: A Biography, pubblicato nel 2002. Di seguito un estratto che riporta quanto detto da Lewis a Hooper:

« Quando Walter Hooper chiese a C.S. Lewis dove aveva trovato la parola Narnia, Lewis gli mostrò il suo atlante Murray's Small Classical Atlas, ed. G.B. Grundy (1904), che aveva comprato quando stava leggendo i classici con il suo istitutore Kirkpatrick presso Great Bookham [1914-1917]. A pagina 8 di questo atlante c'è una mappa dell'Italia con le iscrizioni in lingua latina. Lewis aveva sottolineato il nome di una piccola città chiamata Narnia, semplicemente perché amava il suono di questa parola. Narnia - o "Narni" in italiano - si trova in Umbria, a metà strada tra Roma ed Assisi. »

Popoli[modifica | modifica sorgente]

  • Fauni: sono esseri buoni e festosi. Il loro aspetto è dalle forme umane, ma con i piedi di antilope e con le corna di capra.
  • Centauri: sono esseri buoni. Il loro aspetto è metà umano e metà cavallo (busto umano e corpo di cavallo).
  • Minotauri: il loro aspetto è metà uomo e metà toro (corpo di uomo e testa di toro).
  • Animali parlanti: moltitudine di animali in grado di parlare; hanno ruoli molto importanti nei libri e sono una delle razze più antiche di Narnia.
  • Alberi: sono piante che ricordano uomini e donne: uomini-quercia, donne-salici, olmi snelli, tenere betulle... Sono molto fedeli ad Aslan.
  • Nani: sono esseri simili all'uomo ma di piccola taglia. Non credono alle leggende e vogliono sempre giustizia (quindi vendetta).
  • Divinità: dei e dee che governano la natura. Dimorano nelle foreste e non amano intromettersi nelle faccende altrui.
  • Satiri: sono esseri umani barbuti con corna, coda e zampe di capra. Giocano con i fauni e le ninfe.
  • Naiadi: sono ninfe che presiedono nelle fonti d'acqua; figlie del dio del Fiume, sono belle e generose.
  • Driadi: sono ninfe che vivono nei boschi. Graziose e dolci, amano gli alberi e danzare.
  • Giganti: sono creature simili ad un uomo ma di enormi dimensioni. Vivono nelle Terre selvagge del Nord, in castelli impenetrabili.
  • Gnomi: piccole creature che abitano la terra di Bism, dove lavorano le gemme preziose.
  • Streghe: donne infide e sapienti di magia. Desiderano conquistare Narnia.
  • Draghi: mostri alati che sputano fuoco; gelosi ed avidi di tesori.
  • Lupi mannari: creature che si trasformano in lupi ogni notte. Servono il male.
  • Megere: donne vecchie ma crudeli. Abili nella magia e nel combattimento.
  • Orchi: guerrieri brutali con denti mostruosi. Molto maligni.
  • Spiriti: venuti dal mondo dei morti, sognano di poter rivivere. Certi si divertono a spaventare la gente.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]