Eustachio Scrubb

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eustachio Scrubb
Universo Le cronache di Narnia
Lingua orig. Inglese
Autore C. S. Lewis
1ª app. in Il viaggio del veliero
Ultima app. in L'ultima battaglia
Specie umano
Sesso Maschio
Parenti

Eustachio Clarence Scrubb è un personaggio della saga di sette libri de Le cronache di Narnia scritta da C. S. Lewis. Egli è ritratto nel 5º libro Il viaggio del veliero, nel 6º libro La sedia d'argento e nel 7º libro L'ultima battaglia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

« ...C'era una volta un ragazzo che si chiamava Eustachio Clarence Scrubb e se lo meritava. »

Eustachio è il giovane cugino odioso ed insopportabile dei quattro fratelli Peter, Susan (anna), Edmund e Lucy Pevensie. Con loro non era mai stato in buoni rapporti a causa della sua indole scontrosa, arrogante, burbera, irritante e disonesta.

Tutto cambia per lui quando i suoi due cugini minori Edmund e Lucy sono costretti ad essere ospitati in casa sua per le vacanze. Un giorno, in una stanza isolata della casa dove i due Pevensie si erano rifugiati, lui insieme a loro vengono catapultati a bordo di un veliero in mezzo al mare.

I due fratelli capiscono di essere tornati nel mondo di Narnia per un'altra avventura, ma Eustachio ci mette parecchio tempo a convincersi e ad accettare la sua situazione, che come spiegatogli, non sarebbe cambiata se non per ordine del leone Aslan, lo stesso che di certo li aveva inviati in quel luogo.

I tre scoprono di trovarsi sul Veliero dell'Alba, dove a bordo c'era al comando una vecchia e cara conoscenza dei Pevensie: il giovane principe Caspian. Insieme vivono un viaggio incredibile ed insidioso alla ricerca dei Sette Lord Scomparsi da Narnia, inviati all'esplorazione dell'Oceano Orientale e delle Isole Solitarie dallo zio di Caspian, molti anni prima.

Questo viaggio, condotto e vissuto secondo le regole del nuovo mondo, rende l'insopportabile, disonesto, codardo e arrogante Eustachio una persona nuova e migliore, più responsabile e corretta, più sensibile agli altri, altruista e coraggioso.

Queste particolari qualità, poi, lo rendono l'eroe scaltro ed intelligente che sfida la prossima avventura. Affiancato dalla giovane compagna di scuola Jill Pole e dal paludrone Pozzanghera, alla ricerca del principe Rilian scomparso da Narnia da dieci anni, attraversa le Paludi, la Brughiera di Ettins, sfugge dalle grinfie dei Giganti nella fortezza di Harfang e giunge fino nel Mondodisotto, assai vicino al nucleo della terra, luogo dove il principe viveva in una seconda personalità obbligato da un incantesimo spezzato distruggendo la Sedia d'Argento.

Con maggior esperienza, poi, si offre come soldato assieme a Jill, in una nuova lotta contro il male, prima liberando e poi affiancando il re Tirian, sovrano di Narnia che combatte per la libertà del suo regno e del suo popolo contro i Calormeniani e la falsa credenza che il vendicativo e crudele dio Tash sia il leone benevolo Aslan.

Il Ruolo nella Saga[modifica | modifica wikitesto]

Secondo lo Schema di Propp, riguardo alla struttura e alla logica delle favole e delle fiabe, Eustachio ricopre lo stesso ruolo ne Il viaggio del veliero e La sedia d'argento, mentre ne L'ultima battaglia assume un ruolo sempre importante, ma secondario.

  • Ne Il viaggio del veliero: Eustachio è l’aiutante di Edmund, Lucy e Caspian a bordo del Veliero dell’Alba. È estremamente petulante e odioso. Anche se è costretto da forze maggiori a vivere il viaggio alla ricerca dei sette lord, dimostra di poter diventare un ragazzo diverso dall’insopportabile cugino dei Pevensie, un ragazzo migliore.
  • Ne La sedia d'argento: Egli è senza dubbio l'eroe protagonista, il giovane con l’importante missione da compiere per il bene degli altri e per la pace di un mondo al quale non appartiene e per il quale, eppure, prova un grande e profondo rispetto. In questo libro si assiste alla vera maturità del personaggio, soprattutto nella calma e nella responsabilità nel dover affrontare le vicende ed i pericoli.
  • Ne L'ultima battaglia: Eustachio si ripresenta per la seconda volta nel ruolo dell'aiutante, ancora deciso a mantenere alto l'onore del regno di Narnia e a proteggerla superando pericoli ed insidie, aiuta l'ultimo re di Narnia Tirian, combattendo con forza, decisione e determinazione, rivelandosi un coraggioso cavaliere, in grado di difendere ciò che ama, anche se questo, gli potrebbe costare la vita.