Fauno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un Fauno mentre suona il flauto di Pan (dipinto di Pál Szinyei Merse, XIX secolo)

Il Fauno è una figura della mitologia romana, una divinità della natura, per la precisione è la divinità della campagna e dei boschi. Il suo aspetto è dalle forme umane, ma con i piedi e con le corna di capra. Più tardi fu fatto corrispondere al Satiro della mitologia greca, benché quest'ultimo fosse legato al culto del dio Dioniso (Bacco per i Romani).

Il mito[modifica | modifica wikitesto]

Fauno

Inizialmente era il dio della campagna,dei pascoli e dell'agricoltura, contrapposto al dio dei boschi Silvano. È una delle più antiche divinità italiche, nonché l'istitutore dei Salii e dei Luperci, le due solidalitates dedicate al culto iniziatico di Marte. Aveva come passatempi la caccia e corteggiare le ninfe. Amava suonare il flauto ed era portatore di istinti sessuali. Il suo aspetto era dalle forme umane ma con le gambe da capra e le corna sul capo.

In alcune versioni del mito è identificato con un antico re del Lazio, nipote di Saturno o di Marte, figlio di Pico e Canente o Pomona e, secondo l'Eneide, padre di Latino, il quale - dopo la morte - fu venerato sia come protettore di raccolti e armenti (Inuus), sia per le sue facoltà di oracolari (Fatuus). Secondo una versione latina, era figlio di Giove e della maga Circe. La sua sposa era Fauna, chiamata anche Fatua; in versioni tarde fu associato al dio greco Pan, oltre che al Satiro. Secondo dei miti romani, ripresi poi nell'Eneide da Virgilio, Fauno era lo sposo di Marica, divinità delle acque, dalla quale ebbe Latino. Insieme a una ninfa siciliana avrebbe generato invece il bellissimo pastore Aci.

Per altri sarebbe stato il terzo re preistorico dell'Italia, e avrebbe introdotto nella penisola il culto della divinità e l'agricoltura; dopo la morte gli vennero dedicati molti onori e venne venerato come dio dei boschi, protettore delle greggi e degli armenti. Secondo altre fonti, i Fauni sarebbero stati antichi pastori, abitanti, ai primordi del mondo, nel territorio sul quale verrà fondata Roma[1].

Il dio Fauno era anche chiamato Luperco, in qualità di difensore delle greggi e degli abitanti della campagna dagli assalti dei lupi e lupo egli stesso (Lupercus = lupus + hircus).

Nell'Eneide si fa riferimento anche a un Fauno omonimo del dio: è il padre del giovane guerriero italico Tarquito ucciso da Enea in combattimento. Tarquito risulta essere comunque un semidio, in quanto sua madre è la ninfa Driope.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Nelle comunità rurali, la sua festa (Faunàlia), ricorreva il 5 dicembre tra danze e processioni.

L'unico tempio a lui dedicato in Roma, il Tempio di Fauno, si trovava sull'Isola Tiberina. Nei pressi di un bosco situato nelle vicinanze della fontana Albunea, esisteva un celebre oracolo, dedicato al dio Fauno.

In onore del dio Fauno, protettore delle greggi e del bestiame dagli attacchi dei lupi, venivano celebrati i Lupercalia,feste purificatorie che consistevano nell'allontanare due gruppi di sacerdoti nelle foreste dopo essersi truccati in modo spaventoso, vestiti con le pelli degli animali sacrificati. Probabilmente erano associati al mito dei Silvani. Si pensa che tale rito avesse anche funzione iniziatoria all'età adulta. Si teorizza anche che questa festa sia l'antenata dell'attuale San Valentino.

Dopo i Romani[modifica | modifica wikitesto]

Il Fauno (di Carlos Schwabe, 1923)

Nei primi secoli dell'era cristiana, molte divinità pagane vennero demonizzate e i Fauni furono associati ai Satiri e ai Silvani. Furono associati al demonio Incubo (mitologia). La figura del Fauno diverrà in seguito quella del diavolo-tipo. Nello stesso periodo, però, i Fauni vennero anche convertiti in esseri non malvagi, simili ai folletti[1].

Nel mondo moderno e nella cultura[modifica | modifica wikitesto]

Nell'epoca moderna i Fauni sono stati spesso soggetto di dipinti ed opere d'arte, nonché sono presenti in libri, film e produzioni varie, essendo diventati anche figure ricorrenti del genere fantasy.

Opere d'arte[modifica | modifica wikitesto]

Nella letteratura[modifica | modifica wikitesto]

In musica e in danza[modifica | modifica wikitesto]

Nel cinema[modifica | modifica wikitesto]

Nei videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel secondo capitolo della saga del draghetto Spyro, intitolato Spyro: Ripto's Rage!, sono presenti diversi Fauni femmina. Il principale è senza dubbio Elòra, amica e aiutante di Spyro, che si mostra come una donna con le zampe, gli zoccoli e la coda da cavallo. Nel mondo Colline Frattura invece appaiono, assieme a dei Satiri, altri Fauni di genere femminile, resi curiosi dallo yo-yo con cui giocano continuamente.
  • Appaiono in God of war II dove,a differenza dei Satiri,appaiono come creature con gambe da capra ma con busto da non-morto.
  • Appare nel videogioco Le cronache di Narnia: Il leone, la strega e l'armadio

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ma l'esistenza mi attira, mi vedo riflesso sulle acque del lago, sogno pomeridiano di un fauno che si sveglia. (Franco Battiato, Serial killer, L'imboscata, 1996)
  • Nel mezzo, un prato; è coperto di verdeggiante muschio, da una roccia sgorgava una vena d'acqua perenne; ad essa quasi soltanto Fauno e Pico si dissetavano (Ovidio, Fasti).
  • Si rivolge agli oracoli di Fauno, il padre profetico, e consulta i divini boschi sotto l'alta Albunea, massima tra le selve, che risuona dal sacro fonte ed esala violenti vapori mefitici. (Virgilio, Eneide).
  • Il detto più famoso del Fauno a chi lo interrogava era : " ogni tipo di saggezza umana è vana ". (Marco Terenzio Varrone, De lingua Latina).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b "Dizionario dei mostri", di Massimo Izzi, ediz. L'Airone, Roma, 1997, (alla pag.48 - voce "Faunus/fauni")

Fonti antiche[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN74652040 · GND: (DE11892088X
mitologia romana Portale Mitologia romana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia romana