Sacrificio umano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Analisi di laboratorio di una delle "mummie di Llullaillaco", bambini incas sacrificati sulla cima del vulcano Llullaillaco, nella provincia di Salta (Argentina).

Nelle culture antiche si parlava di sacrificio umano quando ad una divinità venivano immolati degli uomini per propiziarsene i favori.

I popoli che più avevano sacrificato uomini per queste cause sono gli Aztechi, i Maya, ma anche i popoli della penisola arabica preislamica. Si hanno poi notizie di tali pratiche presso Cartagine e a Roma (fino all'epoca repubblicana). In genere la pratica era diffusa presso la maggior parte dei popoli antichi conosciuti.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Approfondimenti
  • Marvin Harris, Cannibali e re. Le origini delle culture, Feltrinelli, 1977
  • Angelo Brelich, Presupposti del sacrificio umano, 2006, Editori Riuniti University Press

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]